15/08/2017, 12.25
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: Maria Assunta porti nelle nostre famiglie la grazia che è Gesù Cristo

All’Angelus dell’Assunta, papa Francesco affida a Maria “le ansie e i dolori delle popolazioni che in tante parti del mondo soffrono a causa di calamità naturali, di tensioni sociali o di conflitti”. “Dio opera cose grandi attraverso le persone umili, sconosciute al mondo, come è Maria stessa”. “Portando Gesù, la Madonna porta anche a noi una gioia nuova, piena di significato”.

Città del Vaticano (AsiaNews) - “Celebrando Maria Santissima Assunta in Cielo, vorremmo che Lei, ancora una volta, portasse a noi, alle nostre famiglie, alle nostre comunità, quel dono immenso, quella grazia unica che dobbiamo sempre chiedere per prima e al di sopra delle altre grazie che pure ci stanno a cuore: la grazia che è Gesù Cristo!”. È l’augurio e la preghiera che papa Francesco ha espresso davanti ai pellegrini radunati in piazza san Pietro per la preghiera dell’Angelus in occasione della solennità dell’Assunzione di Maria.

In tutta la sua meditazione che ha preceduto la preghiera mariana, egli ha sempre sottolineato il mistero della presenza di Gesù nel grembo di Maria, prendendo spunto dal vangelo di oggi (Luca 1,39-56), che narra la visita di Maria a sua cugina Elisabetta.

“Arrivando da lei - ha spiegato -  Maria coglie dalla sua bocca le parole che sono entrate a formare la preghiera dell’’Ave Maria’: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo» (Lc 1,42). In effetti, il dono più grande che Maria porta a Elisabetta – e al mondo intero – è Gesù, che già vive in lei; e vive non solo per la fede e per l’attesa, come in tante donne dell’Antico Testamento: dalla Vergine Gesù ha preso carne umana, per la sua missione di salvezza”.

“Nella casa di Elisabetta e di suo marito Zaccaria, dove prima regnava la tristezza per la mancanza di figli, ora c’è la gioia di un bambino in arrivo: un bambino che diventerà il grande Giovanni Battista, precursore del Messia. E quando arriva Maria, la gioia trabocca e prorompe dai cuori, perché la presenza invisibile ma reale di Gesù riempie tutto di senso: la vita, la famiglia, la salvezza del popolo... Tutto! Questa gioia piena si esprime con la voce di Maria nella preghiera stupenda che il Vangelo di Luca ci ha trasmesso e che, dalla prima parola latina, si chiama Magnificat. È un canto di lode a Dio che opera cose grandi attraverso le persone umili, sconosciute al mondo, come è Maria stessa, come è il suo sposo Giuseppe, e come è anche il luogo in cui vivono, Nazaret.

Il Magnificat canta il Dio misericordioso e fedele, che compie il suo disegno di salvezza con i piccoli e i poveri, con quelli che hanno fede in Lui, che si fidano della sua Parola, come Maria. Ecco l’esclamazione di Elisabetta: «Beata te che hai creduto» (Lc 1,45). In quella casa, la venuta di Gesù attraverso Maria ha creato non solo un clima di gioia e di comunione fraterna, ma anche un clima di fede che porta alla speranza, alla preghiera, alla lode”.

“Tutto questo vorremmo avvenisse anche oggi nelle nostre case. Celebrando Maria Santissima Assunta in Cielo, vorremmo che Lei, ancora una volta, portasse a noi, alle nostre famiglie, alle nostre comunità, quel dono immenso, quella grazia unica che dobbiamo sempre chiedere per prima e al di sopra delle altre grazie che pure ci stanno a cuore: la grazia che è Gesù Cristo!

Portando Gesù, la Madonna porta anche a noi una gioia nuova, piena di significato; ci porta una nuova capacità di attraversare con fede i momenti più dolorosi e difficili; ci porta la capacità di misericordia, per perdonarci, comprenderci, sostenerci gli uni gli altri”.

“Maria - ha concluso - è modello di virtù e di fede. Nel contemplarla oggi assunta in Cielo, al compimento finale del suo itinerario terreno, la ringraziamo perché sempre ci precede nel pellegrinaggio della vita e della fede. E le chiediamo che ci custodisca e ci sostenga; che possiamo avere una fede forte, gioiosa e misericordiosa; che ci aiuti ad essere santi, per incontrarci con lei, un giorno, in Paradiso”.

Dopo l’Angelus Francesco ha affidato a Maria assunta, Regina della pace, “le ansie e i dolori delle popolazioni che in tante parti del mondo soffrono a causa di calamità naturali, di tensioni sociali o di conflitti”.

 “Ottenga la nostra Madre celeste - ha aggiunto - per tutti consolazione e un futuro di serenità e di concordia!”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: Se tu lasci tutto per Gesù, la gente riconosce in te il Signore e ti aiuta a convertirti. L’appello per il Venezuela
02/07/2017 12:17
Papa: Gesù “non ci toglie la croce, ma la porta con noi”, affidiamogli “persone e situazioni”
09/07/2017 12:13
Il card. Filoni celebra la festa del p. Paolo Manna al Pime di Roma
17/01/2018 12:24
Papa: La mia preghiera per la popolazione di Tianjin. Il nostro pellegrinaggio nel segno di Maria
15/08/2015
Papa: L’assunzione di Maria, il Magnificat e le donne “schiave”. Appello per il Nord Kivu
15/08/2016 12:48