21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/01/2005, 00.00

    Vaticano

    Papa: Migranti, è urgente simpatia e dialogo fra culture



    Domani si celebra la Giornata per il dialogo ebraico-cristiano.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Il fenomeno mondiale dei migranti richiede "simpatia" e "comprensione tra le diverse culture": lo ha detto Giovanni Paolo II ricordando oggi prima della preghiera dell'Angelus, la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si celebra questa domenica in tutte le chiese.

    Il fenomeno delle migrazioni, sia per la ricerca di lavoro, sia per problemi politici o economici, è un elemento che caratterizza il mondo globalizzato. Secondo il Pontificio Consiglio per i Migranti, le persone lontane dalla propria patria sono almeno 200 milioni in tutto il mondo. In Asia, in particolare, ve ne sono 48 milioni; di questi 15 milioni sono lavoratori regolari, altri sono rifugiati e immigrati illegali. Lo scorso maggio, a conclusione dell'assemblea plenaria del Pontificio Consiglio, Giovanni Paolo II ha esortato tutti a lavorare per l'integrazione dei migranti, pur appartenendo essi a un'altra cultura e religione. Molto spesso migranti cristiani vengono privati di diritti fondamentali in paesi del Medio Oriente; in occidente il rapporto con  migranti musulmani riesce difficile per l'emarginazione da parte della cultura dominante, o per l'auto-affermazione della propria cultura tradizionale, affermata contro la cultura ospitante.

    Il Papa ha detto che l'integrazione fra i popoli" richiede "un giusto equilibrio fra l'affermazione della propria identità e il riconoscimento di quella altrui".

    Giovanni Paolo II ha anche ricordato l'inizio della Settimana di preghiera per l'Unità dei cristiani e l'importante Giornata per il dialogo ebraico-cristiano. Proprio nei giorni scorsi è scoppiata l'ennesima polemica su Pio XII e sul suo rapporto con il mondo ebraico durante la Seconda guerra mondiale.

     

    Ecco le parole del Papa prima dell'Angelus:

     

    "Si celebra oggi in tutta la Chiesa la "Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato". Nel Messaggio per tale circostanza ho voluto sottolineare l'importanza dell'integrazione fra i popoli, che richiede un giusto equilibrio tra l'affermazione della propria identità e il riconoscimento di quella altrui. A tutti i migranti rivolgo il mio cordiale saluto, ed auguro che attraverso il dialogo crescano la simpatia e la comprensione tra le diverse culture.

    Preceduta dall'importante Giornata per il dialogo ebraico-cristiano, inizierà dopodomani, 18 gennaio, l'annuale "Settimana di preghiera per l'Unità dei cristiani", che quest'anno ha come tema: "Cristo, unico fondamento della Chiesa" (cfr 1 Cor 3,1-23).

    Invito ogni comunità a porre gesti significativi di incontro e di dialogo ecumenico e a implorare da Dio il dono della piena unità di tutti i discepoli di Cristo.

    Affidiamo a Maria Santissima questi importanti eventi ecclesiali. La sua materna intercessione aiuti i cristiani a formare un cuore solo e un'anima sola (cfr At 4,32) e tutti gli uomini a crescere nella solidarietà, per costruire un mondo di pace".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/09/2006 vaticano - onu
    Mons. Lajolo: il papa contro la violenza religiosa e l'emarginazione di Dio nell'occidente

    L'ex ministro degli esteri vaticano precisa le intenzioni del pontefice a Regensburg. Appello a costruire la pace promuovendo i diritti umani (vita, libertà religiosa e di espressione). Critiche alla comunità internazionale per la mancanza di volontà politica nel risolvere sottosviluppo e conflitti.



    18/11/2004 vaticano - azerbaijan
    Il Papa: "No alle religioni come mezzo di morte"
    Giovanni Paolo II incontra responsabili  musulmani, ortodossi ed ebrei residenti in Azerbaijan. La tolleranza è possibile e costituisce un valore di civiltà.

    16/10/2004 VATICANO - PAPA
    Le Chiese d'Asia accanto al Papa nell'anniversario del pontificato

    Anche protestanti e musulmani di Indonesia e Pakistan vicini al Santo Padre.



    13/04/2005 turchia - vaticano
    Turchia, saluto ecumenico e interreligioso a Giovanni Paolo II

    Cattolici, ortodossi e musulmani appendono nelle loro case l'immagine del papa defunto.



    17/01/2016 18:40:00 VATICANO-EBRAISMO
    Papa: Cattolici ed ebrei “fratelli e sorelle”, con “un legame unico e peculiare”

    Nella sua prima visita alla sinagoga di Roma, papa Francesco ricorda i frutti di 50 anni di dialogo fra cattolici ed ebrei, dopo la Nostra Aetate: “’sì alla riscoperta delle radici ebraiche del cristianesimo; ‘no’ ad ogni forma di antisemitismo”. L’invito a lavorare insieme per una “ecologia integrale” e per la giustizia e la pace, difendendo la vita “dono di Dio”. Gli interventi di Ruth Dureghello, presidente della comunità ebraica romana, Renzo Gattegna, presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane (Ucei), di Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma, che hanno chiesto un’alleanza contro il terrorismo. Il ricordo commosso per i sopravvissuti alla Shoah. Il discorso del papa interrotto 16 volte dagli applausi e da una ovazione.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®