16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/05/2017, 11.40

    VATICANO

    Papa: accogliere la Parola con docilità, conoscerla e avere “familiarità” con essa



    “C’è lo Spirito che ci guida a non sbagliare, ad accogliere con docilità lo Spirito, conoscere lo Spirito nella Parola e vivere secondo lo Spirito. E questo è il contrario alle resistenze che Stefano rimprovera ai capi, ai dottori della Legge: ‘Voi sempre avete resistito allo Spirito Santo’”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Accogliere la Parola con docilità e apertura del cuore, conoscerla e avere “familiarità” con essa. E’ l’atteggiamento di chi non resiste allo Spirito, del quale ha parlato oggi papa Francesco durante la messa celebrata stamattina a Casa santa Marta,  offerta per le suore della stessa Casa che “celebrano il giorno della loro fondatrice, Santa Luisa di Marillac”.

    Le Letture di oggi, tratte dagli Atti degli Apostoli, ricordano che dopo il martirio di Stefano era scoppiata una grande persecuzione a Gerusalemme. Solo gli apostoli vi rimasero, mentre  “i credenti”, “i laici” si erano dispersi a Cipro, nella Fenicia e ad Antiochia dove annunciavano la Parola solo ai giudei. Alcuni di loro ad Antiochia cominciarono, però, ad annunziare Gesù Cristo anche ai greci, “ai pagani”, perché sentivano che lo Spirito li spingeva a fare questo: “sono stati docili”,  “Sono stati i laici – ha sottolineato - a portare la Parola, dopo la persecuzione, perché avevano questa docilità allo Spirito Santo”.

    Giacomo nel primo capitolo della sua Lettera, esorta infatti ad “accogliere con docilità la Parola”. Bisogna quindi essere aperti, “non rigidi”. Il primo passo nel cammino della docilità è quindi “accogliere la Parola”, cioè “aprire il cuore”. Il secondo, è quello di “conoscere la Parola”, “conoscere Gesù” che infatti dice: “Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono”. Conoscono perché sono docili allo Spirito. E poi c’è un terzo passo: “la familiarità con la Parola”:

    “Portare sempre con noi la Parola, leggerla, aprire il cuore alla Parola, aprire il cuore allo Spirito che è quello che ci fa capire la Parola. E il frutto di questo ricevere la Parola, di conoscere la Parola, di portarla con noi, di questa familiarità con la Parola, è un frutto grande: è il frutto … l’atteggiamento di una persona che fa questo è bontà, benevolenza, gioia, pace, padronanza di sé, mitezza”. Questo è lo stile che dà la docilità allo Spirito. “Ma devo ricevere lo Spirito che mi porta alla Parola con docilità, e questa docilità, non fare resistenza allo Spirito mi porterà a questo modo di vivere, a questo modo di agire. Ricevere con docilità la Parola, conoscere la Parola e chiedere allo Spirito la grazia di farla conoscere e poi dare spazio perché questo seme germogli e cresca in quegli atteggiamenti di bontà, mitezza, benevolenza, pace, carità, padronanza di sé: tutto questo che fa lo stile cristiano”.

    Nella Prima Lettura poi si racconta che, quando a Gerusalemme giunge la notizia che gente venuta da Cipro e Cirene annunciava la Parola ai pagani ad Antiochia, si sono un po’ spaventati e hanno mandato lì Barnaba, chiedendosi - rileva il Papa - come mai si predicasse la Parola ai non circoncisi e come mai la predicassero non gli apostoli ma “questa gente che noi non conosciamo”. Ed “è bello”, ha detto il Papa,  che quando Barnaba giunge ad Antiochia e vede “la grazia di Dio”, si rallegra ed esorta a “restare con cuore risoluto, fedele al Signore”, perché era un uomo “pieno di Spirito Santo”. “C’è lo Spirito che ci guida a non sbagliare, ad accogliere con docilità lo Spirito, conoscere lo Spirito nella Parola e vivere secondo lo Spirito. E questo è il contrario alle resistenze che Stefano rimprovera ai capi, ai dottori della Legge: ‘Voi sempre avete resistito allo Spirito Santo’. Allo Spirito, resistiamo allo Spirito, gli facciamo resistenza? O lo accogliamo? Con docilità: questa è la parola di Giacomo. ‘Accogliere con docilità’. Resistenza contro docilità. Chiediamo questa grazia”.

    Il Papa ha concluso ricordando, "un po’ fuori dall’omelia", che “è stato proprio nel comune di Antiochia, dove ci hanno dato il cognome”. Ad Antiochia , infatti, per la prima volta i discepoli furono chiamati cristiani.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/01/2014 VATICANO
    Papa: la libertà cristiana è discernere cosa vuole lo Spirito e obbedire
    "Nel Vangelo, Gesù è chiaro in questo, è molto chiaro: vino nuovo in otri nuovi. Il vino lo porta Dio, ma dev'essere ricevuto con questa apertura alla novità. E questo si chiama docilità. Noi possiamo domandarci: io sono docile alla Parola di Dio o faccio sempre quello che io credo che sia la Parola di Dio? O faccio passare la Parola di Dio per un alambicco e alla fine è un'altra cosa rispetto a quello che Dio vuole fare?".

    27/09/2013 VATICANO
    Papa: "preferisco una Chiesa incidentata che una Chiesa malata"
    "Anch'io sono catechista", dice Francesco ai partecipanti al congresso sulla catechesi, provenienti da 50 Paesi. "Essere" catechisti, "non 'fare' i catechisti, ma 'esserlo', perché coinvolge la vita. Il catechista non abbia paura di andare con Gesù nelle periferie dell'esistenza umana

    26/09/2017 10:50:00 VATICANO
    Papa: la “familiarità” con Gesù è vivere liberi nella sua casa, condividendo i nostri problemi

    La familiarità con Dio e con Gesù" che è qualcosa in più rispetto all'essere "discepoli" o "amici"; non è un atteggiamento "formale", né "educato" né tantomeno "diplomatico". E’ "stare con Lui, guardarlo, ascoltare la sua Parola, cercare di praticarla, parlare con Lui".



    05/06/2014 VATICANO
    Papa: l'unità nella Chiesa la fa lo Spirito Santo, non gli "uniformisti", gli "alternativisti" e i "vantaggisti"
    "Tanti dicono di essere nella Chiesa", ma "sono con un piede dentro" e "l'altro ancora non è entrato". Come quei gruppi che vogliono "uniformità" o vogliono portarvi una propria ideologia o fare affari. "Per questi la Chiesa non è casa loro, non è propria. Affittano la Chiesa ad un certo punto".

    13/05/2014 VATICANO
    Papa: le cose di Dio non si possono capire solo con la testa, bisogna aprire il cuore allo Spirito Santo
    Chiediamo "la grazia della docilità e che lo Spirito Santo ci aiuti a difenderci da quest'altro spirito cattivo della sufficienza, dell'orgoglio, della superbia, della chiusura del cuore allo Spirito Santo".



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®