24 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/05/2015, 00.00

    VATICANO

    Papa: L’amore di Gesù, scritto nel nostro cuore col fuoco dello Spirito, compie ogni giorno prodigi



    Al Regina Caeli, papa Francesco invita all’amore attivo “anche se non sempre ci capiamo, non sempre andiamo d’accordo”. E’ un amore fatto di “tanti piccoli e grandi gesti”: “vicinanza a un anziano, a un bambino, a un ammalato, a una persona sola e in difficoltà, senza casa, senza lavoro, immigrata, rifugiata”. L’applauso alle madri nella Festa della mamma.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “La strada dell’amore” che Gesù ci mostra non è “un semplice comandamento” “perché Lui per primo lo ha realizzato”. Esso è scritto nel cuore dell’uomo “con il fuoco dello Spirito Santo” e fa compiere ogni giorno prodigi nella Chiesa e nel mondo”.

    Sono alcune delle considerazioni svolte da papa Francesco oggi prima del Regina Caeli con i pellegrini radunati in piazza san Pietro. Subito dopo la preghiera mariana, il pontefice, ha voluto salutare anche “tutte le mamme”, in occasione della Festa della mamma, che si celebra nella seconda domenica di maggio. Ricordando le mamme vicine “fisicamente” e quelle vicine “spiritualmente”, ha invitato i presenti a un forte applauso.

    In precedenza il papa si è soffermato sul vangelo della messa di oggi (Giov. 15, 9-17) in cui Gesù dona “il comandamento nuovo” dell’amarsi gli uni gli altri e “pensando al sacrificio della croce ormai imminente, aggiunge: «Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando» (vv.13-14)”.

    “Queste parole – ha spiegato - pronunciate durante l’Ultima Cena, riassumono tutto il messaggio di Gesù; anzi, riassumono tutto ciò che Lui ha fatto: ha dato la vita per i suoi amici. Amici che non lo avevano capito, che nel momento cruciale lo hanno abbandonato, tradito e rinnegato. Questo ci dice che Lui ci ama pur non essendo meritevoli del suo amore”.

    “In questo modo – ha aggiunto -  Gesù ci mostra la strada per seguirlo, la strada dell’amore. Il suo comandamento non è un semplice precetto, che rimane sempre qualcosa di astratto o di esteriore rispetto alla vita. Il comandamento di Cristo è nuovo perché Lui per primo lo ha realizzato, gli ha dato carne, e così la legge dell’amore è scritta una volta per sempre nel cuore dell’uomo (cfr Ger 31,33). Scritta con il fuoco dello Spirito Santo. E con questo stesso Spirito, che Gesù ci dona, possiamo camminare anche noi su questa strada!

    E’ una strada che ci porta ad uscire da noi stessi per andare verso gli altri. Gesù ci ha mostrato che l’amore di Dio si attua nell’amore del prossimo. Tutti e due vanno insieme. Le pagine del Vangelo sono piene di questo amore: adulti e bambini, colti e ignoranti, ricchi e poveri, giusti e peccatori hanno avuto accoglienza nel cuore di Cristo”.

    L’amore reciproco va vissuto “anche se non sempre ci capiamo, non sempre andiamo d’accordo… ma è proprio lì che si vede l’amore cristiano. Un amore che si manifesta anche se ci sono divisioni di opinioni o di carattere. E’ un amore nuovo perché rinnovato da Gesù e dal suo Spirito. E’ un amore redento, liberato dall’egoismo. Un amore che dona al nostro cuore la gioia, come dice Gesù stesso: «Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena» (v.11)”.

    “È questo amore di Cristo – ha concluso -  che lo Spirito Santo riversa nei nostri cuori, a compiere ogni giorno prodigi nella Chiesa e nel mondo. Sono tanti piccoli e grandi gesti che obbediscono al comandamento del Signore: “Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi” (cfr Gv 15,12). Gesti di vicinanza a un anziano, a un bambino, a un ammalato, a una persona sola e in difficoltà, senza casa, senza lavoro, immigrata, rifugiata… Grazie alla forza di questa Parola di Cristo, ognuno di noi può farsi prossimo verso il fratello e la sorella che incontra. Gesti di vicinanza, di prossimità: in questi gesti si manifesta l’amore che Gesù ci ha insegnato”.

    Dopo la preghiera del Regina Caeli, fra i saluti, egli ha detto: “Oggi in tanti Paesi si celebra la festa della mamma: ricordiamo con gratitudine e affetto tutte le mamme”. I presenti in piazza hanno accolto le parole del papa con un forte applauso. Il pontefice ha aggiunto: “Ora mi rivolgo alle mamme che stanno qui in piazza: un applauso per loro, che sono qui in piazza”. Altro lungo appaluso. “Questo applauso – ha ripreso - abbracci tutte le nostre mamme, quelle che vivono con noi fisicamente, e quelle che vivono con noi spiritualmente. Affidiamole alla Mamma di Gesù, alla quale questo mese è dedicato”.

    Infine, il suo saluto conclusivo: “A tutti auguro una buona domenica, un po’ calda![a Roma oggi vi sono 26 gradi, destinati a salire nel pomeriggio - ndr]. E per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci!”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/05/2017 12:13:00 VATICANO
    Papa: Dopo Fatima, affido a Maria, Regina della Pace le popolazioni in Medio oriente

    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda le violenze che subiscono cristiani, musulmani e yazidi e chiede di “percorrere la strada del dialogo e della riconciliazione”. A Fatima “immerso nella preghiera del santo Popolo fedele”.  La santità di Francesco e Giacinta “non è conseguenza delle apparizioni, ma della fedeltà e dell’ardore con cui essi hanno corrisposto al privilegio ricevuto di poter vedere la Vergine Maria”.  ““Anche ai nostri giorni c’è tanto bisogno di preghiera e di penitenza”. “Il saluto alla manifestazione “Passeggini vuoti” per una “un’attenzione concreta alla vita e alla maternità”. Nella Festa della mamma, “ricordiamo con gratitudine e affetto tutte le mamme affidandole a Maria, la mamma di Gesù”.



    23/04/2017 12:44:00 VATICANO
    Papa: La misericordia è una forma di conoscenza, apre la porta della mente e del cuore

    Nella Domenica della Divina Misericordia, inaugurata da san Giovanni Paolo II, Francesco ribadisce l’importanza dell’esperienza della misericordia, “la forma concreta con cui diamo visibilità alla risurrezione di Gesù”. Il significato della domenica “in Albis”. I ringraziamenti per gli auguri pasquali.



    08/05/2016 11:23:00 VATICANO
    Papa: Conversione e perdono dei peccati, missione da testimoniare ovunque

    Nella solennità dell’Ascensione di Gesù al cielo, Francesco sottolinea l’importanza della missione affidata ai discepoli e alla Chiesa tutta: “Ogni domenica la testimonianza cristiana dovrebbe uscire dalla nostre chiese per entrare durante la settimana nelle case, negli uffici, a scuola, nei luoghi di ritrovo e di divertimento, negli ospedali, nelle carceri, nelle case per gli anziani, nei luoghi affollati degli immigrati, nelle periferie della città…”.



    28/03/2016 11:58:00 VATICANO
    Papa Francesco condanna l’attentato di Lahore: “Esecrabile attentato, che ha fatto strage di tante persone innocenti”

    Al Regina Caeli, il pontefice denuncia l’attacco terrorista in Pakistan, che ha fatto 72 morti e 350 feriti “per la maggior parte famiglie della minoranza cristiana”. Preghiera per le vittime e appello alle autorità “perché compiano ogni sforzo per ridare sicurezza e serenità alla popolazione e, in particolare, alle minoranze religiose più vulnerabili”. La gioia pasquale è perché “La vita ha vinto la morte”. “Se Cristo è risuscitato, possiamo guardare con occhi e cuore nuovi ad ogni evento della nostra vita, anche a quelli più negativi”.



    11/05/2014 VATICANO
    Papa: Come i vitelli, importunate i pastori perché vi diano il latte della grazia, della dottrina e della guida
    Citando san Cesario d'Arles, papa Francesco consiglia ai fedeli di essere come "un vitellino" che bussa alla mammella della mucca per ricevere il latte. Un ricordo e una preghiera per tutte le mamme, nella Festa della Mamma. Il saluto alle comunità neocatecumenali, impegnate a portare "l'annuncio di Gesù risorto in 100 piazze di Roma e in tante città del mondo". Prima del Regina Caeli il pontefice ha ordinato 13 nuovi sacerdoti di origine italiana, latino-americana, pakistana, vietnamita e coreana. "Abbiate tanta misericordia!".



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®