23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/03/2017, 12.13

    VATICANO

    Papa: Dimenticato il grande dono del battesimo, andiamo in cerca di pozzi le cui acque non ci dissetano



    All’Angelus papa Francesco commenta il dialogo di Gesù con la Samaritana: “Questo Vangelo è proprio per noi!”. La Quaresima occasione per incontrare Gesù “nella preghiera in un dialogo cuore a cuore, vedere il suo volto nel volto di un fratello o di una sorella sofferente”. La vicinanza alla popolazione del Perù, colpita da alluvioni. La beatificazione a Bolzano di Josef Mayr-Nusser, martire del nazismo: un modello per i laici e per i papà.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Cari fratelli, l’acqua che dona la vita eterna è stata effusa nei nostri cuori nel giorno del nostro Battesimo; allora Dio ci ha trasformati e riempiti della sua grazia. Ma può darsi che questo grande dono lo abbiamo dimenticato, o ridotto a un mero dato anagrafico; e forse andiamo in cerca di “pozzi” le cui acque non ci dissetano”. E’ quanto ha detto papa Francesco ai pellegrini radunati in piazza san Pietro per la recita dell’Angelus.

    Il papa ha tratto il simbolo dell’acqua dal commento al vangelo odierno (III Quaresima A, Giov. 4, 5-42), che presenta l’incontro e il dialogo di Gesù con la Samaritana.

    “Mentre i discepoli vanno nel villaggio a procurarsi da mangiare – ha spiegato Francesco -  Gesù rimane presso un pozzo e chiede da bere a una donna, venuta lì ad attingere l’acqua. E da questa richiesta comincia un dialogo. Come mai un giudeo si degna di chiedere qualcosa a una samaritana? Gesù risponde: se tu sapessi chi sono io, e il dono che ho per te, saresti tu a chiedere e io ti darei ‘acqua viva’, un’acqua che sazia ogni sete e diventa sorgente inesauribile nel cuore di chi la beve (vv. 10-14)”.

    “Andare al pozzo ad attingere acqua è faticoso e noioso; sarebbe bello avere a disposizione una sorgente zampillante! Ma Gesù parla di un’acqua diversa. Quando la donna si accorge che l’uomo con cui sta parlando è un profeta, gli confida la propria vita e gli pone questioni religiose. La sua sete di affetto e di vita piena non è stata appagata dai cinque mariti che ha avuto, anzi, ha sperimentato delusioni e inganni. Perciò la donna rimane colpita dal grande rispetto che Gesù ha per lei e quando Lui le parla addirittura della vera fede, come relazione con Dio Padre ‘in spirito e verità’, allora intuisce che quell’uomo potrebbe essere il Messia, e Gesù – cosa rarissima – lo conferma: «Sono io, che parlo con te» (v. 26). Lui dice di essere il messia a una donna che aveva una vita così disordinata”.

    “Questo Vangelo – ha ribadito il pontefice - è proprio per noi! Gesù ci parla come alla Samaritana. Certo, noi già lo conosciamo, ma forse non lo abbiamo ancora incontrato personalmente, sappiamo chi è Gesù, ma forse non l’ho incontrato personalmente, non lo abbiamo ancora riconosciuto come il nostro Salvatore. Questo tempo di Quaresima è l’occasione buona per avvicinarci a Lui, incontrarlo nella preghiera in un dialogo cuore a cuore, parlare con Lui, ascoltare Lui, vedere il suo volto nel volto di un fratello o di una sorella sofferente. In questo modo possiamo rinnovare in noi la grazia del Battesimo, dissetarci alla fonte della Parola di Dio e del suo Santo Spirito; e così scoprire anche la gioia di diventare artefici di riconciliazione e strumenti di pace nella vita quotidiana”.

    “La Vergine Maria – ha concluso - ci aiuti ad attingere costantemente alla grazia che è quell’acqua che scaturisce dalla roccia che è Cristo Salvatore, affinché possiamo professare con convinzione la nostra fede e annunciare con gioia le meraviglie dell’amore di Dio, misericordioso e fonte di ogni bene”.

    Dopo la preghiera mariana, Francesco ha espresso la sua vicinanza “alla cara popolazione del Perù, duramente colpita da devastanti alluvioni”. “Prego – ha detto - per le vittime e per quanti sono impegnati nel prestare soccorso”.

    Egli ha poi ricordato che ieri, a Bolzano, è stato beatificato Josef Mayr-Nusser, padre di famiglia ed esponente dell’Azione Cattolica, morto martire perché si rifiutò di aderire al nazismo per fedeltà al Vangelo. “Per la sua grande levatura morale e spirituale – ha commentato il papa - egli costituisce un modello per i fedeli laici, specialmente per i papà, che oggi ricordiamo con grande affetto, anche se la festa liturgica di san Giuseppe, loro patrono, quest’anno sarà celebrata domani. A tutti i papà: li salutiamo con un grande applauso!”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2014 VATICANO
    Papa: il 28 e il 29 marzo una "festa del perdono" in san Pietro e nelle chiese del mondo
    L'annuncio dato da papa Francesco dopo l'Angelus di oggi. "Il perdono che ci dà il Signore si deve festeggiare", come ha fatto "il padre del figliol prodigo". Nell'incontro di Gesù con la samaritana, egli "rompe gli schemi del pregiudizio nei confronti delle donne". I pellegrini invitati a ripetere: "Ogni incontro con Gesù ci cambia la vita; ogni incontro con Gesù ci riempie di gioia". La Giornata mondiale della Tubercolosi e il saluto a una scuola del Giappone.

    24/02/2008 VATICANO
    Papa: Dio ha sete della nostra fede e del nostro amore
    Benedetto XVI commenta il dialogo fra Gesù e la Samaritana, il dono dell’acqua viva alla donna che coi suoi “cinque mariti” mostra “l’insoddisfazione esistenziale di chi non ha trovato ciò che cerca” e vive in modo “ripetitivo e rassegnato”. Appello per le popolazioni dell’Ecuador, colpite da inondazioni e da eruzioni vulcaniche. Appuntamento con gli universitari di Europa e America per la veglia mariana il 1° marzo.

    07/01/2018 12:11:00 VATICANO
    Papa: Fare memoria del proprio battesimo, non considerarlo un fatto del passato

    All’Angelus nella festa del Battesimo del Signore, papa Francesco invoca “la materna protezione della Madre di Dio” per i bambini battezzati stamattina e per quelli battezzati di recente. “La grande umiltà di Gesù”, la sua disponibilità “a immergersi nel fiume dell’umanità, a prendere su di sé le mancanze e le debolezze degli uomini”. “È lo Spirito che apre gli occhi del cuore alla verità, tutta la verità”. Ricordare la data del nostro battesimo. Il saluto ai fedeli provenienti dalla Corea del Sud.



    14/01/2018 12:31:00 VATICANO
    Papa: Cercare Gesù, incontrare Gesù, seguire Gesù: questo è il cammino

    All’Angelus, papa Francesco ricorda la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, che ‘ora in poi si celebrerà alla seconda domenica di settembre. La prossima sarà l’8 settembre 2019. ““Non basta costruirsi un’immagine di Dio basata sul sentito dire; bisogna andare alla ricerca del Maestro divino e andare dove Lui abita”.  “È fondamentale il ruolo di un vero testimone”. “Superare una religiosità abitudinaria e scontata”.  Preghiere per il viaggio del pontefice in Cile e Perù, che inizia domani.



    21/01/2018 10:31:00 VATICANO - PERù
    Papa in Perù: combattere la violenza contro le donne

    Nella celebrazione mariana a Trujillo, Francesco parla di Maria, “Madre meticcia, perché nel suo cuore trovano posto tutte le razze”. A sacerdoti e consacrati ai quali ha raccomandato di ricordare il momento della loro vocazione per essere, come gli apostoli, portatori di gioia e costruttori di comunità.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®