05/04/2017, 10.38
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: “inorriditi” per stragi in Siria e Russia

“Ferma deplorazione per l’inaccettabile strage avvenuta ieri nella provincia di Idlib”. “Quanti hanno responsabilità” a livello locale e internazionale fermino “questa tragedia”.

 

 

Città del Vaticano (AsiaNews) – Orrore e deplorazione di papa Francesco per gli attentati che in questi giorni hanno colpito Siria e Russia. Al termine dell’udienza generale di oggi egli ha detto: “Il mio pensiero va in questo momento al grave attentato dei giorni scorsi nella metropolitana di San Pietroburgo, che ha provocato vittime e smarrimento nella popolazione. Mentre affido alla misericordia di Dio quanti sono tragicamente scomparsi, esprimo la mia spirituale vicinanza ai loro familiari e a tutti coloro che soffrono a causa di questo drammatico evento”.

“Assistiamo inorriditi – ha aggiunto - agli ultimi eventi in Siria. Esprimo la mia ferma deplorazione per l’inaccettabile strage avvenuta ieri nella provincia di Idlib, dove sono state uccise decine di persone inermi, tra cui tanti bambini. Prego per le vittime e i loro familiari e faccio appello alla coscienza di quanti hanno responsabilità politiche, a livello locale e internazionale, affinché cessi questa tragedia e si rechi sollievo a quella cara popolazione da troppo tempo stremata dalla guerra. Incoraggio, altresì, gli sforzi di chi, pur nell’insicurezza e nel disagio, si sforza di far giungere aiuto agli abitanti di quella regione”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa a Cuba: “le famiglie non sono un problema”, sono un’opportunità da curare, proteggere, accompagnare
22/09/2015
Sri Lanka: Papa, tristezza e dolore per cristiani colpiti in preghiera
21/04/2019 12:35
Papa: la libertà di espressione è un diritto fondamentale, ma lo è anche quello di una fede di non essere messa in ridicolo
15/01/2015
Papa: al G20, non rimanere inerti e cercare la trattativa di fronte al dramma della Siria
05/09/2013
Papa in Kenya: l’estremismo nasce dalla mancanza di istruzione e di lavoro
27/11/2015