30 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 16/03/2017, 12.30

    VATICANO

    Papa: “Maledetto l’uomo che confida in se stesso”, nei beni e non nel Signore



    Chi confida nelle ricchezze, nei beni, “nella carne” è su una strada pericolosa che dal peccato, che Dio persona sempre, arriva alla corruzione, “dalla quale non si può tornare indietro”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Chi confida nelle ricchezze, nei beni, “nella carne” è su una strada pericolosa che dal peccato, che Dio persona sempre, arriva alla corruzione, “dalla quale non si può tornare indietro”.  E’ “maledetto”. L’ha detto papa Francesco nella Messa celebrata stamattina a Casa Santa Marta, prendendo spunto dalla parabola del ricco e il povero Lazzaro per sottolineare che anche oggi dobbiamo guardarci dal chiuderci in noi stessi ignorando i poveri e i senzatetto delle nostre città.

    Papa Francesco ha svolto la sua omelia muovendo dalle parole dell’antifona e, rivolgendo poi l’attenzione al Salmo 1, ha evidenziato che “l’uomo che confida nell’uomo, pone nella carne il suo sostegno, cioè nelle cose che lui può gestire, nella vanità, nell’orgoglio, nelle ricchezze” e da qui ne deriva un “allontanamento dal Signore”. Francesco ha invece sottolineato “la fecondità dell’uomo che confida nel Signore, e la sterilità dell’uomo che confida in se stesso”, nel potere e nelle ricchezze. “Questa strada è una strada pericolosa, è una strada scivolosa, quando soltanto mi fido del mio cuore: perché lui è infido, è pericoloso”.

     “Quando una persona vive nel suo ambiente chiuso – ha proseguito il Papa – respira quell’aria propria dei suoi beni, della sua soddisfazione, della vanità, di sentirsi sicuro e si fida soltanto di se stesso, perde l’orientamento, perde la bussola e non sa dove sono i limiti”. E’ proprio quello che succede al ricco di cui parla il Vangelo, che passava la vita a fare feste e non si curava del povero che stava alla porta della sua casa. “Lui sapeva chi era quel povero: lo sapeva. Perché poi, quando parla con il padre Abramo, dice: 'Ma inviami Lazzaro': ah, sapeva anche come si chiamava! Ma non gli importava. Era un uomo peccatore? Sì. Ma dal peccato si può andare indietro: si chiede perdono e il Signore perdona. Questo, il cuore lo ha portato su una strada di morte a tal punto che non si può tornare indietro. C’è un punto, c’è un momento, c’è un limite dal quale difficilmente si torna indietro: è quando il peccato si trasforma in corruzione. E questo non era un peccatore, era un corrotto. Perché sapeva delle tante miserie, ma lui era felice lì e non gli importava niente”.

     “Maledetto l’uomo che confida in se stesso, che confida nel suo cuore – ha detto il Papa richiamando il Salmo 1 - Niente è più infido del cuore, e difficilmente guarisce". Quando tu sei su quella "strada di malattia, difficilmente guarirai”. Di qui la domanda: “Cosa sentiamo nel cuore quando andiamo per strada e vediamo i senzatetto, vediamo i bambini da soli che chiedono l’elemosina … ‘No, ma questi sono di quella etnia che rubano …’, vado avanti, faccio così? I senzatetto, i poveri, quelli abbandonati, anche quelli senzatetto benvestiti, perché non hanno soldi per pagare l’affitto perché non hanno lavoro… cosa sento io? Questo è parte del panorama, del paesaggio di una città, come una statua, la fermata del bus, l’ufficio della posta, e anche i senzatetto sono parte della città? E’ normale, questo? State attenti. Stiamo attenti. Quando queste cose nel nostro cuore risuonano come normali – ‘ma sì, la vita è così … io mangio, bevo, ma per togliermi un po’ di senso di colpa do un offerta e vado avanti’ – la strada non va bene”.

    E’ necessario allora accorgersi quando siamo sulla strada “scivolosa dal peccato alla corruzione”. “Cosa sento, io quando al telegiornale” vedo che “è caduta una bomba là, su un ospedale, e sono morti tanti bambini”, la “povera gente”. Dico una preghiera e poi continuo a vivere come se niente fosse? “Entra nel mio cuore questo” oppure sono come quel ricco che "il dramma di questo Lazzaro, del quale avevano più pietà i cani, non entrò mai nel cuore?”. Se fosse così sarei in un “cammino dal peccato alla corruzione”.

    “Per questo – ha concluso - chiediamo al Signore: ‘Scruta, o Signore, il mio cuore. Vedi se la mia strada è sbagliata, se io sono su quella strada scivolosa dal peccato alla corruzione, dalla quale non si può tornare indietro’ – abitualmente: il peccatore, se si pente, torna indietro; il corrotto, difficilmente, perché è chiuso in se stesso. ‘Scruta, Signore, il mio cuore’: che sia oggi la preghiera. ‘E fammi capire in quale strada sono, su quale strada sto andando’”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/02/2016 11:21:00 VATICANO
    Papa: l’umiltà è la strada della santità e “l’unica strada per l’umiltà è l’umiliazione”

    Commentando la vicenda di re David, Francesco osserva che egli era un peccatore, ma non un corrotto. “Il fine di Davide, che è la santità, viene tramite l’umiliazione. Il fine della santità che Dio regala ai suoi figli, regala alla Chiesa, viene tramite l’umiliazione del suo Figlio, che si lascia insultare, che si lascia portare sulla Croce – ingiustamente … E questo Figlio di Dio che si umilia, è la strada della santità”.



    25/05/2015 VATICANO
    Papa: “L’attaccamento alle ricchezze è l’inizio di ogni genere di corruzione”
    “Le ricchezze sono per il bene comune, per tutti. E se il Signore a una persona gliene dà è perché li faccia per il bene di tutti, non per se stesso, non perché le chiuda nel suo cuore, che poi con questo diventa corrotto e triste”.

    20/04/2016 11:00:00 VATICANO
    Papa: distinguere tra il peccato, da respingere, e il peccatore, da accogliere

    Durante l’udienza generale Francesco ha espresso vicinanza e preghiera per "i nostri fratelli dell’Ecuador” colpito dal terremoto e ha ricordato la popolazione dell’Ucraina che “soffre da tempo per le conseguenze di un conflitto armato, dimenticato da tanti”.



    14/09/2015 VATICANO
    Papa: seguire la strada della Croce per resistere alle seduzioni del male
    Il serpente “è un incantatore”, ma è anche “un bugiardo”. “Ti promette tante cose ma all’ora di pagare paga male, è un cattivo pagatore”. “Se un cristiano vuole andare avanti sulla strada della vita cristiana deve abbassarsi, come si è abbassato Gesù. E’ la strada dell’umiltà, sì, ma anche di portare su di sé le umiliazioni come le ha portate Gesù”.

    25/12/2014 VATICANO
    Papa: Natale, il mondo e ognuno di noi accolga la "tenerezza di Dio"
    "Questa è la domanda che il Bambino ci pone con la sua sola presenza: permetto a Dio di volermi bene? E ancora: abbiamo il coraggio di accogliere con tenerezza le situazioni difficili e i problemi di chi ci sta accanto, oppure preferiamo le soluzioni impersonali, magari efficienti ma prive del calore del Vangelo? Quanto bisogno di tenerezza ha oggi il mondo! Pazienza di Dio, vicinanza di Dio, tenerezza di Dio".



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 10 anni dalla Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa in Cina. La debolezza di alcuni vescovi

    Fr Peter

    La Lettera esprime “l’amore del Santo Padre per la nostra Chiesa”. La “tragedia” per la Chiesa in Cina: vescovi che divengono “funzionari di Stato”, “non danno ascolto alla Lettera” e hanno paura di “dare la vita per il gregge”. Ma vi sono “vescovi e sacerdoti [che] salvaguardano la vera fede della Chiesa cattolica”. Un grazie profondo alla Chiesa universale.


    VATICANO – CINA
    Simposio AsiaNews, Savio Hon: “Va dissipato il grigio pragmatismo”



    Sorto sul principio della crescita a tutti i costi, sintetizzato da Deng Xiaoping nello slogan: “Non importa se il gatto è nero o bianco, purché catturi i topi”. Oggi non si distingue più il bianco dal nero, il vero dal falso. Così gli eroi della fede sono sfidati dai lupi travestiti da pecore


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®