21/02/2009, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: L’uomo è più grande della sua genetica e della sua perfezione fisica

Ricevendo i membri della Pontificia accademia per la Vita, Benedetto XVI riafferma il valore assoluto della persona umana contro chi vorrebbe eliminare, attraverso l’eugenetica, tutti coloro che sono malati o imperfetti. È necessario lottare contro il “riduzionismo genetico” perché l’uomo è più grande del suo corpo fisico.

Città del Vaticano (AsiaNews) – “L'uomo sarà sempre più grande di tutto ciò che forma il suo corpo; egli, infatti, porta con sé la forza del pensiero, che è sempre tesa alla verità su di sé e sul mondo”: con queste parole Benedetto XVI è intervenuto nel dibattito sulle “Nuove frontiere della genetica e il rischio dell’eugenetica" promosso in questi giorni dalla Pontificia Accademia per la Vita. Ricevendo i membri dell’Accademia, in occasione della XV Assemblea generale, egli ha messo in guardia contro una nuova, strisciante eugenetica che discrimina “chi è disabile e affetto da patologie, o peggio giungendo alla selezione ed al rifiuto della vita in nome di un ideale astratto di salute e di perfezione fisica”.

Le parole del papa giungono mentre in Italia si dibatte ancora sul caso di Eluana Englaro, una donna da 17 anni in coma vegetativo, alla quale, per decreto giudiziario, è stata tolta l’alimentazione e l’idratazione, portandola alla morte. Del resto nel mondo, oltre a tentativi di varare leggi sull’eutanasia, è pure diffuso il tentativo di manipolare gli embrioni e i feti alla ricerca di “figli sani”. Il pontefice ha fatto notare che oggi vi è un rifiuto dell’eugenetica del passato, “utilizzata con la violenza da un regime di stato, oppure frutto dell'odio verso una stirpe o una popolazione”, condannata anche dalla Dichiarazione universale sui diritti dell’uomo, ma “si insinua una nuova mentalità che tende a giustificare una diversa considerazione della vita e della dignità personale fondata sul proprio desiderio e sul diritto individuale. Si tende, quindi, a privilegiare le capacità operative, l'efficienza, la perfezione e la bellezza fisica a detrimento di altre dimensioni dell'esistenza non ritenute degne. Viene così indebolito il rispetto che è dovuto a ogni essere umano, anche in presenza di un difetto nel suo sviluppo o di una malattia genetica che potrà manifestarsi nel corso della sua vita, e sono penalizzati fin dal concepimento quei figli la cui vita è giudicata come non degna di essere vissuta”.

E ha aggiunto: “Se l'uomo viene ridotto ad oggetto di manipolazione sperimentale fin dai primi stadi del suo sviluppo, ciò significa che le biotecnologie mediche si arrendono all'arbitrio del più forte. La fiducia nella scienza non può far dimenticare il primato dell'etica quando in gioco vi è la vita umana”.

Benedetto XVI ha sottolineato i grandi progressi registrati nel campo della genetica, ma ha chiesto a questa scienza di crescere in modo complementare con altre scienze per sfuggire a un “riduzionismo genetico, incline a identificare la persona esclusivamente con il riferimento all'informazione genetica e alle sue interazioni con l'ambiente”. E per far comprendere il valore assoluto della persona umana, il pontefice ha citato il pensatore e scienziato Blaise Pascal: "L'uomo non è che un giunco, il più debole nella natura, ma è un giunco pensante. Non occorre che l'universo intero si armi per schiacciarlo; un vapore, una goccia d'acqua è sufficiente per ucciderlo. Ma quand'anche l'universo intero lo schiacciasse, l'uomo sarebbe pur sempre più nobile di ciò che lo uccide, perché egli sa di morire e conosce la superiorità che l'universo ha su di lui; l'universo invece non ne sa nulla" (Pensieri, 347).

Il papa ha anche esortato i presenti a “consolidare la cultura dell'accoglienza e dell'amore che testimoniano concretamente la solidarietà verso chi soffre, abbattendo le barriere che spesso la società erige discriminando chi è disabile e affetto da patologie”. “Lo sviluppo biologico, psichico, culturale o lo stato di salute  - ha aggiunto - non possono mai diventare un elemento discriminante”.

Foto: Il papa alla Giornata mondiale dei malati (11 febbraio 2009) - CPP

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: Preghiamo per i malati, soprattutto per quelli totalmente dipendenti dalle cure degli altri
08/02/2009
Papa: mobilitare cristiani e non contro i nuovi attacchi al diritto alla vita
24/02/2007
Kashmir: giovani convertiti dall’Islam pregano per Benedetto XVI
27/02/2009
In Quaresima preghiamo per il papa
26/02/2009
Papa: si diano aiuti concreti alle famiglie dei malati inguaribili e terminali
25/02/2008