21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/06/2013, 00.00

    VATICANO

    Papa: Giovanni XXIII, l'abbandono del "papa buono" alla volontà di Dio è un insegnamento per la Chiesa del nostro tempo



    Francesco ricorda papa Roncalli a 50 anni dalla morte. Pace e obbedienza le caratteristiche di un uomo "valido promotore di unità, dentro e fuori la comunità ecclesiale, aperto al dialogo con cristiani di altre Chiese, con esponenti del mondo ebraico e musulmano e con molti altri uomini di buona volontà".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - E' nell'abbandono quotidiano alla volontà di Dio, "la vera sorgente della bontà di Papa Giovanni, della pace che ha diffuso nel mondo, qui si trova la radice della sua santità" e "un insegnamento per ciascuno di noi, ma anche per la Chiesa del nostro tempo: se sapremo lasciarci condurre dallo Spirito Santo, se sapremo mortificare il nostro egoismo per fare spazio all'amore del Signore e alla sua volontà, allora troveremo la pace, allora sapremo essere costruttori di pace e diffonderemo pace attorno a noi". A 50 anni dalla morte di papa Roncalli, il suo attuale successore ne ha sottolineato oggi "la guida sapiente e paterna", "il suo amore per la tradizione della Chiesa e la consapevolezza del suo costante bisogno di aggiornamento, l'intuizione profetica della convocazione del Concilio Vaticano II e l'offerta della propria vita per la sua buona riuscita", "pietre miliari nella storia della Chiesa del XX secolo e come un faro luminoso per il cammino che ci attende".

    Ad ascoltare e condividere le parole di Francesco, migliaia di bergamaschi, venuti in pellegrinaggio e riuniti nella basilica di san Pietro per l'anniversario del loro concittadino. Tra loro il Papa è lungamente passato, al termine della messa celebrata dal vescovo della città, mons. Francesco Beschi.

    "Esattamente cinquant'anni fa - ha ricordato Francesco - proprio in quest'ora, il Beato Giovanni XXIII lasciava questo mondo. Chi, come me, ha una certa età, mantiene un vivo ricordo della commozione che si diffuse ovunque in quei giorni: piazza San Pietro era diventata un santuario a cielo aperto, accogliendo giorno e notte fedeli di tutte le età e condizioni sociali, in trepidazione e preghiera per la salute del Papa. Il mondo intero aveva riconosciuto in Papa Giovanni un pastore e un padre. Pastore perché padre. Che cosa lo aveva reso tale? Come aveva potuto arrivare al cuore di persone così diverse, persino di molti non cristiani?".

    "Vorrei partire dalla pace, perché questo è l'aspetto più evidente, quello che la gente ha percepito in Papa Giovanni: Angelo Roncalli era un uomo capace di trasmettere pace; una pace naturale, serena, cordiale; una pace che con la sua elezione al Pontificato si manifestò al mondo intero e ricevette il nome della bontà". Improvvisando, papa Francesco ha ricordato che sant'Ignazio di Loyola, fondatore dei gesuiti, "ma non voglio fare pubblicità", faceva un lungo elenco delle qualità che deve avere un superiore, e concludeva, "se non ha tutte queste, almeno abbia molta bontà".

    "Fu questo - ha ripreso il Papa - indubbiamente un tratto distintivo della sua personalità, che gli permise di costruire ovunque solide amicizie e che risaltò in modo particolare nel suo ministero di Rappresentante del Papa, svolto per quasi tre decenni, spesso a contatto con ambienti e mondi assai lontani da quell'universo cattolico nel quale egli era nato e si era formato. Proprio in quegli ambienti egli si dimostrò un efficace tessitore di relazioni ed un valido promotore di unità, dentro e fuori la comunità ecclesiale, aperto al dialogo con cristiani di altre Chiese, con esponenti del mondo ebraico e musulmano e con molti altri uomini di buona volontà. In realtà, Papa Giovanni trasmetteva pace perché aveva un animo profondamente pacificato, frutto di un lungo e impegnativo lavoro su se stesso, lavoro di cui ci è rimasta abbondante traccia nel Giornale dell'Anima. Lì possiamo vedere il seminarista, il sacerdote, il vescovo Roncalli alle prese con il cammino di progressiva purificazione del cuore".

    "E qui veniamo alla seconda e decisiva parola: obbedienza. Se la pace è stata la caratteristica esteriore, l'obbedienza ha costituito per Roncalli la disposizione interiore: l'obbedienza, in realtà, è stata lo strumento per raggiungere la pace. Anzitutto essa ha avuto un senso molto semplice e concreto: svolgere nella Chiesa il servizio che i superiori gli chiedevano, senza cercare nulla per sé, senza sottrarsi a nulla di ciò che gli veniva richiesto, anche quando ciò significò lasciare la propria terra, confrontarsi con mondi a lui sconosciuti, rimanere per lunghi anni in luoghi dove la presenza di cattolici era scarsissima".

    Un "percorso sacerdotale", ha ricordato il Papa, che lo ha condotto come diplomatico in Bulgaria, Turchia e Grecia, Francia e poi a vescovo di Venezia e infine a Roma. "Attraverso questa obbedienza, il sacerdote e vescovo Roncalli ha però vissuto anche una fedeltà più profonda, che potremmo definire, come lui avrebbe detto, abbandono alla divina Provvidenza. Egli ha costantemente riconosciuto, nella fede, che attraverso quel percorso di vita apparentemente guidato da altri, non condotto dai propri gusti o sulla base di una propria sensibilità spirituale, Dio andava disegnando un suo progetto". "Era un conduttore, ma un conduttore condotto dallo Spirito Santo".

    "Ancor più profondamente, mediante questo abbandono quotidiano alla volontà di Dio, il futuro Papa Giovanni ha vissuto una purificazione, che gli ha permesso di distaccarsi completamente da se stesso e di aderire a Cristo, lasciando così emergere quella santità che la Chiesa ha poi ufficialmente riconosciuto". "E questo è un insegnamento per ciascuno di noi, ma anche per la Chiesa del nostro tempo: se sapremo lasciarci condurre dallo Spirito Santo, se sapremo mortificare il nostro egoismo per fare spazio all'amore del Signore e alla sua volontà, allora troveremo la pace, allora sapremo essere costruttori di pace e diffonderemo pace attorno a noi. A cinquant'anni dalla sua morte, la guida sapiente e paterna di Papa Giovanni, il suo amore per la tradizione della Chiesa e la consapevolezza del suo costante bisogno di aggiornamento, l'intuizione profetica della convocazione del Concilio Vaticano II e l'offerta della propria vita per la sua buona riuscita, restano come pietre miliari nella storia della Chiesa del XX secolo e come un faro luminoso per il cammino che ci attende".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/04/2014 VATICANO
    Papi santi: "due uomini coraggiosi" che "hanno ripristinato e aggiornato la Chiesa"
    Centinaia di migliaia di fedeli, 122 delegazioni di tutto il mondo, due miliardi di persone collegate via tv e radio per la canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Tra i concelebranti anche Benedetto XVI. "Sono stati sacerdoti, vescovi e papi del XX secolo. Ne hanno conosciuto le tragedie, ma non ne sono stati sopraffatti. Più forte, in loro, era Dio".

    30/09/2013 VATICANO
    Papa: il 27 aprile 2014 Giovanni Paolo II e papa Roncalli saranno proclamati santi
    Il giorno scelto da Francesco è quello della domenica della Divina Misericordia, festività voluta da Papa Wojtyla.

    03/06/2013 VATICANO
    Papa: i corrotti, coloro che adorano solo se stessi o il loro gruppo, fanno tanto male alla Chiesa. Ma ci sono anche i santi
    Durante la messa celebrata questa mattina Francesco commenta la parabola dei vignaioli malvagi. "Quelli che erano peccatori come tutti noi, hanno fatto un passo avanti, come se fossero proprio consolidati nel peccato: non hanno bisogno di Dio!". Oggi è il cinquantesimo anniversario della morte di Papa Giovanni XXIII, "modello di santità" e i santi "fanno tanto bene" alla Chiesa.

    06/06/2013 VATICANO
    Papa: il diplomatico vaticano cerchi la libertà interiore; non la carriera, ma il servizio al Vangelo
    Francesco riceve gli allievi della Pontificia accademia ecclesiastica, che forma i futuri rappresentanti pontifici. L'esempio di Giovanni XXIII, che negli anni nel quali fu nunzio cercava di agire secondo "verità, giustizia, carità, soprattutto carità". "Essere disposti ad integrare ogni vostra visione di Chiesa, pure legittima, ogni personale idea o giudizio, nell'orizzonte dello sguardo di Pietro e della sua peculiare missione al servizio della comunione e dell'unità del gregge di Cristo, della sua carità pastorale, che abbraccia il mondo intero".

    18/05/2017 10:51:00 VATICANO
    Papa: rimanere nell’amore di Gesù che, come quello del Padre, è senza limiti

    “I dieci comandamenti sono la base, il fondamento ma bisogna seguire “tutte le cose che Gesù ci ha insegnato, questi comandamenti della vita quotidiana”, che rappresentano “un modo di vivere cristiano”. Noi cristiani “dobbiamo dare gioia alla gente”, per via dell’amore, senza alcun interesse. “La nostra missione cristiana è dare gioia alla gente”.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®