28/06/2015, 00.00
VATICANO

Papa: Crediamo che Gesù ci può guarire e ci può risvegliare dalla morte?

All’Angelus in piazza san Pietro, papa Francesco commenta il vangelo di oggi – una guarigione e una risurrezione - che “hanno un unico centro: la fede”. Una fede “appannata o incerta” tende a confondere “risurrezione con reincarnazione”. “La fede… promuove la vita in ogni situazione”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – “Crediamo che Gesù ci può guarire e ci può risvegliare dalla morte?”:  è la domanda che papa Francesco ha posto ai fedeli e ai pellegrini radunati in piazza san Pietro per la recita dell’Angelus. Per il pontefice questa è la domanda-chiave, il messaggio che è nascosto nel vangelo della domenica di oggi (13ma durante l’anno, B, Marco 5, 21-43), che racconta due episodi della vita di Gesù. Vi è anzitutto quello della guarigione della figlia di Giairo, ormai morta (“Qui – ha detto il papa - si vede il potere assoluto di Gesù sulla morte fisica, che per Lui è come un sonno dal quale ci può risvegliare”). E poi vi è la guarigione della donna che da 12 anni soffriva di perdite di sangue.  Francesco spiega:  “A causa di questa malattia che, secondo la cultura del tempo, la rendeva ‘impura’, ella doveva evitare ogni contatto umano: era condannata ad una morte civile”. Ma ”il bisogno di essere liberata la spinge ad osare e la fede ‘strappa’, per così dire, al Signore la guarigione. Chi crede ‘tocca’ Gesù e attinge da Lui la Grazia che salva”. Attraverso Gesù, “è la voce del Padre celeste che parla…: ‘Figlia, non sei maledetta, non sei esclusa, sei mia figlia!’”. E a braccio aggiunge: “Ogni volta che Gesù si avvicina a noi, quando noi andiamo da lui nella fede, sentiamo questa parola: Tu sei mio figlio, tu sei mia figlia, io guarisco tutto e tutti”.

“Questi due episodi – una guarigione e una risurrezione – hanno un unico centro: la fede. Il messaggio è chiaro, e si può̀ riassumere in una domanda: crediamo che Gesù ci può guarire e ci può risvegliare dalla morte? Tutto il Vangelo è scritto nella luce di questa fede: Gesù è risorto, ha vinto la morte, e per questa sua vittoria anche noi risorgeremo. Questa fede, che per i primi cristiani era sicura, può appannarsi e farsi incerta, al punto che alcuni confondono risurrezione con reincarnazione. La Parola di Dio di questa domenica ci invita a vivere nella certezza della risurrezione: Gesù è il Signore, ha potere sul male e sulla morte, e vuole portarci nella casa del Padre, dove regna la vita. E lì ci incontreremo tutti, tutti quelli che siamo qui in piazza… nella casa del Padre”.

“La Risurrezione di Cristo – conclude il pontefice - agisce nella storia come principio di rinnovamento e di speranza. Chiunque è disperato e stanco fino alla morte, se si affida a Gesù e al suo amore può ricominciare a vivere.  Anche cambiare vita è una risurrezione.

La fede è una forza di vita, dà pienezza alla nostra umanità, e chi crede in Cristo si deve riconoscere perché promuove la vita in ogni situazione, per far sperimentare a tutti, specialmente ai più deboli, l’amore di Dio che libera e salva. Chiediamo al Signore, per intercessione della Vergine Maria, il dono di una fede forte e coraggiosa, che ci spinga ad essere diffusori di speranza e di vita tra i nostri fratelli”.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: le donne furono le prime testimoni delle Risurrezione, sono fondamentali per la fede di oggi
03/04/2013
Papa: anche Dio piange, è un padre che non rinnega, ma aspetta il figliol prodigo
04/02/2014
Papa: Il Signore ci dice: Coraggio, vieni, non sei uno scartato, una scartata, ma figlio, figlia
31/08/2016 12:24
Papa: “nella speranza donataci da Cristo risorto”, chiede la liberazione di p. Tom
10/04/2016 12:14
Papa alla Veglia Pasquale: Non chiudiamoci alla novità che Dio vuole portare nella nostra vita!
31/03/2013