23 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/06/2015, 00.00

    VATICANO

    Papa: Crediamo che Gesù ci può guarire e ci può risvegliare dalla morte?



    All’Angelus in piazza san Pietro, papa Francesco commenta il vangelo di oggi – una guarigione e una risurrezione - che “hanno un unico centro: la fede”. Una fede “appannata o incerta” tende a confondere “risurrezione con reincarnazione”. “La fede… promuove la vita in ogni situazione”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Crediamo che Gesù ci può guarire e ci può risvegliare dalla morte?”:  è la domanda che papa Francesco ha posto ai fedeli e ai pellegrini radunati in piazza san Pietro per la recita dell’Angelus. Per il pontefice questa è la domanda-chiave, il messaggio che è nascosto nel vangelo della domenica di oggi (13ma durante l’anno, B, Marco 5, 21-43), che racconta due episodi della vita di Gesù. Vi è anzitutto quello della guarigione della figlia di Giairo, ormai morta (“Qui – ha detto il papa - si vede il potere assoluto di Gesù sulla morte fisica, che per Lui è come un sonno dal quale ci può risvegliare”). E poi vi è la guarigione della donna che da 12 anni soffriva di perdite di sangue.  Francesco spiega:  “A causa di questa malattia che, secondo la cultura del tempo, la rendeva ‘impura’, ella doveva evitare ogni contatto umano: era condannata ad una morte civile”. Ma ”il bisogno di essere liberata la spinge ad osare e la fede ‘strappa’, per così dire, al Signore la guarigione. Chi crede ‘tocca’ Gesù e attinge da Lui la Grazia che salva”. Attraverso Gesù, “è la voce del Padre celeste che parla…: ‘Figlia, non sei maledetta, non sei esclusa, sei mia figlia!’”. E a braccio aggiunge: “Ogni volta che Gesù si avvicina a noi, quando noi andiamo da lui nella fede, sentiamo questa parola: Tu sei mio figlio, tu sei mia figlia, io guarisco tutto e tutti”.

    “Questi due episodi – una guarigione e una risurrezione – hanno un unico centro: la fede. Il messaggio è chiaro, e si può̀ riassumere in una domanda: crediamo che Gesù ci può guarire e ci può risvegliare dalla morte? Tutto il Vangelo è scritto nella luce di questa fede: Gesù è risorto, ha vinto la morte, e per questa sua vittoria anche noi risorgeremo. Questa fede, che per i primi cristiani era sicura, può appannarsi e farsi incerta, al punto che alcuni confondono risurrezione con reincarnazione. La Parola di Dio di questa domenica ci invita a vivere nella certezza della risurrezione: Gesù è il Signore, ha potere sul male e sulla morte, e vuole portarci nella casa del Padre, dove regna la vita. E lì ci incontreremo tutti, tutti quelli che siamo qui in piazza… nella casa del Padre”.

    “La Risurrezione di Cristo – conclude il pontefice - agisce nella storia come principio di rinnovamento e di speranza. Chiunque è disperato e stanco fino alla morte, se si affida a Gesù e al suo amore può ricominciare a vivere.  Anche cambiare vita è una risurrezione.

    La fede è una forza di vita, dà pienezza alla nostra umanità, e chi crede in Cristo si deve riconoscere perché promuove la vita in ogni situazione, per far sperimentare a tutti, specialmente ai più deboli, l’amore di Dio che libera e salva. Chiediamo al Signore, per intercessione della Vergine Maria, il dono di una fede forte e coraggiosa, che ci spinga ad essere diffusori di speranza e di vita tra i nostri fratelli”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/04/2013 VATICANO
    Papa: le donne furono le prime testimoni delle Risurrezione, sono fondamentali per la fede di oggi
    All'udienza generale, Francesco riprende le catechesi per l'Anno della fede commentando la frase del Credo: ""il terzo giorno è risuscitato secondo le Scritture". Il riferimento alle donne è una prova della storicità dei Vangeli. Davanti al sepolcro vuoto, "le donne sono spinte dall'amore e sanno accogliere questo annuncio con fede: credono, e subito lo trasmettono, non lo tengono per sé". Giovani "portate avanti questa certezza. Il Signore è vivo e cammina al nostro fianco nella vita! Questa è la vostra missione".

    04/02/2014 VATICANO
    Papa: anche Dio piange, è un padre che non rinnega, ma aspetta il figliol prodigo
    Papa Francesco ha commentato le figure bibliche di re Davide, che piange la morte del figlio ribelle Assalonne, e di Giàiro, capo della Sinagoga, che prega Gesù di guarire la figlia. "Ci fa pensare alla prima cosa che noi diciamo a Dio, nel Credo: 'Credo in Dio Padre...'. Ci fa pensare alla paternità di Dio".

    31/08/2016 12:24:00 VATICANO
    Papa: Il Signore ci dice: Coraggio, vieni, non sei uno scartato, una scartata, ma figlio, figlia

    All’udienza papa Francesco commenta il miracolo dell’emorroissa, presa ad esempio della “salvezza” della dignità della donna portata dal Vangelo. E della misericordia che Cristo è pronto a dare ad ogni escluso o peccatore.  Non il mantello, toccato dall’emorroissa, ma “Gesù è l’unica fonte di benedizione da cui scaturisce la salvezza per tutti gli uomini”.



    10/04/2016 12:14:00 VATICANO
    Papa: “nella speranza donataci da Cristo risorto”, chiede la liberazione di p. Tom

    “Tutti noi cristiani siamo chiamati a comunicare questo messaggio di risurrezione a quanti incontriamo, specialmente a chi soffre, a chi è solo, a chi si trova in condizioni precarie, agli ammalati, ai rifugiati agli emarginati”.

     



    31/03/2013 VATICANO
    Papa alla Veglia Pasquale: Non chiudiamoci alla novità che Dio vuole portare nella nostra vita!
    Papa Francesco invita tutti ad accogliere le "sorprese di Dio" e a non averne paura. "I problemi, le preoccupazioni di tutti i giorni tendono a farci chiudere in noi stessi, nella tristezza, nell'amarezza... e lì sta la morte. Non cerchiamo lì Colui che è vivo!". Durante la grande Veglia egli ha amministrato i sacramenti di battesimo, cresima e prima comunione a quattro uomini adulti da Italia, Albania, Russia e Stati Uniti.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®