24 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  •    - Armenia
  •    - Azerbaijan
  •    - Georgia
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/01/2018, 12.11

    VATICANO

    Papa: Fare memoria del proprio battesimo, non considerarlo un fatto del passato



    All’Angelus nella festa del Battesimo del Signore, papa Francesco invoca “la materna protezione della Madre di Dio” per i bambini battezzati stamattina e per quelli battezzati di recente. “La grande umiltà di Gesù”, la sua disponibilità “a immergersi nel fiume dell’umanità, a prendere su di sé le mancanze e le debolezze degli uomini”. “È lo Spirito che apre gli occhi del cuore alla verità, tutta la verità”. Ricordare la data del nostro battesimo. Il saluto ai fedeli provenienti dalla Corea del Sud.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “L’odierna festa del battesimo del Signore … ci invita a pensare al nostro battesimo”, a non considerarlo solo “un fatto che è avvenuto nel passato”, ma “l’impegnativa carta d’identità del credente”. Sono i punti salienti sviluppati da papa Francesco nella sua riflessione prima della preghiera dell’Angelus coi pellegrini in piazza san Pietro. In precedenza, stamane, Francesco aveva celebrato la messa nella Cappella Sistina, amministrando il battesimo a 34 bambini e bambine. Dopo la preghiera mariana, egli ha ricordato questo evento e su quei bambini “e su tutti i bambini che sono stati battezzati recentemente” ha invocato “la materna protezione della Madre di Dio, perché, aiutati dall’esempio dei loro genitori, dei padrini e delle madrine, crescano come discepoli del Signore”.

    Nella sua riflessione, riferendosi al vangelo della messa di oggi (Marco 1, 7-11), Francesco ha sottolineato anzitutto “la grande umiltà di Gesù”: “Colui che non aveva peccato, nel mettersi in fila con i penitenti, mescolato fra loro per essere battezzato nelle acque del fiume. Così facendo, Egli ha manifestato ciò che abbiamo celebrato nel Natale: la disponibilità di Gesù a immergersi nel fiume dell’umanità, a prendere su di sé le mancanze e le debolezze degli uomini, a condividere il loro desiderio di liberazione e di superamento di tutto ciò che allontana da Dio e rende estranei ai fratelli”.

    Egli ha poi sottolineato il valore dello Spirito Santo: “È lo Spirito l’artefice del battesimo di Gesù e anche del nostro battesimo. È lo Spirito che apre gli occhi del cuore alla verità, tutta la verità. È lo Spirito che spinge la nostra vita sul sentiero della carità. È lo Spirito il dono che il Padre ha fatto a ciascuno di noi nel giorno del nostro battesimo. È lo Spirito che ci trasmette la tenerezza del perdono divino. Ed è ancora Lui, lo Spirito Santo, che fa risuonare la Parola rivelatrice del Padre: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento» (v. 11)”.

    Da qui, l’importanza del “fare memoria del proprio battesimo”: “Dimenticarlo – ha detto - significa esporsi al rischio di perdere la memoria di quello che il Signore ha fatto in noi, finendo per considerarlo solo come un fatto che è avvenuto nel passato… Grazie al Battesimo, siamo anche capaci di perdonare e di amare chi ci offende e ci fa del male; riusciamo a riconoscere negli ultimi e nei poveri il volto del Signore che ci visita e si fa vicino. Insomma, più che la tappa che scandisce sociologicamente l’iscrizione al registro della parrocchia, quel giorno costituisce l’impegnativa carta d’identità del credente”.

    A braccio, egli ha aggiunto: “Io non posso farvi la domanda se ricordate il vostro battesimo, perché eravamo piccoli. … Ma voi sapete, conoscete in quale giorno siete stati battezzati? Ognuno ci pensi. E se non lo sapete, andando a casa, domandate alla mamma, a papà, ai nonni. È una data importante, da non dimenticare mai. È la data della nostra santificazione, della festa del grande perdono…”.

    Fra i saluti finali, egli ha citato in particolare alcuni “fedeli provenienti dalla Corea del Sud”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/01/2016 VATICANO
    Papa: il Battesimo va testimoniato tutti i giorni, perché è vita nuova da condividere
    “Lo Spirito Santo, ricevuto per la prima volta nel giorno del nostro Battesimo, ci apre il cuore alla Verità, a tutta la Verità. Lo Spirito spinge la nostra vita sul sentiero impegnativo ma gioioso della carità e della solidarietà verso i nostri fratelli. Lo Spirito ci dona la tenerezza del perdono divino e ci pervade con la forza invincibile della misericordia del Padre”.

    08/01/2012 VATICANO
    Papa: Il battesimo è la prima scelta educativa e la prima testimonianza verso i figli
    Benedetto XVI battezza 16 neonati nella Cappella Sistina. L’educazione, compito “arduo”, avviene attraverso la testimonianza. Nel loro impegno i genitori, i padrini e le madrine sono confortati dallo Spirito Santo, dalla preghiera e dai sacramenti.

    08/01/2012 VATICANO
    Papa: Rinnoviamo la gioia di essere figli: come uomini e come cristiani
    Reduce dall’aver battezzato 16 bambini, Benedetto XVI spiega cosa significa essere figli (“Venire al mondo non è mai un scelta”), fino ad essere genitori, se si accoglie la vita come un dono. Nell’essere cristiani accogliamo la vita come un dono del Padre, rivelatoci da Gesù Cristo. Il battesimo è una nuova nascita nello Spirito e “nel grembo della Chiesa”.

    19/03/2017 12:13:00 VATICANO
    Papa: Dimenticato il grande dono del battesimo, andiamo in cerca di pozzi le cui acque non ci dissetano

    All’Angelus papa Francesco commenta il dialogo di Gesù con la Samaritana: “Questo Vangelo è proprio per noi!”. La Quaresima occasione per incontrare Gesù “nella preghiera in un dialogo cuore a cuore, vedere il suo volto nel volto di un fratello o di una sorella sofferente”. La vicinanza alla popolazione del Perù, colpita da alluvioni. La beatificazione a Bolzano di Josef Mayr-Nusser, martire del nazismo: un modello per i laici e per i papà.



    14/08/2016 12:18:00 VATICANO
    Papa: La Chiesa non ha bisogno di burocrati, ma di missionari appassionati

    All’Angelus, papa Francesco mette in luce la necessità che nella Chiesa ci sia sempre il “fuoco” dello Spirito che “ci rende creativi e ci sprona a metterci in movimento per camminare anche su strade inesplorate o scomode, offrendo speranza a quanti incontriamo”. L’invito a prendere “cinque minuti e domandarci: Come va il mio cuore? È freddo, è tiepido o è capace di ricevere questo fuoco?”. Il grazie ai “numerosi sacerdoti e religiosi che, in tutto il mondo, si dedicano all’annuncio del Vangelo con grande amore e fedeltà, non di rado anche a costo della vita”. Il ricordo di san Massimiliano Kolbe.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®