06/03/2014, 00.00
VATICANO

Papa: "Lo stile cristiano, senza croce non è cristiano, e se la croce è una croce senza Gesù, non è cristiana"

"Noi non possiamo pensare la vita cristiana fuori da questa strada. Sempre c'è questo cammino che Lui ha fatto per primo: il cammino dell'umiltà, il cammino anche dell'umiliazione, di annientare se stesso, e poi risorgere".

Città del Vaticano (AsiaNews) - "Lo stile cristiano, senza croce non è cristiano, e se la croce è una croce senza Gesù, non è cristiana. Lo stile cristiano prende la croce con Gesù e va avanti" per una strada che conduce alla "gioia". Umiltà, mitezza, generosità e "la croce di ogni giorno" sono "lo stile cristiano" del quale papa Francesco ha parlato oggi nella messa celebrata a Casa santa Marta.

Il Papa, riferisce la Radio Vaticana, ha preso spunto dalla frase del Vangelo di oggi, nel quale Gesù dice ai discepoli: "Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua". Questo  è "lo stile cristiano" perché Gesù per primo ha percorso "questo cammino". "Noi non possiamo pensare la vita cristiana fuori da questa strada. Sempre c'è questo cammino che Lui ha fatto per primo: il cammino dell'umiltà, il cammino anche dell'umiliazione, di annientare se stesso, e poi risorgere. Ma, questa è la strada. Lo stile cristiano, senza croce non è cristiano, e se la croce è una croce senza Gesù, non è cristiana. Lo stile cristiano prende la croce con Gesù e va avanti. Non senza croce, non senza Gesù".

Gesù "ha dato l'esempio" e, pur "essendo uguale a Dio", "annientò se stesso, si è fatto servo per tutti noi". "E questo stile ci salverà, ci darà gioia e ci farà fecondi, perché questo cammino di rinnegare se stessi è per dare vita, è contro il cammino dell'egoismo, di essere attaccato a tutti i beni soltanto per me ... Questo cammino è aperto agli altri, perché quel cammino che ha fatto Gesù, di annientamento, quel cammino è stato per dare vita. Lo stile cristiano è proprio questo stile di umiltà, di mitezza, di mansuetudine".

"Chi vuole salvare la propria vita, la perderà" - ripete Gesù - perché "se il grano non muore, non può dare frutto". E "questo, con gioia, perché la gioia ce la dà Lui stesso. Seguire Gesù è gioia, ma seguire Gesù con lo stile di Gesù, non con lo stile del mondo". Seguire lo stile cristiano significa percorrere la strada del Signore, "ognuno come può", "per dare vita agli altri, non per dare vita a se stessi. E' lo spirito della generosità". Il nostro egoismo ci spinge a voler apparire importanti davanti agli altri. Invece, il libro dell'Imitazione di Cristo "ci dà un consiglio bellissimo: 'Ama non essere conosciuto ed essere giudicato come niente'. E' l'umiltà cristiana, quello che ha fatto Gesù per primo".

"E questa è la nostra gioia, e questa è la nostra fecondità: andare con Gesù. Altre gioie non sono feconde; soltanto pensano - come dice il Signore - a guadagnare il mondo intero, ma alla fine perdere e rovinare la vita. All'inizio della Quaresima chiediamo al Signore che ci insegni un po' questo stile cristiano di servizio, di gioia, di annientamento di noi stessi e di fecondità con Lui, come Lui la vuole".

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: il cristiano sia umile, e lo è chi, come Gesù, accetta le umiliazioni
05/12/2017 10:48
Papa: lo "stile" di Dio è agire con semplicità, con umiltà, nel silenzio, non con "lo spettacolo mondano"
09/03/2015
Papa: “Lo stile di Dio non è lo stile dell’uomo”, Dio vince con l’umiltà
05/02/2016 11:19
Papa: in Quaresima, la Chiesa fa riflettere sulla conversione del pensiero e delle opere
05/03/2018 10:44
Papa: alla prima uscita è andato a pregare e a pagare il conto alla Casa del clero
14/03/2013