18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/12/2017, 12.25

    VATICANO

    Papa: Avvento, colmare i vuoti di omissione, spianare le asperità dell’orgoglio. Appello per il disarmo nucleare e il clima



    All’Angelus papa Francesco invita a una maggiore preghiera e una maggiore carità. Il Premio Nobel per la pace a alla Campagna Internazionale per abolire le armi nucleari. Il “forte legame” tra i diritti umani e il disarmo nucleare. Contrastare i cambiamenti climatici e lottare per uno sviluppo umano integrale. Solidarietà alle famiglie delle vittime del ciclone Okhi in India e agli alluvionati dell’Albania.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Riconoscere i vuoti da colmare nella nostra vita”, le omissioni, e “spianare le asperità dell’orgoglio” per “fare spazio a Gesù che viene”: per papa Francesco è questo il senso dell’Avvento e l’invito che viene dalle letture della messa di oggi (seconda di Avvento). Dopo aver recitato l’Angelus con i fedeli in una piazza san Pietro, addobbata con l'albero e il presepe, il pontefice ha ricordato due appuntamenti mondiali: il Premio Nobel per la Pace alla Campagna Internazionale per abolire le armi nucleari, che viene conferito oggi, e il vertice “Our Planet Summit” a Parigi fra due giorni, in occasione del secondo anniversario dell’adozione dell’Accordo di Parigi sul clima.

    Spiegando le parole del profeta Isaia (40, 1-5.9-11), Francesco ha sottolineato: “Le valli da innalzare rappresentano tutti i vuoti del nostro comportamento davanti a Dio, tutti i nostri peccati di omissione. Un vuoto nella nostra vita può essere il fatto che non preghiamo o preghiamo poco. L’Avvento è allora il momento favorevole per pregare con più intensità, per riservare alla vita spirituale il posto importante che le spetta. Un altro vuoto potrebbe essere la mancanza di carità verso il prossimo, soprattutto verso le persone più bisognose di aiuto non solo materiale, ma anche spirituale”.

    “I monti e i colli che devono essere abbassati sono l’orgoglio, la superbia, la prepotenza. Dobbiamo assumere atteggiamenti di mitezza e di umiltà, per preparare la venuta del nostro Salvatore, che è mite e umile di cuore (cfr Mt 11,29) …. Queste azioni però vanno compiute con gioia, perché sono finalizzate alla preparazione dell’arrivo di Gesù. Quando attendiamo a casa la visita di una persona cara, predisponiamo tutto con cura e felicità. Allo stesso modo vogliamo predisporci per la venuta del Signore: attenderlo ogni giorno con sollecitudine, per essere colmati della sua grazia quando verrà”.

    “Nel Vangelo – ha concluso -  Giovanni Battista attua la figura, annunciata da Isaia, della “voce che grida nel deserto”. Quel deserto ci offre anzitutto l’indicazione del luogo in cui visse e predicò il Battista; ma esso richiama anche il clima di conversione e di penitenza che permette di prepararci all’incontro con il Signore. Giovanni dichiara: «Io vi ho battezzati con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo» (Mc 1,8). Il Salvatore che aspettiamo è capace di trasformare la nostra vita con la forza dello Spirito Santo, con la forza dell’amore. Lo Spirito Santo, infatti, effonde nei nostri cuori l’amore di Dio, fonte inesauribile di purificazione, di vita nuova e di libertà. La Vergine Maria ha vissuto in pienezza questa realtà, lasciandosi ‘battezzare’ dallo Spirito Santo che l’ha inondata della sua potenza. Ella, che ha preparato la venuta del Cristo con la totalità della sua esistenza, ci aiuti a seguire il suo esempio e guidi i nostri passi incontro al Signore che viene”.

    Dopo la preghiera mariana, il papa ha ricordato che oggi viene conferito il Premio Nobel per la pace a alla Campagna Internazionale per abolire le armi nucleari. “Tale riconoscimento – ha spiegato - avviene in coincidenza con la Giornata delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, e questo sottolinea il forte legame tra i diritti umani e il disarmo nucleare. Infatti, impegnarsi per la tutela della dignità di tutte le persone, in modo particolare di quelle più deboli e svantaggiate, significa anche lavorare con determinazione per costruire un mondo senza armi nucleari. Dio ci dona la capacità di collaborare per costruire la nostra casa comune: abbiamo la libertà, l’intelligenza e la capacità di guidare la tecnologia, di limitare il nostro potere, al servizio della pace e del vero progresso (cfr Lett. enc. Laudato si’, 78, 112, 202).

    Ricordando poi l’appuntamento di Parigi, che vuole “consolidare una strategia condivisa per contrastare il preoccupante fenomeno del cambiamento climatico”, il papa auspica che questo vertice favorisca “una chiara presa di coscienza sulla necessità di adottare decisioni realmente efficaci per contrastare i cambiamenti climatici e, nello stesso tempo, combattere la povertà e promuovere lo sviluppo umano integrale”. A questo proposito, egli ha offerto la sua vicinanza alle famiglie delle vittime del ciclone Okhi, che si è abbattuto sulle coste indiane del Tamil Nadu, del Kerala e del Gujarat, e “alla popolazione dell’Albania, duramente provata da gravi inondazioni”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2014 ALBANIA-VATICANO
    Papa Francesco commosso davanti a due testimoni delle persecuzioni: "Oggi abbiamo toccato i martiri"
    Ascoltando un sacerdote, torturato e imprigionato durante la dittatura maoista, e una suora che ha vissuto nei lavori forzati, mantenendo la propria fede e sostenendo quella degli altri, papa Francesco abbandona il discorso preparato e pronuncia un'omelia a braccio. Le persone consacrate sono consolate solo da Dio e sono così capaci di consolare gli altri.

    14/12/2014 VATICANO
    Nella "Domenica della gioia" il papa regala un libretto di preghiere: "Portatelo sempre con voi"
    Dopo la preghiera dell'Angelus, papa Francesco ha regalato ai presenti un libretto tascabile con le preghiere "per i vari momenti della giornata e per le diverse situazioni della vita". In precedenza aveva benedetto i "bambinelli" dei presepi portati dai bambini degli oratori romani. "Con Gesù la gioia è di casa". La candela di Natale in solidarietà con i fedeli polacchi.

    17/12/2017 12:15:00 VATICANO
    Papa: Avvento, la domenica della gioia. Appello e preghiera per sei suore rapite in Nigeria

    All’Angelus, papa Francesco prega per le suore e tutti i rapiti: “possano, in occasione del Natale, ritornare finalmente alle loro case”. Attendere il Signore che viene con Una “gioia costante”, una “preghiera perseverante”, un “continuo rendimento di grazie”. Ai bambini degli oratori romani, per la benedizione dei “Bambinelli”: “Se togliamo Gesù, che cosa rimane del Natale? Una festa vuota”. Gli auguri di buon compleanno a papa Francesco.



    15/11/2016 13:14:00 VATICANO
    Papa: la comune responsabilità sul clima spinga a promuovere forme di sviluppo “solidale”

    Messaggio alla COP22, in corso a Marrakesh dal 7 al 18 novembre. “Possiamo e dobbiamo veicolare la nostra intelligenza per indirizzare la tecnologia, nonché coltivare e anche limitare il nostro potere, e metterli al servizio di un altro tipo di progresso, più sano, più umano, più sociale e più integrale”. “Lo stile di vita basato sulla cultura dello scarto è insostenibile e non deve avere spazio nei nostri modelli di sviluppo e di educazione”.



    11/12/2017 08:42:00 GIAPPONE-NORVEGIA
    Sopravvissuti di Hiroshima al Premio Nobel per la pace contro il nucleare

    Il Premio accettato da Beatrice Fihn, direttore esecutivo dell’Ican (Campagna internazionale per abolire le armi nucleari) e da Setsuko Thurlow, sopravvissuta di Hiroshima. La cerimonia snobbata dagli ambasciatori di Usa, Francia, Gran Bretagna. Il trattato per il bando delle armi nucleari è stato approvato da 122 nazioni, ma non dalle nove potenze nucleari. Finora ha ricevuto solo tre ratificazioni. Il sostegno di papa Francesco.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®