22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/04/2017, 12.02

    VATICANO

    Papa: La missione è ‘uscire dove Gesù non è conosciuto o dove Gesù è perseguitato’



    Nella festa di san Marco, papa Francesco sottolinea l’urgenza di annunciare il Vangelo “in cammino, mai seduti”, senza cercare “un’assicurazione sulla vita”. Lo stile dell’annuncio è l’umiltà. “L’annuncio del Vangelo se è vero, subisce la tentazione”. Ma “Lui agisce con noi”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Uscire dove Gesù non è conosciuto o dove Gesù è perseguitato o dove Gesù è sfigurato”: è questa la missione dei cristiani, che annunciano il Vangelo “sempre in cammino, mai seduti” e senza cercare “un’assicurazione sulla vita”. E’ quanto ha sottolineato papa Francesco nella messa di oggi nella casa Santa Marta, in occasione della festa di san Marco. Alla celebrazione hanno partecipato anche oggi i cardinali consiglieri del C9.

    Il pontefice ha preso spunto dal vangelo del giorno (Marco 16,15-20) in cui Gesù invia i discepoli in tutto il mondo per l’annuncio.

    “Uscire per annunziare. E, anche, in questa uscita va la vita, si gioca la vita del predicatore. Lui non è al sicuro, non ci sono assicurazioni sulla vita per i predicatori. E se un predicatore cerca un’assicurazione sulla vita, non è un vero predicatore del Vangelo: non esce, rimane, sicuro. Primo: andate, uscite. Il Vangelo, l’annuncio di Gesù Cristo, si fa in uscita, sempre; in cammino, sempre. Sia in cammino fisico sia in cammino spirituale sia in cammino della sofferenza: pensiamo all’annuncio del Vangelo che fanno tanti malati - tanti malati! - che offrono i dolori per la Chiesa, per i cristiani. Ma sempre, escono da se stessi”.

    Il papa indica anche “lo stile di questo annuncio”. E spiega: “San Pietro, che è proprio stato il maestro di Marco è tanto chiaro nella descrizione di questo stile: il Vangelo va annunciato in umiltà, perché il Figlio di Dio si è umiliato, si è annientato. Lo stile di Dio è questo” e “non ce n’è un altro”.

    ““Il Vangelo – ha ammonito– non può essere annunciato con il potere umano, non può essere annunciato con lo spirito di arrampicare e andare su”, “questo non è il Vangelo”. Tutti siamo chiamati a rivestirci di “umiltà gli uni verso gli altri”, perché “Dio resiste ai superbi, ma dà grazia agli umili”:

    “E perché è necessaria questa umiltà? Proprio perché noi portiamo avanti un annuncio di umiliazione, di gloria, ma tramite l’umiliazione”.

    “L’annuncio del Vangelo – ha detto poi - se è vero, subisce la tentazione”. Anzi, se uno non è "mai è tentato” significa che “il diavolo non si preoccupa”, che “stiamo predicando una cosa che non serve”.

    “Per questo – ha ripreso – sempre nella vera predicazione c’è qualcosa di tentazione e anche di persecuzione”. E quando siamo nella sofferenza, il Signore ci riprende, ci dà forza, perché “questo è quello che Gesù ha promesso quando ha inviato gli Apostoli”. “Sarà il Signore a confortarci, a darci la forza per andare avanti, perché Lui agisce con noi se noi siamo fedeli all’annuncio del Vangelo, sei noi usciamo da noi stessi per predicare Cristo crocifisso, scandalo e pazzia, e se noi facciamo questo con uno stile di umiltà, di vera umiltà. Che il Signore ci dia questa grazia, come battezzati, tutti, di prendere la strada dell’evangelizzazione con umiltà, con fiducia in Lui stesso, annunciando il vero Vangelo: ‘Il Verbo è venuto in carne’. Il Verbo di Dio è venuto in carne. E questa è una pazzia, è uno scandalo; ma farlo nella consapevolezza che il Signore è accanto a noi, agisce con noi e conferma il nostro lavoro”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/06/2013 VATICANO
    Papa: Il cristiano deve vivere nell’annuncio di Cristo, non cercando la pace fino al Cielo
    Nella consueta omelia mattutina Francesco sottolinea “lo scandalo della Croce: Cristo si è fatto peccato per me, per riportare la mia anima al Signore”. La vita del cristiano “non deve cercare la pace dei filosofi ma deve essere fatta di zelo. Si deve vivere girando per il mondo annunciando il Vangelo”.

    22/11/2014 VATICANO
    Papa: "Una Chiesa missionaria non può che essere 'in uscita', che non ha paura di incontrare, di scoprire le novità"
    Annunciare il Vangelo "a tutti, senza distinzioni. Non per fare proseliti, ma per dire quello che noi abbiamo e vogliamo condividere, ma senza forzare". "Uscire significa superare la tentazione di parlarci tra noi dimenticando i tanti che aspettano da noi una parola di misericordia, di consolazione, di speranza". "La missione è compito di tutti i cristiani, non solo di alcuni. E' compito anche dei bambini".

    04/05/2017 13:32:00 VATICANO
    Papa: la Chiesa sia “in piedi e in uscita, in ascolto delle inquietudini della gente e sempre in gioia”

    “Chiesa sempre per essere fedele al Signore deve essere in piedi e in cammino: 'Alzati e va'. Una Chiesa che non si alza, che non è in cammino, si ammala”. E finisce chiusa con tanti traumi psicologici e spirituali, “chiusa nel piccolo mondo delle chiacchiere, delle cose … chiusa, senza orizzonti”. “Alzati e va, in piedi e in cammino. Così deve agire la Chiesa nell’evangelizzazione”.



    10/06/2016 10:52:00 VATICANO
    Papa: il cristiano sta “in piedi” per accogliere Dio, in “silenzio” per ascoltarlo, “in uscita” per annunciarlo

    “Per incontrare il Signore dobbiamo essere così: in piedi e in cammino. Poi aspettare che Lui ci parli: cuore aperto. E Lui ci dirà: ‘Sono Io’ e lì la fede diviene forte. La fede è per me, per custodirla? No! E’ per andare a darla ad altri, per ungere gli altri, per la missione”.



    17/09/2016 11:57:00 VATICANO
    Papa: I nunzi siano missionari “tre volte in uscita”

    Francesco celebra la messa in Santa Marta alla presenza dei rappresentanti pontifici nel mondo, a Roma per il loro Giubileo. La loro “è una vita da zingari, per i continui spostamenti. Ma dovete ricordare tre modi di uscire: fisico, culturale e la preghiera. Non li dimenticate mai”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®