24 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/02/2017, 11.27

    VATICANO

    Papa: “In Dio, giustizia è misericordia e misericordia è giustizia”



    Non cedere alla “logica casistica”, quella che riduce la fede in termini di “si può” o “non si può”, ma seguire il cammino di Gesù, “il cammino dalla casistica alla verità e alla misericordia”. Gesù dice “Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei”, ma ha parlato “tante volte con un’adultera”. E alla fine le ha detto: “Io non ti condanno. Non peccare più”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “In Dio, giustizia è misericordia e misericordia è giustizia”. E’ così che papa Francesco ha spiegato il rifiuto della “logica casistica”, quella che riduce la fede in termini di “si può” o “non si può”, a favore della verità. Nell’omelia della messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, Francesco ha preso spunto dalla domanda  che nel Vangelo odierno di Marco i dottori della Legge fanno a Gesù: “E’ lecito per un marito ripudiare la propria moglie?”.

    I dottori della Legge, che seguono Gesù durante la predicazione in Giudea, gli rivolgono la domanda per metterlo ancora una volta “alla prova”, ha osservato  Francesco. “Gesù – ha detto ancora - non risponde se sia lecito o non è lecito; non entra nella loro logica casistica. Perché loro pensavano soltanto alla fede in termini di ‘si può’ o ‘non si può’, fino a dove si può, fino a dove non si può. Quella logica della casistica: Gesù non ci entra, in questo. E rivolge una domanda: ‘Ma che cosa vi ha ordinato Mosè? Che cosa è nella vostra Legge?’. E loro spiegano il permesso che ha dato Mosè per ripudiare la moglie, e sono loro a cadere nel tranello, proprio. Perché Gesù li qualifica ‘duri di cuore’: ‘Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma’, e dice la verità. Senza casistica. Senza permessi. La verità”.

    “Gesù dice sempre la verità”, ”spiega le cose come sono state create”:  la verità delle Scritture, della Legge di Mosè. E lo fa anche quando ad interrogarlo sull’adulterio sono i suoi discepoli, a cui ripete: “Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei, e se lei ha ripudiato il marito e ne sposa un altro, commette adulterio”. Ma se la verità è questa e l’adulterio è “grave”, come spiegare allora che Gesù ha parlato “tante volte con un’adultera”, ”pagana”? ha “bevuto dal bicchiere di lei, che non era purificato?”. E alla fine le ha detto: “Io non ti condanno. Non peccare più”? Come è possibile?. “E il cammino di Gesù – si vede chiaro – è il cammino dalla casistica alla verità e alla misericordia. Gesù lascia fuori la casistica. A quelli che volevano metterlo alla prova, a quelli che pensavano con questa logica del ‘si può’, li qualifica – non qui, ma in altro passo del Vangelo – ipocriti. Anche con il quarto comandamento, questi negavano di assistere i genitori con la scusa che avevano dato una bella offerta alla Chiesa. Ipocriti. La casistica è ipocrita. E’ un pensiero ipocrita. ‘Si può – non si può’ … che poi diventa più sottile, più diabolico: ma fino a chi posso? Ma di qui a qui, non posso. E’ l’inganno della casistica”.

    Alla quale Francesco contrappone la logica della verità, cui si accompagna, sull’esempio di Gesù, la misericordia, “perché Lui è l’incarnazione della Misericordia del Padre, e non può negare se stesso. Non può negare se stesso perché è la Verità del Padre, e non può negare se stesso perché è la Misericordia del Padre”. ”E’ questa la strada che Gesù ci insegna”, difficile da applicare davanti alle tentazioni della vita.

     “Quando la tentazione ti tocca il cuore, questo cammino di uscire dalla casistica alla verità e alla misericordia, non è facile: ci vuole la grazia di Dio perché ci aiuti ad andare così avanti. E dobbiamo chiederla sempre. ‘Signore, che io sia giusto, ma giusto con misericordia’. Non giusto, coperto dalla casistica. Giusto nella misericordia. Come sei Tu. Giusto nella misericordia. Poi, uno di mentalità casistica può domandare: ‘Ma, che cosa è più importante, in Dio? Giustizia o misericordia?’. Anche, è un pensiero malato, che cerca di uscire … Cosa è più importante? Non sono due: è uno solo, una sola cosa. In Dio, giustizia è misericordia e misericordia è giustizia. Il Signore ci aiuti a capire questa strada, che non è facile, ma ci farà felici, a noi, e farà felice tanta gente.”

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/05/2016 11:17:00 VATICANO
    Papa: comprensione per la debolezza umana, ma senza “negoziare” sulla verità

    “Che Gesù ci insegni ad avere con il cuore una grande adesione alla verità e anche con il cuore una grande comprensione e accompagnamento a tutti i nostri fratelli che sono in difficoltà”.



    28/02/2014 VATICANO
    Papa: quando un matrimonio fallisce "non condannare", ma "accompagnare" le persone
    "Non fare casistica con la loro situazione", perché dietro la casistica "c'è sempre una trappola". "Cristo sposò la Chiesa! E non si può capire Cristo senza la Chiesa e non si può capire la Chiesa senza Cristo".

    12/01/2016 VATICANO
    Papa: la misericordia è la “carta di identità di Dio”
    In un libro-intervista uscito oggi, Francesco appare ribadire o spiegare alcune idee che gli sono particolarmente care, come la Chiesa “ospedale da campo” che “riscalda i cuori delle persone con la vicinanza e la prossimità”. La corruzione “il peccato elevato a sistema e divenuto abito mentale, modo di vivere”.

    03/02/2016 11:05:00 VATICANO
    Papa: Dio vuole salvare tutti ed è la sua misericordia che “porta a compimento la giustizia”

    Perdonare e aiutare il colpevole a riconoscere e rifiutare il male è anche “il modo di risolvere i contrasti all’interno delle famiglie, nelle relazioni tra sposi o tra genitori e figli, dove l’offeso ama il colpevole e desidera salvare la relazione che lo lega all’altro. Non tagliare quella relazione, quel rapporto”. “Eessere confessori è una responsabilità tanto grande, tanto grande, perché quel figlio, quella figlia che viene da te cerca soltanto di trovare un padre. E tu, prete, che sei lì nel confessionale, tu stai lì al posto del Padre che fa giustizia con la sua misericordia”.



    14/06/2013 VATICANO - ANGLICANI
    Papa: a Primate anglicano, insieme per difesa vita, giustizia sociale e cristiani in Siria
    Francesco riceve arcivescovo Welby. Nella nostra storia "momenti dolorosi", ora in cammino per l'unità. E se nel dialogo teologico "sono emerse difficoltà maggiori di quelle che ci si potesse immaginare", ci sono "rapporti cordiali e quotidiana convivenza" che permettono di andare avanti.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®