18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/03/2014, 00.00

    VATICANO

    Papa: Come il cieco guarito, “venire alla luce”, rinascere a nuova vita



    All’Angelus papa Francesco contrappone il cieco che arriva fino a credere in Gesù e i “presunti vedenti che continuano a rimanere ciechi nell’anima”. La nostra vita talvolta è “simile a quella del cieco” e talvolta a “quella dei dottori della legge: dall’alto del nostro orgoglio giudichiamo gli altri, e perfino il Signore!”. L’invito a leggere il vangelo di Giovanni per “la strada della luce e la strada della cecità”. Il saluto ai militari italiani che “lavorano per la pace”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - "Alla Vergine Maria affidiamo il cammino quaresimale, perché anche noi, come il cieco guarito, con la grazia di Cristo possiamo 'venire alla luce', rinascere a vita nuova".  E' l'invocazione che papa Francesco ha suggerito oggi ai fedeli radunati in piazza san Pietro prima della preghiera dell'Angelus. Grazie anche alla bella giornata sono giunti circa 30-40mila pellegrini.

    Commentando il vangelo della domenica (IV di Quaresima A, Giov. 9, 1-41), il pontefice ha messo in luce il contrasto fra "l'uomo cieco dalla nascita, al quale Gesù dona la vista" e i "presunti vedenti che continuano a rimanere ciechi nell'anima". Anzi ha consigliato per ben due volte a tutti i presenti, tornando a casa di "prendere il vangelo di Giovanni al capitolo 9 e leggere questa storia del cieco che è diventato vedente e dei presunti vedenti che sono sprofondati sempre più nella loro cecità".

    Il pontefice ha fatto notare anzitutto che "il miracolo è narrato da Giovanni in appena due versetti, perché l'evangelista vuole attirare l'attenzione non sul miracolo in sé, ma su quello che succede dopo, sulle discussioni che suscita". E a braccio ha aggiunto: "Anche sulle chiacchiere. Tante volte un'opera buona suscita tante chiacchiere da parte di persone che non vogliono conoscere la verità. E questo succede anche oggi!".

     "Mentre il cieco si avvicina gradualmente alla luce - ha continuato - i dottori della legge al contrario sprofondano sempre più nella cecità interiore. Chiusi nella loro presunzione, credono di avere già la luce; per questo non si aprono alla verità di Gesù. Essi fanno di tutto per negare l'evidenza. Mettono in dubbio l'identità dell'uomo guarito; poi negano l'azione di Dio nella guarigione, prendendo come scusa che Dio non agisce di sabato; giungono persino a dubitare che quell'uomo fosse nato cieco. La loro chiusura alla luce diventa aggressiva e sfocia nell'espulsione dal tempio dell'uomo guarito".

     "Il cammino del cieco invece è un percorso a tappe - ha aggiunto - che parte dalla conoscenza del nome di Gesù. Non conosce altro di Lui; infatti dice: «L'uomo che si chiama Gesù ha fatto del fango, me lo ha spalmato sugli occhi» (v.11). A seguito delle incalzanti domande dei farisei, lo considera dapprima un profeta (v.17) e poi un uomo vicino a Dio (v.31). Dopo che è stato allontanato dal tempio, Gesù lo trova di nuovo e gli "apre gli occhi" per la seconda volta, rivelandogli la propria identità. 'Io sono il Messia', gli dice. A questo punto colui che era stato cieco esclama: «Credo, Signore!» (v.38), e si prostra davanti a Gesù".

     "Cari fratelli - ha poi detto - la nostra vita a volte è simile a quella del cieco che si è aperto alla luce, a Dio e alla sua grazia. A volte purtroppo è un po' come quella dei dottori della legge: dall'alto del nostro orgoglio giudichiamo gli altri, e perfino il Signore! Oggi, siamo invitati ad aprirci alla luce di Cristo per portare frutto nella nostra vita, per eliminare i comportamenti che non sono cristiani, per camminare decisamente sulla via della santità. Essa ha la sua origine nel Battesimo. Anche noi infatti siamo stati 'illuminati' da Cristo nel Battesimo, affinché, come ci ricorda san Paolo, possiamo comportarci come «figli della luce» (Ef5,8), con umiltà, pazienza, misericordia".

    E ancora a braccio, ha aggiunto: "Questi dottori della legge non avevano né umiltà, né pazienza, né misericordia. Vi suggerisco quando tornate a casa leggete questo capitolo 9, così vedrete la strada della luce e la strada della cecità che diventa sempre più grande. E così potremo vedere com'è il nostro cuore: aperto o chiuso verso Dio e verso il prossimo?

    Sempre abbiamo delle chiusure. Non abbiamo paura, guardiamoci dentro: Lui ci aspetta sempre, per perdonarci".

    E ha concluso: "In questi giorni che ci preparano alla Pasqua ravviviamo in noi il dono ricevuto nel Battesimo, alimentiamo quella fiamma con la preghiera e la carità verso il prossimo".

    Dopo la preghiera mariana, fra i saluti, egli ha citato anche "militari italiani che hanno compiuto un pellegrinaggio a piedi da Loreto a Roma, pregando per la pacifica e giusta risoluzione delle contese". E ha commentato: "E questo è molto bello. Nelle beatitudini Gesù dice che sono beati quelli che lavorano per la pace".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/04/2011 VATICANO
    Papa: Con gioia verso la Pasqua e la beatificazione di Giovanni Paolo II
    Benedetto XVI ha “ricordato con affetto” il papa polacco nel sesto anniversario della morte e che sarà beatificato il prossimo primo maggio. La fede del cieco guarito da Gesù, in opposizione all’indurimento del cuore dei farisei. Anche noi “nati ciechi”, siamo stati illuminati nel battesimo. Ravvivare la fiamma della fede, che talvolta “rischia di essere soffocata”.

    05/11/2017 12:18:00 VATICANO
    Papa: Il cattivo esercizio dell’autorità. La beatificazione di sr Rani Maria a Indore

    All’Angelus, papa Francesco critica “quanti hanno un’autorità, sia civile, sia ecclesiastica”. “L’autorità è un aiuto, ma se viene esercitata male, diventa oppressiva, non lascia crescere le persone e crea un clima di sfiducia e di ostilità e porta anche alla corruzione”. “Personalmente mi addolora vedere persone che psicologicamente vivono correndo dietro alle onorificenze”. La beata Regina (Rani) Maria Vattalil, martire. “Il suo sacrificio sia seme di fede e di pace, specialmente in terra indiana”. Era chiamata “la suore del sorriso”.



    18/08/2013 VATICANO
    Papa: Gesù è la nostra pace, ma senza neutralità o compromessi a tutti i costi
    All'Angelus, Francesco sottolinea che la "divisione" che Gesù porta significa che la fede non è "la panna" che "decora la torta", ma implica "rinunciare al male, all'egoismo e scegliere il bene, la verità, la giustizia, anche quando ciò richiede sacrificio e rinuncia ai propri interessi". E questo divide "anche fra i legami più stretti". Fede e violenza sono incompatibili. In questo Anno della Fede, tenere fisso lo sguardo su Gesù. Preghiera per le vittime del traghetto affondato nelle Filippine e per la pace in Egitto.

    06/10/2013 VATICANO
    Papa: Ottobre, mese dedicato alle missioni, con la forza della fede e nella preghiera del rosario
    All'Angelus, Francesco chiede a tutti di dare testimonianza a Cristo "nella propria vita di ogni giorno". Il rosario è una "scuola" di preghiera e di fede. Nell'Anno della Fede dobbiamo domandare : Accresci la nostra fede! La beatificazione di Rolando Rivi, un bell'esempio per i giovani. La preghiera silenziosa per "i fratelli e le sorelle" morti nel disastro di Lampedusa. Il ricordo del pellegrinaggio ad Assisi.

    08/03/2015 VATICANO
    Papa: In Quaresima costruiamo a Dio un tempio nella nostra vita, permettendogli di "fare pulizia". Il saluto alle donne
    All'Angelus, papa Francesco chiede di fare della nostra esistenza "un segno del suo amore per i nostri fratelli, specialmente i più deboli e i più poveri". Fare pulizia dagli "atteggiamenti di cupidigia, gelosia, mondanità, invidia, odio, quell'abitudine di chiacchierare e spellare gli altri". Un ringraziamento alle donne: dove sono emarginate, "il mondo è sterile". Essere vicini alle persone che vivono momenti di difficoltà.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®