20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/07/2017, 12.30

    VATICANO

    Papa al G20: Affrontare i conflitti in atto e le migrazioni per un’economia mondiale inclusiva e sostenibile



    Su richiesta di Angela Merkel, papa Francesco scrive ai capi di Stato e di governo presenti ad Amburgo per il vertice delle maggiori economie mondiali. Un “accorato appello” perché si affrontino le tragiche situazioni “del Sud Sudan, del bacino del Lago Ciad, del Corno d’Africa e dello Yemen, dove ci sono 30 milioni di persone che non hanno cibo e acqua per sopravvivere”. La contraddizione fra l’apparente unità nei “fori comuni economici” e la persistenza di “conflitti bellici”. Prendere esempio dai grandi leader del recente passato: Schuman, De Gasperi, Adenauer, Monnet. Tenere conto della grande maggioranza della popolazione, anche se essa rappresenta solo al 10% dell’economia mondiale.

     

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Per “una crescita economica mondiale che sia inclusiva e sostenibile” occorre porre attenzione “ai conflitti in atto e al problema mondiale delle migrazioni”, dando “priorità assoluta ai poveri, ai profughi, ai sofferenti, agli sfollati e agli esclusi, senza distinzione di nazione, razza, religione o cultura”: sono alcuni dei suggerimenti che papa Francesco offre ai capi di Stato e di governo presenti ad Amburgo al G20 in una lettera che il pontefice ha inviato alla cancelliera Angela Merkel, dopo una sua richiesta durante il loro recente incontro in Vaticano lo scorso 17 giugno (v. foto).

    Il pontefice esprime “alcune considerazioni che stanno a cuore a me e a tutti i Pastori della Chiesa Cattolica”, cadenzandole su “quattro principi di azione per la costruzione di società fraterne giuste e pacifiche”, che egli ha elencato e spiegato nell’Evangelii gaudium: “il tempo è superiore allo spazio; l’unità prevale sul conflitto; la realtà è più importante dell’idea; e il tutto è superiore alle parti”.

    Il primo principio, il tempo è superiore allo spazio, esprime che “non esistono soluzioni immediate e del tutto soddisfacenti” ai problemi della povertà, delle migrazioni e delle guerre. Per questo è necessario - spiega il papa - almeno “mettere in moto processi che siano capaci di offrire soluzioni progressive e non traumatiche”. Ma per una loro efficacia, è fondamentale che sia “chiaramente presente” fin dall’inizio “l’obiettivo finale del processo”. “Nei cuori e nelle menti dei governanti e in ognuna delle fasi d’attuazione delle misure politiche c’è bisogno di dare priorità assoluta ai poveri, ai profughi, ai sofferenti, agli sfollati e agli esclusi, senza distinzione di nazione, razza, religione o cultura, e di rigettare i conflitti armati”.

    In particolare, il pontefice chiede con “un accorato appello” attenzione alla “tragica situazione del Sud Sudan, del bacino del Lago Ciad, del Corno d’Africa e dello Yemen, dove ci sono 30 milioni di persone che non hanno cibo e acqua per sopravvivere”.

    Sul secondo principio, l’unità prevale sul conflitto, Francesco chiede al mondo “di porre fine a tutte queste inutili stragi” dei “conflitti attuali o potenziali”. Ma ciò non sarà possibile “se tutte le parti non si impegnano a ridurre sostanzialmente i livelli di conflittualità, a fermare l’attuale corsa agli armamenti e a rinunciare a coinvolgersi direttamente o indirettamente nei conflitti, come pure se non si accetta di discutere in modo sincero e trasparente tutte le divergenze”. Francesco fa notare che “è una tragica contraddizione e incoerenza l’apparente unità in fori comuni a scopo economico o sociale e la voluta o accettata persistenza di confronti bellici”.

    Spiegando le conseguenze del terzo principio, la realtà è più importante dell’idea, Francesco ricorda che “le tragiche ideologie della prima metà del secolo XX sono state sostituite dalle nuove ideologie dell’autonomia assoluta dei mercati e della speculazione finanziaria (cfr. EG, 56). Esse lasciano una scia dolorosa di esclusione e di scarto, e anche di morte”. Dove vi sono stati successi, questi sono stati guidati “dal primato dell’essere umano e dalla ricerca di integrare e di coordinare realtà diverse e a volte contrastanti, a partire dal rispetto di ogni singolo cittadino”. Il papa prega Dio che al vertice di Amburgo i leader vengano ispirati dalle grandi personalità politiche del recente passato: “Schuman, De Gasperi, Adenauer, Monnet e tanti altri”.

    Dal “tutto è superiore alle parti” consegue che tutte le soluzioni ai problemi “devono considerare le ripercussioni su tutti i Paesi e tutti i loro cittadini, nonché rispettare i loro pareri e le loro opinioni”. Per questo, sebbene il G20 abbracci i Paesi “rappresentano il 90% della produzione mondiale di beni e di servizi”, esso deve tenere conto della “grande maggioranza che in termini economici rappresenta solo il 10 % del totale”, ma è anche quella che soffre di più “gli effetti perniciosi delle crisi economiche”, di cui ha “ben poca o nessuna responsabilità”. Da qui il richiamo a lavorare in stretto rapporto con l’Onu, a “rispettare e onorare i trattati internazionali” ed a “continuare a promuovere il multilateralismo”.

    A conclusione della lettera, Francesco invoca la “benedizione di Dio sull’incontro di Amburgo e su tutti gli sforzi della comunità internazionale per attivare una nuova era di sviluppo innovativa, interconnessa, sostenibile, rispettosa dell’ambiente e inclusiva di tutti i popoli e di tutte le persone”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/12/2013 INDIA - VATICANO
    Sacerdote indiano: L'Evangelii Gaudium sfida il popolo di Mumbai
    P. Aniceto Pereira, vice rettore della basilica di Nostra Signora del Monte a Bandra, commenta l'Esortazione apostolica di papa Francesco, "il Giovanni Battista di questa generazione". Secondo il sacerdote, nel documento le critiche alla cultura e all'economia di oggi toccano da vicino la città indiana, stretta tra "una ricchezza sfavillante e una povertà che uccide, anche a livello spirituale".

    18/11/2013 VATICANO
    Papa: per la conclusione dell'Anno della fede l'esortazione apostolica Evangelii gaudium
    Il documento verrà consegnato simbolicamente a un vescovo, a un sacerdote e a un diacono, durante la messa conclusiva dell'Anno della fede, rito che vedrà, per la prima volta, l'esposizione delle reliquie di san Pietro. Gli altri "gesti" che concluderanno questo tempo saranno la visita che Papa Francesco farà al monastero delle Monache Camaldolesi all'Aventino, giovedì prossimo e sabato la giornata dei catecumeni.

    13/03/2014 VATICANO
    Un anno di Papa Francesco: la rivoluzione nella tradizione
    Dal 13 marzo 2013 Jorge Mario Bergoglio, divenuto "vescovo di Roma", sta trasformando la Chiesa con la sua testimonianza personale. Il suo appello a una Chiesa dei poveri, all'uscire, a curare l'"ospedale da campo del mondo" sono il miglior frutto del Concilio Vaticano II. Pullulano le interpretazioni tradizionaliste e progressiste, di destra e di sinistra, ma questo papa vuole soltanto che il mondo incontri la salvezza di Gesù Cristo.

    19/09/2014 VATICANO
    Papa: Evangelii gaudium, tante persone "stanche e sfinite" attendono la Chiesa
    Ai partecipanti all'Incontro internazionale "Il progetto pastorale di Evangelii gaudium", Francesco sottolinea la necessità dell'ascolto e della vicinanza umana come chiave per un'evangelizzazione efficace. "Il nostro compito non è fatto da una convulsa serie di iniziative o da un'ordinata codificazione. Facciamo il bene, ma senza aspettarci la ricompensa. Seminiamo e diamo testimonianza".

    25/12/2016 10:18:00 VATICANO
    Papa: nella notte di Natale pensiamo ai bambini che anche oggi soffrono guerra e fame

    Oggi, come al tempo di Gesù, “se vogliamo festeggiare il vero Natale contempliamo questo segno: la semplicità fragile di un piccolo neonato, la mitezza del suo essere adagiato, il tenero affetto delle fasce che lo avvolgono. Lì sta Dio.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®