17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/01/2012, 00.00

    VATICANO

    Papa: Rinnoviamo la gioia di essere figli: come uomini e come cristiani



    Reduce dall’aver battezzato 16 bambini, Benedetto XVI spiega cosa significa essere figli (“Venire al mondo non è mai un scelta”), fino ad essere genitori, se si accoglie la vita come un dono. Nell’essere cristiani accogliamo la vita come un dono del Padre, rivelatoci da Gesù Cristo. Il battesimo è una nuova nascita nello Spirito e “nel grembo della Chiesa”.
    Città del Vaticano (AsiaNews) – Alla sua riflessione che precede la preghiera dell’Angelus, Benedetto XVI ha voluto proporre “una breve riflessione sul nostro essere figli di Dio”, per rinnovare “la gioia di essere figli: come uomini e come cristiani”.
    In mattinata il pontefice aveva conferito il battesimo a 16 neonati durante una messa celebrata nella Cappella Sistina. Secondo il catechismo della Chiesa cattolica, proprio il battesimo ci rende “figli di Dio”.

    “Anzitutto – ha detto il papa - partiamo dal nostro essere semplicemente figli: questa è la condizione fondamentale che ci accomuna tutti. Non tutti siamo genitori, ma tutti sicuramente siamo figli. Venire al mondo non è mai una scelta, non ci viene chiesto prima se vogliamo nascere. Ma durante la vita, possiamo maturare un atteggiamento libero nei confronti della vita stessa: possiamo accoglierla come un dono e, in un certo senso, ‘diventare’ ciò che già siamo: diventare figli. Questo passaggio segna una svolta di maturità nel nostro essere e nel rapporto con i nostri genitori, che si riempie di riconoscenza. E’ un passaggio che ci rende anche capaci di essere a nostra volta genitori – non biologicamente, ma moralmente”.


    “Anche nei confronti di Dio – ha aggiunto - siamo tutti figli. Dio è all’origine dell’esistenza di ogni creatura, ed è Padre in modo singolare di ogni essere umano: ha con lui o con lei una relazione unica, personale. Ognuno di noi è voluto, è amato da Dio. E anche in questa relazione con Dio noi possiamo, per così dire, ‘rinascere’, cioè diventare ciò che siamo. Questo accade mediante la fede, mediante un ‘sì’ profondo e personale a Dio come origine e fondamento della mia esistenza. Con questo ‘sì’ io accolgo la vita come dono del Padre che è nei Cieli, un Genitore che non vedo ma in cui credo e che sento nel profondo del cuore essere il Padre mio e di tutti i miei fratelli in umanità, un Padre immensamente buono e fedele. Su che cosa si basa questa fede in Dio Padre? Si basa su Gesù Cristo: la sua persona e la sua storia ci rivelano il Padre, ce lo fanno conoscere, per quanto è possibile in questo mondo. Credere che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, consente di ‘rinascere dall’alto’, cioè da Dio, che è Amore (cfr Gv 3,3). Dice san Giovanni a proposito di Gesù: ‘A quanti l’hanno accolto / ha dato potere di diventare figli di Dio’ (Gv 1,12). Questo è il senso del sacramento del Battesimo: è una nuova nascita, che avviene grazie allo Spirito Santo nel grembo della Chiesa”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/01/2012 VATICANO
    Papa: Il battesimo è la prima scelta educativa e la prima testimonianza verso i figli
    Benedetto XVI battezza 16 neonati nella Cappella Sistina. L’educazione, compito “arduo”, avviene attraverso la testimonianza. Nel loro impegno i genitori, i padrini e le madrine sono confortati dallo Spirito Santo, dalla preghiera e dai sacramenti.

    07/01/2018 12:11:00 VATICANO
    Papa: Fare memoria del proprio battesimo, non considerarlo un fatto del passato

    All’Angelus nella festa del Battesimo del Signore, papa Francesco invoca “la materna protezione della Madre di Dio” per i bambini battezzati stamattina e per quelli battezzati di recente. “La grande umiltà di Gesù”, la sua disponibilità “a immergersi nel fiume dell’umanità, a prendere su di sé le mancanze e le debolezze degli uomini”. “È lo Spirito che apre gli occhi del cuore alla verità, tutta la verità”. Ricordare la data del nostro battesimo. Il saluto ai fedeli provenienti dalla Corea del Sud.



    16/12/2011 VATICANO - PACE 2012
    Papa: solo “alzando gli occhi a Dio” si educano i giovani alla giustiza e alla pace
    Il messaggio di Benedetto XVI per la Giornata mondiale della pace evidenzia la necessità di offrire ai giovani, che vanno ascoltati, una formazione umana integrale. Il compito della famiglia e i doveri di educatori, responsabili politici e operatori dei media. Il relativismo un “ostacolo” che promuove una concezione di libertà che alla fine rende schiavi.

    16/12/2011 VATICANO - PACE 2012
    Senza Dio non c’è pace. La fine del relativismo e del cristianesimo dei “valori”
    Nel Messaggio per la Giornata mondiale della pace 2012, Benedetto XVI mette le basi di una nuova “città dell’uomo” e di un nuovo patto sociale. La crisi attuale – anche quella economica – ha anzitutto radici “culturali e antropologiche”. Battere il relativismo con la ricerca della verità. Le dimenticanze dei movimenti cristiani della pace.

    03/08/2012 VATICANO - ISLAM
    Messaggio per la fine del Ramadan: Educare i giovani cristiani e musulmani alla giustizia e alla pace
    Il card. Tauran, ricordando il Messaggio del papa sulla pace, chiede attenzione all'educazione dei giovani, da parte di "autentici testimoni e non meri dispensatori di regole e di informazioni". L'invito ad essere "araldi di giustizia e di pace e costruttori di una cultura rispettosa dei diritti e della dignità di ogni cittadino". La grande attualità del messaggio per le rivoluzioni arabe.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®