12/01/2016, 00.00
VATICANO

Papa: è la preghiera dei fedeli che cambia la Chiesa, a portarla avanti non sono papi e vescovi, ma i santi

“Con quanta facilità noi giudichiamo le persone, con quanta facilità non abbiamo il rispetto di dire: ‘Ma cosa avrà nel suo cuore? Non lo so, ma io non dico nulla…’”. Quando “manca la pietà nel cuore, sempre si pensa male” e non si comprende chi invece prega “col dolore e con l’angoscia” e “affida quel dolore e angoscia al Signore”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – “La preghiera dei fedeli cambia la Chiesa: non siamo noi, i papi, i vescovi, i sacerdoti” a “portare avanti la Chiesa”, ma “sono i Santi”. L’ha detto oggi papa Francesco durante la messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, commentando il passo del libro di Samuele che racconta la preghiera di Anna - che supplica in lacrime Dio di donarle un figlio – mentre il sacerdote Eli la osserva distrattamente da lontano, seduto su un seggio del tempio.

La scena descritta dal fa prima udire le parole accorate di Anna e poi i pensieri del sacerdote, il quale non riuscendo a udire niente bolla con malevola superficialità il muto bisbiglìo della donna: per lui è solo “un’ubriaca”. E invece, come poi accadrà, quel pianto a dirotto sta per strappare a Dio il miracolo richiesto. “Anna pregava in cuor suo e si muovevano soltanto le labbra, ma la voce non si udiva. Questo è il coraggio di una donna di fede che con il suo dolore, con le sue lacrime, chiede al Signore la grazia. Tante donne brave sono così nella Chiesa, tante!, che vanno a pregare come se fosse una scommessa… Ma pensiamo soltanto a una grande, Santa Monica, che con le sue lacrime è riuscita ad avere la grazia della conversione di suo figlio, Sant’Agostino. Tante ce ne sono così”.

Quanto a Eli, il sacerdote, è “un povero uomo” verso il quale, ha detto Francesco, “sento una “certa simpatia” perché “anche in me trovo difetti che mi fanno avvicinare a lui e capirlo bene”. “Con quanta facilità noi giudichiamo le persone, con quanta facilità non abbiamo il rispetto di dire: ‘Ma cosa avrà nel suo cuore? Non lo so, ma io non dico nulla…’”. Quando “manca la pietà nel cuore, sempre si pensa male” e non si comprende chi invece prega “col dolore e con l’angoscia” e “affida quel dolore e angoscia al Signore”. “Questa preghiera l’ha conosciuta Gesù nell’Orto degli Ulivi, quando era tanta l’angoscia e tanto il dolore che gli è venuto quel sudore di sangue. E non ha rimproverato il Padre: ‘Padre, se tu vuoi toglimi questo, ma sia fatta la tua volontà’. E Gesù ha risposto sulla stessa strada di questa donna: la mitezza. Delle volte, noi preghiamo, chiediamo al Signore, ma tante volte non sappiamo arrivare proprio a quella lotta col Signore, alle lacrime, a chiedere, chiedere la grazia”.

Il Papa ha ricordato ancora la storia di quell'uomo di Buenos Aires che, con la figlia di 9 anni ricoverata in fin di vita, va di notte dalla Vergine di Lujàn e passa la notte aggrappato alla cancellata del Santuario a chiedere la grazia della guarigione. E la mattina dopo, ritornando in ospedale, trova la figlia guarita. “La preghiera fa miracoli. Anche fa miracoli a quelli che sono cristiani, siano fedeli laici, siano sacerdoti, vescovi che hanno perso la devozione pietà. La preghiera dei fedeli cambia la Chiesa: non siamo noi, i papi, i vescovi, i sacerdoti, le suore a portare avanti la Chiesa, sono i santi! E i santi sono questi, come questa donna. I santi sono quelli che hanno il coraggio di credere che Dio è il Signore e che può fare tutto”.

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: Una giornata di preghiera e digiuno per la pace il 23 febbraio
04/02/2018 12:15
Papa: la preghiera può fare miracoli, ma non pregare davanti a una situazione difficile è "chiudere la porta al Signore, perché Lui non possa fare nulla"
08/10/2013
Papa: una preghiera coraggiosa, "a cuore aperto", può far sì che Gesù compia un miracolo
20/05/2013
Papa: chiediamoci se seguiamo Gesù per fede o per ‘interesse’
16/04/2018 11:29
Papa: Dio ci aiuti a non vivere da egoista o affarista, ma di avere una “vita di fede” che “fa miracoli”
29/05/2015