30 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/03/2006
vaticano
Papa: Quaresima, con Gesù nel deserto per combattere contro lo spirito del male

Benedetto XVI invita i cristiani a usare questo tempo per liberarsi dalla schiavitù della menzogna e a vivere la libertà nella verità. Da stasera fino a sabato parteciperà agli esercizi spirituali per la Curia romana. Un appuntamento coi giovani europei e africani per sabato 11 marzo.



Città del Vaticano (AsiaNews) - La Quaresima iniziata col Mercoledì delle Ceneri è "un tempo favorevole per un'attenta revisione di vita nel raccoglimento, nella preghiera e nella penitenza". Lo ha detto il papa oggi, nella sua riflessione prima dell'Angelus in piazza san Pietro, annunciando che da stasera lui e tutta la Curia romana parteciperanno agli esercizi spirituali fino a sabato 11 marzo. Il predicatore sarà il card. Marco Cé, Patriarca emerito di Venezia, e il tema sarà: "Camminando con Gesù verso la Pasqua guidati dall'Evangelista Marco". Benedetto XVI ha chiesto a tutti i fedeli di accompagnarlo con le preghiere ed ha assicurato a tutti da parte sua "un ricordo al Signore perché la Quaresima sia per tutti i cristiani un'occasione di conversione e di più coraggiosa spinta verso la santità".

Riprendendo il vangelo del giorno, che parla dei 40 giorni di Gesù nel deserto, "dove superò le tentazioni di satana (cfr Mc 1,12-13)", il papa ha esortato i cristiani a seguire "il loro Maestro e Signore…. per affrontare insieme con Lui 'il combattimento contro lo spirito del male'".  Il "deserto – ha detto - è una metafora assai eloquente della condizione umana". Il papa ha anche ricordato l'esperienza del popolo d'Israele che dopo la liberazione dall'Egitto ha attraversato per 40 anni il deserto. "Durante quel lungo viaggio", ha spiegato, "gli ebrei sperimentarono tutta la forza e l'insistenza del tentatore, che li spingeva a perdere la fiducia nel Signore e a tornare indietro; ma, al tempo stesso, grazie alla mediazione di Mosè, impararono ad ascoltare la voce di Dio, che li chiamava a diventare il suo popolo santo".

"Per realizzare appieno la vita nella libertà – ha aggiunto - occorre superare la prova che la stessa libertà comporta, cioè la tentazione. Solo liberata dalla schiavitù della menzogna e del peccato, la persona umana, grazie all'obbedienza della fede che la apre alla verità, trova il senso pieno della sua esistenza e raggiunge la pace, l'amore e la gioia".

Al momento dei saluti, Benedetto ha invitato i giovani a partecipare a un incontro di preghiera nel pomeriggio di sabato 11 marzo: "Sabato prossimo 11 marzo, alle ore 17, nell'Aula Paolo VI  - ha detto il papa - si terrà una veglia mariana organizzata dai giovani universitari di Roma. Ad essa parteciperanno, grazie ai collegamenti radio-televisivi, anche numerosi studenti di altri Paesi europei e dell'Africa. Sarà una propizia occasione per pregare la Vergine Santa perché il Vangelo apra nuove vie alla cooperazione tra i popoli dell'Europa e dell'Africa. Cari giovani, vi attendo numerosi!"


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/02/2005 vaticano
Nella basilica di san Pietro la Curia prega per la salute del Papa
25/02/2007 VATICANO
Papa: in Quaresima guardiamo e lasciamoci guardare da Cristo, trafitto dai nostri peccati
22/02/2015 VATICANO
Papa: il libretto "Custodisci il cuore" come aiuto alla conversione nella Quaresima
09/03/2014 VATICANO
Papa: Con Satana non si dialoga, lo si combatte con la Parola di Dio
21/02/2010 VATICANO
Papa: Quaresima, il mondo si migliora incominciando da se stessi, cambiando con la grazia di Dio

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate