15/04/2016, 13.17
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: Tutti abbiamo durezze nel cuore, ma Dio dà sempre la grazia di rialzarsi

Francesco parla della conversione di san Paolo: “Saulo il forte, il sicuro era a terra” dopo la chiamata di una voce. Ma è in quel momento che “capisce la sua verità, di non essere un uomo come voleva Dio, perché Dio ha creato tutti noi per stare in piedi, con la testa alta. La voce dal cielo non dice solo ‘Perché mi perseguiti?’, ma invita Paolo a rialzarsi: ‘Alzati e ti sarà detto’”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Tutti abbiamo durezze nel cuore “chi non ne ha alzi la mano per favore. Chiediamo al Signore che ci faccia vedere che queste durezze ci buttano a terra”. Lo ha detto questa mattina papa Francesco durante la consueta omelia in casa Santa Marta. Il pontefice, come riporta la Radio Vaticana, commenta il brano evangelico della conversione di san Paolo e dice subito: “Avere zelo per le cose sacre non vuol dire avere un cuore aperto a Dio”.

Paolo di Tarso è infatti un uomo “ardente nella fedeltà ai principi della sua fede” ma con il “cuore chiuso, totalmente sordo a Cristo, anzi d’accordo a sterminarne i seguaci al punto da farsi autorizzare a mettere in catene quelli che vivevano a Damasco”.

Proprio in viaggio verso la grande città della Siria, la storia di Paolo cambia e diventa “la storia di un uomo che lascia che Dio gli cambi il cuore”. Paolo viene avvolto da una luce potente, sente una voce che lo chiama, cade, diventa momentaneamente cieco. “Saulo il forte, il sicuro, era a terra”, commenta Francesco. In quella condizione, sottolinea, “capisce la sua verità, di non essere “un uomo come voleva Dio, perché Dio ha creato tutti noi per stare in piedi, con la testa alta”. La voce dal cielo non dice solo “Perché mi perseguiti?”, ma invita Paolo a rialzarsi:

“‘Alzati e ti sarà detto’. Tu devi imparare ancora. E quando incominciò ad alzarsi non poteva perché si accorse che era cieco: in quel momento aveva perso la vista. ‘E si lasciò guidare’: incominciò, il cuore, ad aprirsi. Così, guidandolo per mano, gli uomini che erano con lui lo condussero a Damasco e per tre giorni rimase cieco e non prese cibo né bevanda. Quest’uomo era a terra ma capì subito che doveva accettare questa umiliazione. E’ proprio la strada per aprire il cuore è l’umiliazione. Quando il Signore ci invia umiliazioni o permette che vengano le umiliazioni è proprio per questo: perché il cuore si apra, sia docile, il cuore si converta al Signore Gesù".

Ricordiamo, dice Francesco, “che il protagonista di queste storie non sono né i dottori della legge, né Stefano, né Filippo, né l’eunuco, né Saulo… È lo Spirito Santo. Protagonista della Chiesa è lo Spirito Santo che conduce il popolo di Dio. E subito gli caddero dagli occhi come due squame e recuperò la vista. Si alzò e venne battezzato. La durezza del cuore di Paolo – Saulo, Paolo – divenne docilità allo Spirito Santo”.

Tutti noi, conclude, “abbiamo durezze nel cuore: tutti noi. Se qualcuno di voi non ne ha, alzi la mano, per favore. Tutti noi. Chiediamo al Signore che ci faccia vedere che queste durezze ci buttano a terra. Ci invii la grazia e anche – se fosse necessario – le umiliazioni per non rimanere a terra e alzarci, con la dignità con la quale ci ha creato Dio, e cioè la grazia di un cuore aperto e docile allo Spirito Santo”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa a Cuba: “le famiglie non sono un problema”, sono un’opportunità da curare, proteggere, accompagnare
22/09/2015
Papa: Le guerre, diluvio di oggi che cade sui poveri
19/02/2019 11:18
Papa: La persecuzione, pane quotidiano della Chiesa
12/04/2016 13:24
Papa: I dottori della lettera “hanno il cuore chiuso davanti alla vita”
11/04/2016 12:32
Papa: Chi cura la legge e tralascia l'amore non è un modello, ma un ipocrita
31/10/2014