22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/01/2018, 12.15

    VATICANO

    Papa: L’augurio di Natale alle Chiese orientali. Essere premurosi come i Magi



    All’Angelus, papa Francesco augura che la festa di Natale “sia fonte di nuovo vigore spirituale e di comunione tra tutti noi cristiani”. La Giornata Missionaria dei Ragazzi. “Seguire l’esempio dei Magi: pronti a scomodarci per incontrare Gesù nella nostra vita”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – In occasione della preghiera dell’Angelus con i pellegrini in piazza san Pietro, papa Francesco ha rivolto gli auguri ad alcune Chiese orientali che – seguendo il calendario giuliano e non quello gregoriano – festeggiano in questi giorni il Natale. “Ad esse – ha detto il papa - rivolgo il mio augurio più cordiale: questa gioiosa celebrazione sia fonte di nuovo vigore spirituale e di comunione tra tutti noi cristiani, che lo riconosciamo come Signore e Salvatore”.

    Per i cattolici, il 6 gennaio si festeggia invece la solennità dell’Epifania e il ricordo dell’adorazione di Gesù Bambino da parte dei Magi, venuti dall’Oriente, simbolo dei popoli che sono chiamati alla fede cristiana. Per questo, in tale giornata, si festeggia anche la Giornata Missionaria dei Ragazzi. Il pontefice l’ha citata, dopo la preghiera mariana, ricordando che essa “invita i ragazzi missionari a fare proprio lo sguardo di Gesù, perché diventi la guida preziosa del loro impegno di preghiera, di fraternità e di condivisione con i coetanei più bisognosi”.

    Questa mattina il papa aveva celebrato messa nella basilica. Prima dell’Angelus, ancora riferendosi al Vangelo di oggi (Matteo 2, 1-12), Francesco ha messo in luce “i tre atteggiamenti” con cui “è stata accolta la venuta di Gesù e la sua manifestazione al mondo: ricerca premurosa, indifferenza, paura”.

    La “premura” è quella dei Magi, che “cercano di individuare dove si possa trovare il Re neonato”; “l’indifferenza” è quella “dei sommi sacerdoti e degli scribi. Essi conoscono le Scritture e sono in grado di dare la risposta giusta sul luogo della nascita… , ma non si scomodano per andare a trovare il Messia”; “la paura” è vissuta da Erode: “egli ha paura che quel Bambino gli tolga il potere”.

    “Anche noi – ha poi aggiunto - dobbiamo scegliere quale dei tre assumere. L’egoismo può indurre a considerare la venuta di Gesù nella propria vita come una minaccia. Allora si cerca di sopprimere o di far tacere il messaggio di Gesù. Quando si seguono le ambizioni umane, le prospettive più comode, le inclinazioni del male, Gesù viene avvertito come un ostacolo.

    D’altra parte, è sempre presente anche la tentazione dell’indifferenza. Pur sapendo che Gesù è il Salvatore, si preferisce vivere come se non lo fosse: invece di comportarsi in coerenza alla propria fede cristiana, si seguono i principi del mondo, che inducono a soddisfare le inclinazioni alla prepotenza, alla sete di potere e di ricchezze.

    Siamo invece chiamati a seguire l’esempio dei Magi: essere premurosi nella ricerca, pronti a scomodarci per incontrare Gesù nella nostra vita. Ricercarlo per adorarlo, per riconoscere che Lui è il nostro Signore, Colui che indica la vera via da seguire. Se abbiamo questo atteggiamento, Gesù realmente ci salva, e noi possiamo vivere una vita bella, possiamo crescere nella fede, nella speranza, nella carità verso Dio e verso i nostri fratelli”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/10/2017 13:40:00 VATICANO
    Papa: i cristiani d’Oriente, vittime del "dilagare del terrorismo internazionale”

    Francesco ha celebrato il centenario della fondazione del Pontificio istituto orientale e della Congregazione per le Chiese orientali. Creati durante la guerra mondiale e mentre è in corso “un’altra guerra mondiale, anche se a pezzi”. Un orizzonte “eminentemente ecumenico”. Dio non dimentica i suoi figli, la sua memoria è per i giusti, per quelli che soffrono, che sono oppressi e che si chiedono ‘perché?’, eppure non cessano di confidare nel Signore”.



    06/01/2011 VATICANO
    Papa: come i Magi, cerchiamo la luce che indica la strada da percorrere nella vita
    Nel loro scrutare l’universo, che non è frutto del caso, erano alla ricerca della vera luce. Che alla fine trovarono seguendo la Scrittura. C’è un po’ di Erode in ognuno, quando vede Dio come un “limite” alla libertà. Un pensiero alle Chiese orientali che celebrano il Natale e sono "nella prova".

    06/01/2010 VATICANO
    Papa: I Magi, uomini di scienza, ma aperti ai messaggi divini
    Benedetto XVI ripropone l’armonia fra scienza e fede, ragione e rivelazione. I Magi hanno seguito le stelle e la Bibbia, non scandalizzandosi della “contaminazione fra scienza e Parola di Dio. L’augurio alle Chiese orientali che domani festeggiano Natale. Un saluto ai bambini della Pontificia opera della Santa Infanzia.

    06/10/2013 VATICANO
    Papa: Ottobre, mese dedicato alle missioni, con la forza della fede e nella preghiera del rosario
    All'Angelus, Francesco chiede a tutti di dare testimonianza a Cristo "nella propria vita di ogni giorno". Il rosario è una "scuola" di preghiera e di fede. Nell'Anno della Fede dobbiamo domandare : Accresci la nostra fede! La beatificazione di Rolando Rivi, un bell'esempio per i giovani. La preghiera silenziosa per "i fratelli e le sorelle" morti nel disastro di Lampedusa. Il ricordo del pellegrinaggio ad Assisi.

    06/01/2015 VATICANO
    Papa: seguire il cammino dei Magi, "modelli di conversione" verso l'incontro con Cristo
    "Rappresentano gli uomini e le donne in ricerca di Dio nelle religioni e nelle filosofie del mondo intero: una ricerca che non ha mai fine". Come loro i cristiani siano "attenti, instancabili, coraggiosi e con la luce della Parola di Dio, un Vangelo in tasca". "Anche coloro che sembrano lontani sono seguiti, inseguiti dal Signore".



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®