19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/11/2009, 00.00

    VATICANO

    Papa: Scegliere Cristo Re non garantisce il successo, ma pace e gioia fino al martirio



    Benedetto XVI spiega che il “potere” di Cristo è diverso da quello dei “grandi di questo mondo”, ma ha la forza di “sconfiggere il dominio della morte”, e “sa ricavare il bene dal male”. Un ricordo per la beatificazione a Nazaret di sr. Marie-Alphonsine Danil Ghattas, conforto per i cattolici della Terra Santa, e per le contemplative di clausura.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Scegliere per Cristo non garantisce il successo secondo i criteri del mondo, ma assicura quella pace e quella gioia che solo Lui può dare. Lo dimostra, in ogni epoca, l’esperienza di tanti uomini e donne che, in nome di Cristo, in nome della verità e della giustizia, hanno saputo opporsi alle lusinghe dei poteri terreni con le loro diverse maschere, sino a sigillare con il martirio questa loro fedeltà”. Così Benedetto XVI ha presentato al solennità di Cristo Re dell’universo alle decine di migliaia di pellegrini presenti sulla piazza san Pietro.

    Introducendo la sua riflessione prima dell’Angelus, il papa ha detto che questa è “una festa di istituzione relativamente recente, che però ha profonde radici bibliche e teologiche”; “si parte dall’espressione ‘re dei Giudei’ e si giunge a quella di re universale, Signore del cosmo e della storia, dunque molto al di là delle attese dello stesso popolo ebraico”.

    “Ma in che cosa consiste – spiega il papa -  il ‘potere’ regale di Gesù? Non è quello dei re e dei grandi di questo mondo; è il potere divino di dare la vita eterna, di liberare dal male, di sconfiggere il dominio della morte. È il potere dell’Amore, che sa ricavare il bene dal male, intenerire un cuore indurito, portare pace nel conflitto più aspro, accendere la speranza nel buio più fitto. Questo Regno della Grazia non si impone mai, e rispetta sempre la nostra libertà. Cristo è venuto a ‘rendere testimonianza alla verità’ (Gv 18,37) – come dichiarò di fronte a Pilato –: chi accoglie la sua testimonianza, si pone sotto la sua ‘bandiera’, secondo l’immagine cara a sant’Ignazio di Loyola”.

    “Ad ogni coscienza, conclude il pontefice, si rende necessaria una scelta: chi voglio seguire? Dio o il maligno? La verità o la menzogna? Scegliere per Cristo non garantisce il successo secondo i criteri del mondo, ma assicura quella pace e quella gioia che solo Lui può dare”.

    Dopo la preghiera mariana. Benedetto XVI ha annunciato che a Nazaret si è svolta oggi la beatificazione di Suor Marie-Alphonsine Danil Ghattas, alla presenza del patriarca latino di Gerusalemme, mons. Fouad Twal e di mons. Angelo Amato, prefetto per la Congregazione dei santi.

    Sr Marie-Alphonsine, dice il papa, era “nata a Gerusalemme nel 1843 in una famiglia cristiana, che comprendeva ben diciannove figli. Scoprì ben presto la vocazione alla vita religiosa, a cui si appassionò, nonostante le iniziali difficoltà poste dalla famiglia. A lei va il merito di fondare una Congregazione formata solo da donne del posto, con lo scopo dell’insegnamento religioso, per vincere l’analfabetismo ed elevare le condizioni della donna di quel tempo nella terra dove Gesù stesso ne esaltò la dignità. Punto centrale della spiritualità di questa nuova Beata è l’intensa devozione alla Vergine Maria, modello luminoso di vita interamente consacrata a Dio: il Santo Rosario era la sua preghiera continua, la sua ancora di salvezza, la sua fonte di grazie. La beatificazione di questa così significativa figura di donna è di particolare conforto per la Comunità cattolica in Terra Santa ed è un invito ad affidarsi sempre, con ferma speranza, alla Divina Provvidenza e alla materna protezione di Maria”.

    Prima di concludere con i saluti nelle varie lingue, Benedetto XVI ha ricordato la Giornata pro orantibus, dedicata alle comunità religiose di clausura, celebrata ieri, nel giorno della memoria della Presentazione della Beata Vergine Maria al Tempio. “Colgo volentieri l’occasione – ha aggiunto il pontefice - per rivolgere ad esse il mio cordiale saluto, rinnovando a tutti l’invito a sostenerle nelle loro necessità. Sono lieto anche, in questa circostanza, di ringraziare pubblicamente le monache che si sono avvicendate nel piccolo Monastero in Vaticano: Clarisse, Carmelitane, Benedettine e, da poco, Visitandine. La vostra preghiera, care sorelle, è molto preziosa per il mio ministero”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/05/2009 INDIA – TERRA SANTA
    Musulmano dell’India: il papa in Terra Santa fonte di pace e dialogo
    Per Asghar Ali Engineer, studioso dell’Islam, il viaggio di Benedetto XVI contribuirà “ad aumentare la fratellanza fra i popoli”. Le divisioni interconfessionali non derivano da “ragioni di fede”, ma dalla “politicizzazione” della religione. Gli auguri ai cristiani del Medio oriente.

    21/06/2007 VATICANO
    Papa: martirio di cristiani nel Medio Oriente, dove la pace è offesa
    Benedetto XVI rinnova il suo cordoglio per l’uccisione in Iraq di padre Raghed Ganni e di tre suddiaconi e ricorda le famiglie di coloro che violenze e minacce costringono ad emigrare. Appello ai responsabili politici perché liberino la pace dalla discriminazione religiosa, culturale, storica o geografica.

    17/05/2009 VATICANO
    Papa: Grazie per il pellegrinaggio in Terra Santa; preghiera alla Vergine di Madhu per lo Sri Lanka
    Benedetto XVI rivolge il pensiero al suo viaggio concluso da poco. La Terra Santa è divenuta “simbolo del contrario”, luogo di divisioni e conflitti, ma è anche un “quinto Vangelo”, “un microcosmo che riassume in sé il faticoso cammino dell’umanità verso il Regno di giustizia, di amore e di pace”. Appello ai belligeranti dello Sri Lanka perché difendano la vita dei civili intrappolati nella zona di guerra.

    08/06/2009 ISRAELE - VATICANO
    Israele revoca il sequestro di fondi della Chiesa in Terra Santa
    L’Ambasciata israeliana presso la Santa Sede dichiara che esso “non sarà effettuato” e che “la situazione rimane immutata”. Per il ministero degli Esteri si tratta di “un malinteso”. P. Jaeger spera che i negoziati fra Santa Sede e Israele, compreso lo statuto fiscale della Chiesa, si concludano con successo e al più presto.

    12/05/2009 VATICANO – ISRAELE
    P. Jaeger: I cattolici attendono la restituzione del Cenacolo
    Il francescano israeliano sottolinea che la Custodia di Terra Santa e la Chiesa continuano ad esigere il ritorno di questo Luogo Santo. Nel 2000 molti media avevano suscitato aspettative che Israele avrebbe restituito il Cenacolo al papa Giovanni Paolo II, ma finora tutto ciò non si è avverato. Una questione che attende una soluzione.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®