30 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/02/2009, 00.00

    VATICANO

    Papa: L’uomo è più grande della sua genetica e della sua perfezione fisica



    Ricevendo i membri della Pontificia accademia per la Vita, Benedetto XVI riafferma il valore assoluto della persona umana contro chi vorrebbe eliminare, attraverso l’eugenetica, tutti coloro che sono malati o imperfetti. È necessario lottare contro il “riduzionismo genetico” perché l’uomo è più grande del suo corpo fisico.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “L'uomo sarà sempre più grande di tutto ciò che forma il suo corpo; egli, infatti, porta con sé la forza del pensiero, che è sempre tesa alla verità su di sé e sul mondo”: con queste parole Benedetto XVI è intervenuto nel dibattito sulle “Nuove frontiere della genetica e il rischio dell’eugenetica" promosso in questi giorni dalla Pontificia Accademia per la Vita. Ricevendo i membri dell’Accademia, in occasione della XV Assemblea generale, egli ha messo in guardia contro una nuova, strisciante eugenetica che discrimina “chi è disabile e affetto da patologie, o peggio giungendo alla selezione ed al rifiuto della vita in nome di un ideale astratto di salute e di perfezione fisica”.

    Le parole del papa giungono mentre in Italia si dibatte ancora sul caso di Eluana Englaro, una donna da 17 anni in coma vegetativo, alla quale, per decreto giudiziario, è stata tolta l’alimentazione e l’idratazione, portandola alla morte. Del resto nel mondo, oltre a tentativi di varare leggi sull’eutanasia, è pure diffuso il tentativo di manipolare gli embrioni e i feti alla ricerca di “figli sani”. Il pontefice ha fatto notare che oggi vi è un rifiuto dell’eugenetica del passato, “utilizzata con la violenza da un regime di stato, oppure frutto dell'odio verso una stirpe o una popolazione”, condannata anche dalla Dichiarazione universale sui diritti dell’uomo, ma “si insinua una nuova mentalità che tende a giustificare una diversa considerazione della vita e della dignità personale fondata sul proprio desiderio e sul diritto individuale. Si tende, quindi, a privilegiare le capacità operative, l'efficienza, la perfezione e la bellezza fisica a detrimento di altre dimensioni dell'esistenza non ritenute degne. Viene così indebolito il rispetto che è dovuto a ogni essere umano, anche in presenza di un difetto nel suo sviluppo o di una malattia genetica che potrà manifestarsi nel corso della sua vita, e sono penalizzati fin dal concepimento quei figli la cui vita è giudicata come non degna di essere vissuta”.

    E ha aggiunto: “Se l'uomo viene ridotto ad oggetto di manipolazione sperimentale fin dai primi stadi del suo sviluppo, ciò significa che le biotecnologie mediche si arrendono all'arbitrio del più forte. La fiducia nella scienza non può far dimenticare il primato dell'etica quando in gioco vi è la vita umana”.

    Benedetto XVI ha sottolineato i grandi progressi registrati nel campo della genetica, ma ha chiesto a questa scienza di crescere in modo complementare con altre scienze per sfuggire a un “riduzionismo genetico, incline a identificare la persona esclusivamente con il riferimento all'informazione genetica e alle sue interazioni con l'ambiente”. E per far comprendere il valore assoluto della persona umana, il pontefice ha citato il pensatore e scienziato Blaise Pascal: "L'uomo non è che un giunco, il più debole nella natura, ma è un giunco pensante. Non occorre che l'universo intero si armi per schiacciarlo; un vapore, una goccia d'acqua è sufficiente per ucciderlo. Ma quand'anche l'universo intero lo schiacciasse, l'uomo sarebbe pur sempre più nobile di ciò che lo uccide, perché egli sa di morire e conosce la superiorità che l'universo ha su di lui; l'universo invece non ne sa nulla" (Pensieri, 347).

    Il papa ha anche esortato i presenti a “consolidare la cultura dell'accoglienza e dell'amore che testimoniano concretamente la solidarietà verso chi soffre, abbattendo le barriere che spesso la società erige discriminando chi è disabile e affetto da patologie”. “Lo sviluppo biologico, psichico, culturale o lo stato di salute  - ha aggiunto - non possono mai diventare un elemento discriminante”.

    Foto: Il papa alla Giornata mondiale dei malati (11 febbraio 2009) - CPP

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/02/2009 VATICANO
    Papa: Preghiamo per i malati, soprattutto per quelli totalmente dipendenti dalle cure degli altri
    Benedetto XVI prega per i malati e il loro desiderio di vita e domanda ai cristiani di continuare l’opera di “Cristo vero medico dei corpi e delle anime”, mentre in Italia è forte la tensione sul caso Englaro. L’11 febbraio, il papa incontra i malati radunati nella basilica di san Pietro. Invito a pregare per la riconciliazione nazionale e la giustizia sociale in Madagascar.

    24/02/2007 VATICANO
    Papa: mobilitare cristiani e non contro i nuovi attacchi al diritto alla vita
    Alla Pontificia accademia della Vita Benedetto XVI denuncia aborto chimico, controllo demografico, la selezione eugenetica, la “ricerca ossessiva del figlio perfetto”. Tutti si devono impegnare per un’educazione delle coscienze, troppo manipolate dai media, dal potere e dal relativismo.

    25/02/2008 VATICANO
    Papa: si diano aiuti concreti alle famiglie dei malati inguaribili e terminali
    Benedetto XVI chiede che, come già si fa quando nasce un bambino, siano previsti sostegni anche in campo lavorativo. Il no all’eutanasia ed il principio della proporzionalità tra gli interventi sanitari e la salvezza della vita. Obbligatori per medico e paziente i mezzi ordinari, facoltativi quelli straordinari.

    26/02/2009 VATICANO
    In Quaresima preghiamo per il papa
    Un gruppo di musulmani convertiti al cristianesimo ci ha chiesto di pregare per Benedetto XVI, attaccato da tutte le parti. Chiese non cattoliche, progressisti e tradizionalisti, politici e radicali lanciano pietre al capro espiatorio di turno. Nella crisi delle ideologie e delle economie, è l’ultimo tentativo di togliere di mezzo un paladino della dignità dell’uomo e Dio stesso.

    10/02/2009 VATICANO
    Tristezza e perdono per “l’omicidio” di Eluana
    Personalità vaticane chiedono la preghiera per la donna e per gli esecutori del protocollo che l’ha portata alla morte. P. Lombardi afferma che occorre una “riflessione pacata” sull’accompagnamento delle persone più deboli. Dubbi sull’accelerazione del protocollo. Card. Saraiva Martins: “È un omicidio”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®