06/04/2005, 00.00
BANGLADESH - VIAGGI IN ASIA - SCHEDA
Invia ad un amico

Papa incoraggia i cristiani del Bangladesh a costruire verità e pace con i musulmani

Dhaka (AsiaNews) – "Comunione e fratellanza" è il tema della visita pastorale del papa in Bangladesh dal 18 al 20 novembre 1986. Allo stadio nazionale Ershad a Dhaka, parlando di fronte a 50 mila persone, di cui 3 mila non cattolici, Giovanni Paolo II incoraggia i cristiani a maggior dialogo con i musulmani: "Dovete dimostrare loro e ai fedeli di altre religioni che il cristianesimo vi aiuta a valorizzare e a rispettare la cultura e l'eredità del Bangladesh".

Lo stesso pontefice si definisce in questa occasione "un pellegrino (che viene) in spirito di amore fraterno e stima per tutti".

Il papa sottolinea poi che la società non può dimenticare i suoi "obblighi" verso i poveri e allo stesso tempo esprime la speranza che i bangladeshi "non si diano per vinti finché (nel paese) non prevarranno i valori di pace, misericordia e amore".

Il 19 novembre Giovanni Paolo II visita Savar, 32 km nordovest da Dhaka. Qui depone una corona di fiori in memoria dei martiri nazionali, morti durante la guerra di liberazione nel 1971. Infrangendo il protocollo il papa si inginocchia davanti all'altare e prega per loro. Nel libro delle visite egli scrive: "Animae justorum sunt in manu Dei" (Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio).

In Bangladesh su una popolazione di 141.340.476 abitanti l'83% è musulmano, il 16% indù; i cristiani non arrivano neppure all'1%. (MA)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Indonesia, nel più grande paese islamico il papa chiede piena libertà religiosa
04/04/2005
Sei milioni di copie per il Papa
06/12/2004
Kazakistan, dopo l'11 settembre: il papa abbraccia i musulmani e condanna il terrorismo
06/04/2005
Tokyo, il papa che parla giapponese e danza con i bambini
03/04/2005
Pakistan 1981, l'invito alla collaborazione tra Chiesa locale e Stato
05/04/2005