22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/09/2017, 12.07

    VATICANO

    Papa: Nel Regno di Dio non ci sono disoccupati



    All’Angelus, papa Francesco spiega la parabola dei lavoratori chiamati a giornata in diverse ore e pagati tutti con lo stesso compenso. “Gesù vuole aprire i nostri cuori alla logica dell’amore del Padre, che è gratuito e generoso”. La beatificazione del missionario americano Stanley Francis Rother, ucciso nel 1981 dagli squadroni della morte in Guatemala.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - “Nel Regno di Dio non ci sono disoccupati, tutti sono chiamati a fare la loro parte; e per tutti alla fine ci sarà il compenso che viene dalla giustizia divina – non umana, per nostra fortuna! –, cioè la salvezza che Gesù Cristo ci ha acquistato con la sua morte e risurrezione. Una salvezza che non è meritata, ma donata, la salvezza è gratuita, per cui «gli ultimi saranno primi e i primi, ultimi»”.

    Papa Francesco ha sintetizzato così il messaggio del vangelo di oggi (Matteo 20,1-16, domenica 25ma per anno, A) spiegandolo ai pellegrini in piazza san Pietro prima della recita dell’Angelus.

    La pagina evangelica narra la parabola del padrone che va in diverse ore del giorno a cercare lavoratori per la sua vigna e alla fine della giornata dà a tutti la stessa paga, anche a quelli che hanno lavorato un’ora soltanto.

    “In realtà, questa ‘ingiustizia’ del padrone serve a provocare, in chi ascolta la parabola, un salto di livello, perché qui Gesù non vuole parlare del problema del lavoro e del giusto salario, ma del Regno di Dio!”

    “Con questa parabola, Gesù vuole aprire i nostri cuori alla logica dell’amore del Padre, che è gratuito e generoso. Si tratta di lasciarsi stupire e affascinare dai «pensieri» e dalle «vie» di Dio che, come ricorda il profeta Isaia, non sono i nostri pensieri e non sono le nostre vie (cfr Is 55,8). I pensieri umani sono spesso segnati da egoismi e tornaconti personali, e i nostri angusti e tortuosi sentieri non sono paragonabili alle ampie e rette strade del Signore. Egli usa misericordia, perdona largamente, è pieno di generosità e di bontà che riversa su ciascuno di noi, apre a tutti i territori sconfinati del suo amore e della sua grazia, che soli possono dare al cuore umano la pienezza della gioia”.

    “Gesù vuole farci contemplare lo sguardo di quel padrone: lo sguardo con cui vede ognuno degli operai in attesa di lavoro, e li chiama ad andare nella sua vigna. È uno sguardo pieno di attenzione, di benevolenza; è uno sguardo che chiama, che invita ad alzarsi, a mettersi in cammino, perché vuole la vita per ognuno di noi, vuole una vita piena, impegnata, salvata dal vuoto e dall’inerzia. Dio che non esclude nessuno e vuole che ciascuno raggiunga la sua pienezza”.

    Dopo la preghiera mariana e prima dei saluti ai diversi gruppi presenti, Francesco ha ricordato che “ieri, a Oklahoma City (Stati Uniti d’America), è stato proclamato Beato Stanley Francis Rother, sacerdote missionario, ucciso in odio alla fede per la sua opera di evangelizzazione e promozione umana in favore dei più poveri in Guatemala”.

    Il p. Rother (1935-1981), inviato come sacerdote nel 1968 alla missione di Santiago Atitlán in Guatemala tra gli indios tzutuhil, è stato ucciso da alcuni squadroni della morte nel periodo del regime di Efraín Ríos Montt. “Il suo esempio eroico - ha detto Francesco - ci aiuti ad essere coraggiosi testimoni del Vangelo, impegnandoci in favore della dignità dell’uomo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/02/2004 vaticano
    Il Papa all'Angelus: appello per i malati e per i lavoratori


    06/10/2013 VATICANO
    Papa: Ottobre, mese dedicato alle missioni, con la forza della fede e nella preghiera del rosario
    All'Angelus, Francesco chiede a tutti di dare testimonianza a Cristo "nella propria vita di ogni giorno". Il rosario è una "scuola" di preghiera e di fede. Nell'Anno della Fede dobbiamo domandare : Accresci la nostra fede! La beatificazione di Rolando Rivi, un bell'esempio per i giovani. La preghiera silenziosa per "i fratelli e le sorelle" morti nel disastro di Lampedusa. Il ricordo del pellegrinaggio ad Assisi.

    19/06/2016 12:17:00 VATICANO
    Papa: Il mondo ha più che mai bisogno di Cristo, della sua salvezza, del suo amore misericordioso

    All’Angelus papa Francesco ripropone le domande del vangelo di oggi: “Chi è Gesù per la gente del nostro tempo? Chi è Gesù per ciascuno di noi?”. “Molte persone avvertono un vuoto attorno a sé e dentro di sé; altre vivono nell’inquietudine e nell’insicurezza a causa della precarietà e dei conflitti”. La preghiera dell’Ave Maria per il Sinodo pan-ortodosso a Creta.  La Giornata mondiale Onu per i rifugiati. Occorre “: incontrarli, accoglierli, ascoltarli, per diventare insieme artigiani di pace secondo la volontà di Dio”.



    01/01/2014 VATICANO
    Papa: Senza magie e fatalismi, l'augurio cristiano della pace, con Maria Madre di Dio
    All'Angelus, papa Francesco ricorda il tema della 47ma Giornata mondiale per la pace e sottolinea che "siamo tutti figli dell'unico Padre celeste, facciamo parte della stessa famiglia umana e condividiamo un comune destino". "Cosa succede nel cuore dell'uomo? Nel cuore dell'umanità? E' ora di fermarsi!". Costruire la pace "a cominciare dalla propria casa". I ringraziamenti a Caritas, Pax Christi, Comunità di S.Egidio, Movimento dell'amore familiare, Sternsinger, Fraterna Domus. Gli auguri al presidente e al popolo dell'Italia.

    15/01/2017 12:15:00 VATICANO
    Papa: La Chiesa non annuncia sé stessa, annuncia Cristo; non porta sé stessa, porta Cristo

    All’Angelus, papa Francesco afferma che “la Chiesa, in ogni tempo, è chiamata a fare quello che fece Giovanni il Battista, indicare Gesù alla gente”. “Guai, guai quando la Chiesa annuncia sé stessa: perde la bussola, non sa dove va”. Nella Giornata mondiale del migrante e rifugiato, dedicata ai migranti minorenni, “è necessario adottare ogni possibile misura per garantire ai minori migranti la protezione e la difesa, come anche la loro integrazione”. L’augurio alle comunità etniche di “vivere serenamente nelle località che vi accolgono, rispettandone le leggi e le tradizioni e, al tempo stesso, custodendo i valori delle vostre culture di origine”. Il grazie all’Ufficio Migrantes e l’esempio di santa Francesca Saverio Cabrini, patrona dei migranti.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®