17 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/03/2006
vaticano
Papa: Quaresima, con Gesù nel deserto per combattere contro lo spirito del male

Benedetto XVI invita i cristiani a usare questo tempo per liberarsi dalla schiavitù della menzogna e a vivere la libertà nella verità. Da stasera fino a sabato parteciperà agli esercizi spirituali per la Curia romana. Un appuntamento coi giovani europei e africani per sabato 11 marzo.



Città del Vaticano (AsiaNews) - La Quaresima iniziata col Mercoledì delle Ceneri è "un tempo favorevole per un'attenta revisione di vita nel raccoglimento, nella preghiera e nella penitenza". Lo ha detto il papa oggi, nella sua riflessione prima dell'Angelus in piazza san Pietro, annunciando che da stasera lui e tutta la Curia romana parteciperanno agli esercizi spirituali fino a sabato 11 marzo. Il predicatore sarà il card. Marco Cé, Patriarca emerito di Venezia, e il tema sarà: "Camminando con Gesù verso la Pasqua guidati dall'Evangelista Marco". Benedetto XVI ha chiesto a tutti i fedeli di accompagnarlo con le preghiere ed ha assicurato a tutti da parte sua "un ricordo al Signore perché la Quaresima sia per tutti i cristiani un'occasione di conversione e di più coraggiosa spinta verso la santità".

Riprendendo il vangelo del giorno, che parla dei 40 giorni di Gesù nel deserto, "dove superò le tentazioni di satana (cfr Mc 1,12-13)", il papa ha esortato i cristiani a seguire "il loro Maestro e Signore…. per affrontare insieme con Lui 'il combattimento contro lo spirito del male'".  Il "deserto – ha detto - è una metafora assai eloquente della condizione umana". Il papa ha anche ricordato l'esperienza del popolo d'Israele che dopo la liberazione dall'Egitto ha attraversato per 40 anni il deserto. "Durante quel lungo viaggio", ha spiegato, "gli ebrei sperimentarono tutta la forza e l'insistenza del tentatore, che li spingeva a perdere la fiducia nel Signore e a tornare indietro; ma, al tempo stesso, grazie alla mediazione di Mosè, impararono ad ascoltare la voce di Dio, che li chiamava a diventare il suo popolo santo".

"Per realizzare appieno la vita nella libertà – ha aggiunto - occorre superare la prova che la stessa libertà comporta, cioè la tentazione. Solo liberata dalla schiavitù della menzogna e del peccato, la persona umana, grazie all'obbedienza della fede che la apre alla verità, trova il senso pieno della sua esistenza e raggiunge la pace, l'amore e la gioia".

Al momento dei saluti, Benedetto ha invitato i giovani a partecipare a un incontro di preghiera nel pomeriggio di sabato 11 marzo: "Sabato prossimo 11 marzo, alle ore 17, nell'Aula Paolo VI  - ha detto il papa - si terrà una veglia mariana organizzata dai giovani universitari di Roma. Ad essa parteciperanno, grazie ai collegamenti radio-televisivi, anche numerosi studenti di altri Paesi europei e dell'Africa. Sarà una propizia occasione per pregare la Vergine Santa perché il Vangelo apra nuove vie alla cooperazione tra i popoli dell'Europa e dell'Africa. Cari giovani, vi attendo numerosi!"


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/02/2005 vaticano
Nella basilica di san Pietro la Curia prega per la salute del Papa
25/02/2007 VATICANO
Papa: in Quaresima guardiamo e lasciamoci guardare da Cristo, trafitto dai nostri peccati
09/03/2014 VATICANO
Papa: Con Satana non si dialoga, lo si combatte con la Parola di Dio
21/02/2010 VATICANO
Papa: Quaresima, il mondo si migliora incominciando da se stessi, cambiando con la grazia di Dio
26/02/2012 VATICANO
Papa: Quaresima, la tentazione di rimuovere Dio da se stessi e dal mondo

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate