20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/02/2017, 13.18

    VATICANO

    Papa: “l’inclusione arricchisce ogni comunità e società”



    Francesco ha ricevuto una delegazione degli atleti di Special Olympics, l’associazione diffusa in 170 Paesi del mondo, che organizza allenamenti ed eventi sportivi per ragazzi e adulti con disabilità mentale. “Lo sport ci aiuta a diffondere la cultura dell’incontro e della solidarietà. Insieme, atleti e assistenti, ci mostrate che non ci sono ostacoli né barriere che non possano essere superati”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Ogni vita è preziosa, ogni persona è un dono e l’inclusione arricchisce ogni comunità e società”. Questo, nelle parole del Papa, è il messaggio che portano al mondo gli atleti di Special Olympics, l’associazione diffusa in 170 Paesi del mondo, che organizza allenamenti ed eventi sportivi per ragazzi e adulti con disabilità mentale.

    Salutando una delegazione degli atleti che parteciperanno ai Giochi invernali, in programma a marzo in Austria, Francesco ha sottolineato il valore che lo sport può offrire a quanti lo praticano con impegno, sottolineando il giuramento dell’atleta Special Olympics: “Che io possa vincere, ma, se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze”. “L’attività sportiva – ha detto ancora - fa bene al corpo e allo spirito, e vi permette di migliorare la qualità della vostra vita. La preparazione costante, che richiede anche fatiche e sacrifici, vi fa crescere nella pazienza e nella perseveranza, vi dà forza e coraggio e vi fa acquisire e sviluppare capacità che altrimenti rimarrebbero nascoste. Sono sicuro che tutti voi avete fatto questa esperienza. E così ci si sente gratificati e anche riconosciuti, valorizzati nelle proprie abilità”.

    “Alla base di tutta l’attività sportiva c’è, in un certo senso, la gioia: la gioia di muoversi, la gioia di stare insieme, la gioia per la vita e i doni che il Creatore ci fa ogni giorno. Vedendo un bel sorriso sui vostri volti e la grande felicità nei vostri occhi quando siete riusciti bene in una competizione – e la vittoria più bella è proprio quella di superare sé stessi –, ci rendiamo conto di cosa vuol dire una gioia sincera e ben meritata! E possiamo imparare da voi a gioire per le cose piccole e semplici, e a gioire insieme. Lo sport, inoltre, ci aiuta a diffondere la cultura dell’incontro e della solidarietà. Insieme, atleti e assistenti, ci mostrate che non ci sono ostacoli né barriere che non possano essere superati. Siete un segno di speranza per quanti si impegnano per una società più inclusiva. Ogni vita è preziosa, ogni persona è un dono e l’inclusione arricchisce ogni comunità e società. Questo è il vostro messaggio per il mondo, per un mondo senza confini e senza esclusioni!”.

    “Cari amici – ha concluso il Papa - i Giochi Invernali Mondiali Special Olympics saranno un bel momento nella vostra vita. Voi sarete, come dice il motto di questa edizione, il ‘battito del cuore per il mondo’”.

    Sono oltre 4 milioni i ragazzi e gli adulti atleti con disabilità intellettiva e più di 1 milione i volontari che partecipano alle iniziative messe in campo dall’organizzazione, fondata da Eunice Mary Kennedy Shriver e oggi presieduta dal figlio Timothy Shriver.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/03/2014 VATICANO
    Papa ai ciechi e sordi: Gesù incontra persone segnate dalla malattia per renderle testimoni
    Nel raduno con seimila persone del Movimento apostolico ciechi e della Piccola missione per i sordomuti, papa Francesco parla della "cultura dell'incontro" e di quella "dell'esclusione", ricordando il cieco nato. "Solo chi riconosce la propria fragilità, il proprio limite può costruire relazioni fraterne e solidali, nella Chiesa e nella società". Il saluto ai presenti mentre la folla agita le mani come applauso.

    21/06/2017 11:52:00 VATICANO
    Papa: per essere santi basta fare il proprio dovere “con il cuore aperto verso Dio”

    “L’ultima parola sulla storia dell’uomo non è l’odio, non è la morte, non è la guerra. In ogni momento della vita ci assiste la mano di Dio, e anche la discreta presenza di tutti i credenti che ci hanno preceduto con il segno della fede”.



    16/12/2005 VATICANO
    Il Papa: conflitti, terrorismo, ma anche crisi dei valori causano disagio mentale

    Nel messaggio per la Giornata del malato Benedetto XVI invita le strutture sociali e le comunità ecclesiali a sostenere coloro che soffrono di malattie mentali e le loro famiglie.



    12/02/2006 VATICANO
    Papa: Cristo è colui che guarisce dalla malattia, metafora della condizione umana

    All'Angelus Benedetto XVI parla della Giornata del malato, ricorda i 75 anni della Radio vaticana ed augura che le Olimpiadi si svolgano nel segno dei valori della lealtà, della gioia e della fraternità.



    20/09/2016 11:23:00 THAILANDIA
    Manifestazioni e sport: Bangkok festeggia la Giornata nazionale dei giovani

    Appuntamento fisso dal 1985, la ricorrenza viene celebrata nel giorno della nascita di due re del passato. Le scuole cattoliche hanno organizzato attività e gare sportive. Vescovo che si occupa della pastorale giovanile: “I ragazzi siano seminatori di speranza nel mondo. Dio ha bisogno delle loro mani”.

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®