21/04/2019, 09.39
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: Pasqua mostra che la storia umana non finisce davanti a una pietra sepolcrale

Nella “veglia di tutte le veglie”, Francesco dice che ““Pasqua è la festa della rimozione delle pietre. Dio rimuove le pietre più dure, contro cui vanno a schiantarsi speranze e aspettative: la morte, il peccato, la paura, la mondanità”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – «Perché cercate tra i morti colui che è vivo?» (Lc 24,5). Le parole rivolte dall’angelo alle donne che trovarono rimossa la grande pietra che serrava la tomba di Gesù vale oggi per ciascuno di noi e per la Chiesa perché nel momento della Risurrezione “scopriamo che il nostro cammino non è vano, che non sbatte davanti a una pietra tombale”. Le parole dell’angelo sono state lo spunto dell’omelia di papa Francesco nella veglia di Pasqua, la “veglia di tutte le veglie”, che comincia con la benedizione del fuoco e la preparazione del cero pasquale e nel corso della quale il Papa ha amministrato i sacramenti dell’iniziazione cristiana a 8 neofiti provenienti da: Italia, Albania, Ecuador, Indonesia e Perù.

“Pasqua – ha detto - è la festa della rimozione delle pietre. Dio rimuove le pietre più dure, contro cui vanno a schiantarsi speranze e aspettative: la morte, il peccato, la paura, la mondanità. La storia umana non finisce davanti a una pietra sepolcrale, perché scopre oggi la «pietra viva» (cfr 1 Pt 2,4): Gesù risorto. Noi come Chiesa siamo fondati su di Lui e, anche quando ci perdiamo d’animo, quando siamo tentati di giudicare tutto sulla base dei nostri insuccessi, Egli viene a fare nuove le cose, a ribaltare le nostre delusioni”.

La prima pietra spesso è “la pietra della sfiducia. Quando si fa spazio l’idea che tutto va male e che al peggio non c’è mai fine, rassegnati arriviamo a credere che la morte sia più forte della vita e diventiamo cinici e beffardi, portatori di malsano scoraggiamento. Pietra su pietra costruiamo dentro di noi un monumento all’insoddisfazione, il sepolcro della speranza”. Ma “Il Signore non abita nella rassegnazione. È risorto, non è lì; non cercarlo dove non lo troverai mai: non è Dio dei morti, ma dei viventi”.

“C’è una seconda pietra che spesso sigilla il cuore: la pietra del peccato. Il peccato seduce, promette cose facili e pronte, benessere e successo, ma poi lascia dentro solitudine e morte. Il peccato è cercare la vita tra i morti, il senso della vita nelle cose che passano”. “Perché ai luccicanti bagliori del denaro, della carriera, dell’orgoglio e del piacere non anteponi Gesù, la luce vera (cfr Gv 1,9)?”.

“Ritorniamo alle donne che vanno al sepolcro di Gesù. Di fronte alla pietra rimossa, restano allibite; vedendo gli angeli rimangono, dice il Vangelo, «impaurite» e col «volto chinato a terra» (Lc 24,5). Non hanno il coraggio di alzare lo sguardo”. “Quante volte capita anche a noi: preferiamo rimanere accovacciati nei nostri limiti, rintanarci nelle nostre paure”. Ma “il Signore ci chiama ad alzarci, a risorgere sulla sua Parola, a guardare in alto e credere che siamo fatti per il Cielo, non per la terra; per le altezze della vita, non per le bassezze della morte”.

“Dio ci chiede di guardare la vita come la guarda Lui, che vede sempre in ciascuno di noi un nucleo insopprimibile di bellezza. Nel peccato, vede figli da rialzare; nella morte, fratelli da risuscitare; nella desolazione, cuori da consolare. Non temere, dunque: il Signore ama questa tua vita, anche quando hai paura di guardarla e prenderla in mano. A Pasqua ti mostra quanto la ama: al punto da attraversarla tutta, da provare l’angoscia, l’abbandono, la morte e gli inferi per uscirne vittorioso e dirti: “Non sei solo, confida in me!”. Gesù è specialista nel trasformare le nostre morti in vita, i nostri lamenti in danza (cfr Sal 30,12): con Lui possiamo compiere anche noi la Pasqua, cioè il passaggio: passaggio dalla chiusura alla comunione, dalla desolazione alla consolazione, dalla paura alla fiducia”

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: la speranza “illumini” i nostri problemi e vinca “oscurità e paure”
27/03/2016 10:08
Goa, veglia di Pasqua: pietre lanciate contro il monastero carmelitano
05/04/2018 08:51
Mons. Hinder: Ad Abu Dhabi, testimoniare il Vangelo in una società segnata dall’islam (Foto)
24/04/2019 13:43
La Pasqua dei 5mila migranti ad Abu Dhabi (FOTO)
22/04/2019 05:22
Papa: la Risurrezione, invito a riscoprire il Battesimo e divenire testimoni di Gesù
20/04/2014