20 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/06/2010 11:52
VATICANO
Papa: Il Cuore Immacolato di Maria per i sacerdoti, primi operai della civiltà dell’amore
Benedetto XVI ritorna al valore della messa conclusiva dell’Anno sacerdotale, i cui benefici sono già evidenti. Il sacerdote è “un dono del Cuore di Cristo… per la Chiesa e per il mondo”. Un ricordo del Curato d’Ars e del martire polacco don Jerzy Popieluszko, insieme a tanti preti “noti e meno noti”. Il rinnovamento spirituale e sociale della società ha avuto l’apporto decisivo di molti sacerdoti.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Benedetto XVI ha affidato al Cuore Immacolato di Maria, di cui ieri era la memoria liturgica, “tutti i sacerdoti del mondo, perché, con la forza del Vangelo, continuino a costruire in ogni luogo la civiltà dell’amore”. Lo ha fatto all’Angelus di oggi, coi pellegrini radunati in piazza San Pietro, ricordando la conclusione dell’Anno sacerdotale, avvenuta l’11 giugno scorso, con una messa a cui hanno partecipato “oltre 15 mila sacerdoti di ogni parte del mondo”.
 
L’11 giugno era la solennità del Sacro Cuore di Gesù, giornata tradizionalmente dedicata alla “santificazione sacerdotale”.
 
“Il sacerdote – ha affermato il pontefice - è un dono del Cuore di Cristo: un dono per la Chiesa e per il mondo. Dal Cuore del Figlio di Dio, traboccante di carità, scaturiscono tutti i beni della Chiesa, e in modo particolare trae origine la vocazione di quegli uomini che, conquistati dal Signore Gesù, lasciano tutto per dedicarsi interamente al servizio del popolo cristiano, sull’esempio del Buon Pastore. Il sacerdote è plasmato dalla stessa carità di Cristo, quell’amore che spinse Lui a dare la vita per i suoi amici e anche a perdonare i suoi nemici. Per questo i sacerdoti sono i primi operai della civiltà dell’amore”.
 
Benedetto XVI ricorda “tante figure di preti, noti e meno noti”, canonizzati o no, ma “il cui ricordo rimane indelebile nei fedeli”.
 
Egli è tornato poi a citare il Sato Curato d’Ars, la cui figura ha accompagnato tutto l’Anno sacerdotale, nei 150 anni dalla sua morte. “La sua preghiera – ha aggiunto - , il suo ‘Atto di amore’ che tante volte abbiamo recitato durante questo Anno Sacerdotale, continui ad alimentare il nostro colloquio con Dio”.
 
Un’altra figura ricordata dal pontefice è quella del sacerdote e martire polacco don Jerzy Popiełuszko, beatificato una settimana prima a Varsavia (v. foto). Egli “ha esercitato il suo generoso e coraggioso ministero accanto a quanti si impegnavano per la libertà, per la difesa della vita e la sua dignità. Tale sua opera al servizio del bene e della verità era un segno di contraddizione per il regime che governava allora in Polonia. L’amore del Cuore di Cristo lo ha portato a dare la vita, e la sua testimonianza è stata seme di una nuova primavera nella Chiesa e nella società”.
 
 “Se guardiamo alla storia – ha concluso - possiamo osservare quante pagine di autentico rinnovamento spirituale e sociale sono state scritte con l’apporto decisivo di sacerdoti cattolici, animati soltanto dalla passione per il Vangelo e per l’uomo, per la sua vera libertà, religiosa e civile. Quante iniziative di promozione umana integrale sono partite dall’intuizione di un cuore sacerdotale!”.
 
L’Anno sacerdotale, appena concluso è stato funestato spesso da notizie negative, legate agli scandali di preti pedofili. Ma il pontefice, in un breve bilancio, ha detto: “Desidero rendere grazie a Dio per tutti i benefici che da questo Anno sono venuti alla Chiesa universale. Nessuno potrà mai misurarli, ma certamente se ne vedono e ancor più se ne vedranno i frutti”.
 
Foto: CPP

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/06/2009 VATICANO
Papa: Il Cuore trafitto di Cristo infiammi il cuore di ogni presbitero
19/08/2009 VATICANO
Papa: Sacerdoti istruiti e consacrati al Cuore di Gesù e Maria, come san Giovanni Eudes
05/08/2009 VATICANO
Papa: Preti innamorati di Cristo, contro la “dittatura del relativismo”
11/06/2010 VATICANO
Papa: Veglia di preghiera con 17 mila sacerdoti da tutto il mondo
28/11/2009 VATICANO
Anno Sacerdotale: dal 9 all’11 giugno l’incontro internazionale dei sacerdoti a Roma

In evidenza
ITALIA - ASIA
Pasqua, la vittoria sulla morte e l'impotenza
di Bernardo Cervellera
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate