24 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/02/2017, 13.18

    VATICANO

    Papa: “l’inclusione arricchisce ogni comunità e società”



    Francesco ha ricevuto una delegazione degli atleti di Special Olympics, l’associazione diffusa in 170 Paesi del mondo, che organizza allenamenti ed eventi sportivi per ragazzi e adulti con disabilità mentale. “Lo sport ci aiuta a diffondere la cultura dell’incontro e della solidarietà. Insieme, atleti e assistenti, ci mostrate che non ci sono ostacoli né barriere che non possano essere superati”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Ogni vita è preziosa, ogni persona è un dono e l’inclusione arricchisce ogni comunità e società”. Questo, nelle parole del Papa, è il messaggio che portano al mondo gli atleti di Special Olympics, l’associazione diffusa in 170 Paesi del mondo, che organizza allenamenti ed eventi sportivi per ragazzi e adulti con disabilità mentale.

    Salutando una delegazione degli atleti che parteciperanno ai Giochi invernali, in programma a marzo in Austria, Francesco ha sottolineato il valore che lo sport può offrire a quanti lo praticano con impegno, sottolineando il giuramento dell’atleta Special Olympics: “Che io possa vincere, ma, se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze”. “L’attività sportiva – ha detto ancora - fa bene al corpo e allo spirito, e vi permette di migliorare la qualità della vostra vita. La preparazione costante, che richiede anche fatiche e sacrifici, vi fa crescere nella pazienza e nella perseveranza, vi dà forza e coraggio e vi fa acquisire e sviluppare capacità che altrimenti rimarrebbero nascoste. Sono sicuro che tutti voi avete fatto questa esperienza. E così ci si sente gratificati e anche riconosciuti, valorizzati nelle proprie abilità”.

    “Alla base di tutta l’attività sportiva c’è, in un certo senso, la gioia: la gioia di muoversi, la gioia di stare insieme, la gioia per la vita e i doni che il Creatore ci fa ogni giorno. Vedendo un bel sorriso sui vostri volti e la grande felicità nei vostri occhi quando siete riusciti bene in una competizione – e la vittoria più bella è proprio quella di superare sé stessi –, ci rendiamo conto di cosa vuol dire una gioia sincera e ben meritata! E possiamo imparare da voi a gioire per le cose piccole e semplici, e a gioire insieme. Lo sport, inoltre, ci aiuta a diffondere la cultura dell’incontro e della solidarietà. Insieme, atleti e assistenti, ci mostrate che non ci sono ostacoli né barriere che non possano essere superati. Siete un segno di speranza per quanti si impegnano per una società più inclusiva. Ogni vita è preziosa, ogni persona è un dono e l’inclusione arricchisce ogni comunità e società. Questo è il vostro messaggio per il mondo, per un mondo senza confini e senza esclusioni!”.

    “Cari amici – ha concluso il Papa - i Giochi Invernali Mondiali Special Olympics saranno un bel momento nella vostra vita. Voi sarete, come dice il motto di questa edizione, il ‘battito del cuore per il mondo’”.

    Sono oltre 4 milioni i ragazzi e gli adulti atleti con disabilità intellettiva e più di 1 milione i volontari che partecipano alle iniziative messe in campo dall’organizzazione, fondata da Eunice Mary Kennedy Shriver e oggi presieduta dal figlio Timothy Shriver.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/03/2014 VATICANO
    Papa ai ciechi e sordi: Gesù incontra persone segnate dalla malattia per renderle testimoni
    Nel raduno con seimila persone del Movimento apostolico ciechi e della Piccola missione per i sordomuti, papa Francesco parla della "cultura dell'incontro" e di quella "dell'esclusione", ricordando il cieco nato. "Solo chi riconosce la propria fragilità, il proprio limite può costruire relazioni fraterne e solidali, nella Chiesa e nella società". Il saluto ai presenti mentre la folla agita le mani come applauso.

    16/12/2005 VATICANO
    Il Papa: conflitti, terrorismo, ma anche crisi dei valori causano disagio mentale

    Nel messaggio per la Giornata del malato Benedetto XVI invita le strutture sociali e le comunità ecclesiali a sostenere coloro che soffrono di malattie mentali e le loro famiglie.



    12/02/2006 VATICANO
    Papa: Cristo è colui che guarisce dalla malattia, metafora della condizione umana

    All'Angelus Benedetto XVI parla della Giornata del malato, ricorda i 75 anni della Radio vaticana ed augura che le Olimpiadi si svolgano nel segno dei valori della lealtà, della gioia e della fraternità.



    20/09/2016 11:23:00 THAILANDIA
    Manifestazioni e sport: Bangkok festeggia la Giornata nazionale dei giovani

    Appuntamento fisso dal 1985, la ricorrenza viene celebrata nel giorno della nascita di due re del passato. Le scuole cattoliche hanno organizzato attività e gare sportive. Vescovo che si occupa della pastorale giovanile: “I ragazzi siano seminatori di speranza nel mondo. Dio ha bisogno delle loro mani”.

     



    29/08/2015 FILIPPINE - VATICANO
    Giornata mondiale del creato: con il papa, la Chiesa filippina celebra messe, mostre, incontri
    A Manila l’evento coincide con l’inizio della “Stagione del creato”; il card Tagle presiederà la messa solenne. Nelle parrocchie previsti incontri, seminari e manifestazioni sui temi ambientali. Il porporato rinnova l’impegno per la raccolta di un milione di firme da consegnare alla conferenza sul clima di novembre.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®