24 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/08/2012, 00.00

    VATICANO

    Papa: Anche tra i 12 Apostoli c'era uno che non credeva: Giuda



    All'Angelus Benedetto XVI presenta Giuda, il traditore che, pur non credendo, rimane nella Chiesa. Egli si sente tradito da Gesù, perché si aspettava un "Messia vincente". Al contrario, Pietro "crede e conosce" in Gesù "il Santo di Dio".

    Castel Gandolfo (AsiaNews) -  "Gesù sapeva che anche tra i dodici Apostoli c'era uno che non credeva: Giuda": con un tratto poco usuale nell'omiletica, Benedetto XVI ha parlato di Giuda, del suo non credere, della sua voglia di tradire, del suo essere "un diavolo", in contrasto con la figura di san Pietro che alla domanda di Gesù, "Volete andarvene anche voi?", risponde: "Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio"(Gv 6,68-69).

    Al suo incontro coi pellegrini prima della preghiera dell'Angelus, nel cortile di Castel Gandolfo, il papa ha commentato il vangelo della domenica (21ma durante l'anno, B), che presenta la conclusione del discorso sul "pane di vita", quando i discepoli, rifiutano l'offerta di Gesù di mangiare il suo corpo e il suo sangue e "tornarono indietro e non andavano più con lui"(Gv 6,66).

    "Anche Giuda avrebbe potuto andarsene - ha spiegato il pontefice -  come fecero molti discepoli; anzi, avrebbe dovuto andarsene, se fosse stato onesto. Invece rimase con Gesù. Rimase non per fede, non per amore, ma con il segreto proposito di vendicarsi del Maestro. Perché? Perché Giuda si sentiva tradito da Gesù, e decise che a sua volta lo avrebbe tradito. Giuda era uno zelota, e voleva un Messia vincente, che guidasse una rivolta contro i Romani. Ma Gesù aveva deluso queste attese. Il problema è che Giuda non se ne andò, e la sua colpa più grave fu la falsità, che è il marchio del diavolo. Per questo Gesù disse ai Dodici: «Uno di voi è un diavolo!» (Gv 6,70)".

    Il tema del male, del tradimento e della "sporcizia" nella Chiesa è stato spesso affrontato da Benedetto XVI, anche a pochi mesi dalla sua elezioni a papa, nei testi della Via Crucis 2005. Le sue parole oggi forse daranno nuovi spunti alle voci di trame e complotti emerse con il Vatileaks delle scorse settimane. Rimane comunque il fatto che nella Chiesa vi sono anche persone che "non credono".

    Naturalmente il pontefice ha presentato anche il modello positivo del discepolo: san Pietro.

    "Vedendo che molti dei suoi discepoli se ne andavano - ha detto il pontefice -  Gesù si rivolse agli Apostoli dicendo: «Volete andarvene anche voi?» (Gv 6,67). Come in altri casi, è Pietro a rispondere a nome dei Dodici: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio» (Gv 6,68-69). Su questo passo abbiamo un bellissimo commento di Sant'Agostino, che dice: «Vedete come Pietro, per grazia di Dio, per ispirazione dello Spirito Santo, ha capito? Perché ha capito? Perché ha creduto. Tu hai parole di vita eterna. Tu ci dai la vita eterna offrendoci il tuo corpo e il tuo sangue. E noi abbiamo creduto e conosciuto. Non dice: abbiamo conosciuto e creduto, ma abbiamo creduto e conosciuto. Abbiamo creduto per poter conoscere; se, infatti, avessimo voluto conoscere prima di credere, non saremmo riusciti né a conoscere né a credere. Che cosa abbiamo creduto e che cosa abbiamo conosciuto? Che tu sei il Cristo Figlio di Dio, cioè che tu sei la stessa vita eterna, e nella carne e nel sangue ci dai ciò che tu stesso sei» (Commento al Vangelo di Giovanni, 27, 9)".

    E prima della preghiera dell'Angelus ha concluso: "Preghiamo la Vergine Maria, che ci aiuti a credere in Gesù, come san Pietro, e ad essere sempre sinceri con Lui e con tutti".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/08/2012 VATICANO
    Papa: Preoccuparci per il pane materiale, ma soprattutto rafforzare la fede in Cristo vero "pane di vita"
    All'Angelus a Castel Gandolfo, Benedetto XVI sottolinea che, anche se importanti, le preoccupazioni quotidiane del mangiare, del vestire, della carriera, non possono essere l'unico orizzonte. La fede in Cristo non è seguire un'idea, un progetto, ma un incontro con una Persona viva. Gesù, vero pane di vita sazia la nostra fame di senso e di verità.

    12/08/2012 VATICANO
    Papa: Preghiera e solidarietà per Filippine, Cina e Iran
    All'Angelus Benedetto XVI ricorda le popolazioni asiatiche colpite dalle alluvioni, in particolare Filippine e Repubblica popolare cinese dove tifoni e piogge hanno fatto centinaia di vittime e milioni di sfollati. Il papa chiede preghiere e solidarietà anche per l'Iran, colpito ieri da un terremoto nella zona di Tabriz, che ha fatto almeno 250 vittime e oltre 2mila feriti. Continua la riflessione su Gesù pane della vita. "Dubitare della divinità di Gesù... significa opporsi all'opera di Dio".

    05/08/2007 VATICANO
    Papa: ricordo di Paolo VI, servitore di Cristo e della Chiesa “in anni non facili”
    Benedetto XVI ricorda anche il patriarca rumeno ortodosso Teoctist per la sua testimonianza ecumenica. La liturgia di questi giorni spinge a “guardare le cose di lassù”: la ricchezza non è “un bene assoluto”.

    18/07/2010 VATICANO
    Papa: Nel cuore dell’estate, dare il primo posto all’ascolto della Parola del Signore
    All’Angelus Benedetto XVI sottolinea che senza la verità e l’amore che Gesù ci dona, “le attività più importanti perdono di valore, e non danno gioia”; “tutto il nostro fare si riduce ad attivismo sterile e disordinato”.

    18/09/2011 VATICANO
    Papa: Preghiamo Maria perché maturino vocazioni per la nuova evangelizzazione
    Benedetto XVI parla con meraviglia dei “protagonisti” della nuova evangelizzazione: uomini e donne, persone consacrate e laici, singoli e famiglie, “operai umili e generosi”. Il Vangelo cambia il mondo “come un fiume che irriga un immenso campo”.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®