11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/01/2017, 13.22

    VATICANO

    Papa: Gesù aveva autorità perché serviva la gente, era vicino alle persone ed era coerente



    Chi, come gli scribi, si sente principe ha “un’atteggiamento clericalistico”, cioè ipocrita, dice una cosa e ne fa un’altra. “Dirà le verità, ma senza autorità. Invece Gesù, che è umile, che è al servizio, che è vicino, che non disprezza la gente e che è coerente, ha autorità. E questa è l’autorità che sente il popolo di Dio”.

     

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Gesù aveva autorità perché serviva la gente, era vicino alle persone ed era coerente. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto dal Vangelo odierno nel quale si parla dello stupore della gente perché Gesù insegnava “come uno che ha autorità” e non come gli scribi che  erano le autorità del popolo, ma quello che insegnavano non entrava nel cuore, mentre Gesù aveva un’autorità reale: non era “un seduttore”, insegnava la Legge “fino all’ultimo puntino”, insegnava la Verità ma con autorità.

    L’autorità di Gesù e quella dei farisei sono i due poli attorno ai quali ruota l’omelia del Papa. L’una un’autorità reale, l’altra formale. Mentre Gesù “insegnava con umiltà” e dice ai suoi discepoli che “il più grande sia come quello che serve: si faccia il più piccolo”, i farisei si sentivano principi. “Gesù serviva la gente, spiegava le cose perché la gente capisse bene: era al servizio della gente. Aveva un atteggiamento di servitore, e questo dava autorità. Invece, questi dottori della legge che la gente … sì, ascoltava, rispettava ma non sentiva che avessero autorità su di loro, questi avevano una psicologia di principi: 'Noi siamo i maestri, i principi, e noi insegniamo a voi. Non servizio: noi comandiamo, voi obbedite'. E Gesù mai si è fatto passare come un principe: sempre era il servitore di tutti e questo è quello che gli dava autorità".

    E’ essere vicino alla gente, infatti, che conferisce autorità. La vicinanza è quindi la seconda caratteristica che differenzia l’autorità di Gesù da quella dei farisei. “Gesù non aveva allergia alla gente: toccare i lebbrosi, i malati, non gli faceva ribrezzo”, ha sottolineato Francesco, mentre i farisei disprezzavano “la povera gente, ignorante”, gli piaceva passeggiare nelle piazze, ben vestiti. “Erano staccati dalla gente, non erano vicini; Gesù era vicinissimo alla gente, e questo dava autorità. Quelli staccati, questi dottori, avevano una psicologia clericalistica: insegnavano con un’autorità clericalistica, cioè il clericalismo. A me piace tanto quando leggo la vicinanza alla gente che aveva il Beato Paolo VI; nel numero 48 della 'Evangelii Nuntiandi' si vede il cuore del pastore vicino: è lì l’autorità di quel Papa, la vicinanza. Primo, servitore, di servizio, di umiltà: il capo è quello che serve, capovolge tutto, come un iceberg. Dell’iceberg si vede il vertice; invece Gesù capovolge e il popolo è su e Lui che comanda è sotto e da sotto comanda. Secondo, vicinanza”.

    Il terzo punto che differenzia l’autorità degli scribi da quella di Gesù è la coerenza. Gesù “viveva quello che predicava”: “c’era come una unità, un’armonia fra quello che pensava, sentiva, faceva”. Mentre chi si sente principe ha “un’atteggiamento clericalistico”, cioè ipocrita, dice una cosa e ne fa un’altra. “Invece, questa gente non era coerente e la loro personalità era divisa al punto che Gesù consiglia ai suoi discepoli: 'Ma, fate quello che vi dicono, ma non quello che fanno': dicevano una cosa e ne facevano un’altra. Incoerenza. Erano incoerenti. E l’aggettivo che tante volte Gesù dice loro è ipocrita. E si capisce che uno che si sente principe, che ha un atteggiamento clericalistico, che è un ipocrita, non ha autorità! Dirà le verità, ma senza autorità. Invece Gesù, che è umile, che è al servizio, che è vicino, che non disprezza la gente e che è coerente, ha autorità. E questa è l’autorità che sente il popolo di Dio”.

    A conferma, il Papa ha ricordato la parabola del Buon Samaritano. Davanti all’uomo lasciato mezzo morto sulla strada dai briganti, passa il sacerdote e se ne va magari perché c’è il sangue e pensa che se lo avesse toccato, sarebbe diventato impuro, passa il levita e, dice il Papa, “credo che pensasse” che si fosse immischiato sarebbe poi dovuto andare in tribunale a rendere testimonianza e aveva tante cose da fare. Anche lui quindi se ne va. Alla fine viene il samaritano, un peccatore, che, invece, ha pietà. Ma c’è un altro personaggio, il locandiere, che rimane stupito non per l’assalto dei briganti, perché era una cosa che accadeva su quella strada, non per il comportamento del sacerdote e del levita, perché li conosceva, ma per quello del samaritano. Lo stupore del locandiere di fronte al samaritano: “Ma, questo è pazzo”, “non è ebreo, è un peccatore”, poteva pensare. E’ come lo stupore della gente del Vangelo odierno di fronte all’autorità di Gesù: “un’autorità umile, di servizio”, “un’autorità vicina alla gente” e “coerente”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/09/2017 12:21:00 VATICANO
    Papa ai missionari del Sacro Cuore: Il ‘buon vino’ e la missione verso i giovani

    Nell’udienza con il gruppo di partecipanti al capitolo, papa Francesco esorta a trovare “possibili nuovi modi” di vivere il carisma della congregazione fondata nel 1854. Imparare da Gesù a “amare con cuore umano”. L’emergenza educativa per “accompagnare le giovani generazioni”. Valorizzare i laici e non cedere al male del clericalismo.



    29/05/2016 11:34:00 VATICANO
    Papa: Chi annuncia Gesù è chiamato a servire e chi serve annuncia Gesù

    Al Giubileo dei Diaconi, papa Francesco sottolinea che essere apostoli ed essere servitori sono “due facce di una stessa medaglia”. Chi serve “non è schiavo dell’agenda” ed è “aperto all’imprevisto”, che è “la sorpresa quotidiana di Dio”. Il dolore di Francesco nel vedere gli orari delle parrocchie: “Poi, non c’è porta aperta, non c’è prete, non c’è diacono che riceva la gente…”. Essere “in costante dialogo con Gesù”, per “incontrare e accarezzare la carne del Signore nei poveri di oggi”. Il 1 giugno, in occasione della Giornata Internazionale del Bambino, speciale preghiera per la pace dei bambini cattolici e ortodossi della Siria, a cui tutti i bambini sono invitati.



    27/09/2016 11:17:00 VATICANO
    Papa: per vincere la “desolazione spirituale” bisogna “pregare forte”

    “Noi dobbiamo capire quando il nostro spirito è in questo stato di tristezza allargata, che quasi non c’è respiro: a tutti noi capita, questo”. Bisogna pregare, pregare forte, come ha fatto Giobbe: gridare giorno e notte affinché Dio tenda l’orecchio. “E’ una preghiera di bussare alla porta, ma con forza!”.



    03/10/2017 10:41:00 VATICANO
    Papa: avere il coraggio di seguire Gesù “paziente”, andato da solo verso la croce

    Gesù è “deciso e obbediente” alla volontà del Padre, ma davanti a questa decisione, davanti al cammino verso Gerusalemme e verso la croce, i discepoli non seguono il loro Maestro. Fare un colloquio con Gesù: "Quante volte io cerco di fare tante cose e non guardo Te, che hai fatto questo per me? Che sei entrato in pazienza – l’uomo paziente, Dio paziente -, che con tanta pazienza tolleri i miei peccati, i miei fallimenti?



    18/12/2016 12:27:00 VATICANO
    Papa: Con Maria, Giuseppe, il presepio, “cerchiamo di entrare nel vero Natale, quello di Gesù”

    All’Angelus papa Francesco domanda ai fedeli di “fare un po’ di silenzio” durante la settimana prima di Natale” per entrare nella “grazia” della festa della "vicinanza" di Dio all'uomo. Maria e Giuseppe, “le due persone che più di ogni altra sono state coinvolte in questo mistero d’amore”. Appello alla preghiera per il dialogo nella Repubblica popolare del Congo. I ringraziamenti per gli auguri ricevuti in occasione del suo compleanno.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®