21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/02/2014, 00.00

    VATICANO

    Papa: anche Dio piange, è un padre che non rinnega, ma aspetta il figliol prodigo



    Papa Francesco ha commentato le figure bibliche di re Davide, che piange la morte del figlio ribelle Assalonne, e di Giàiro, capo della Sinagoga, che prega Gesù di guarire la figlia. "Ci fa pensare alla prima cosa che noi diciamo a Dio, nel Credo: 'Credo in Dio Padre...'. Ci fa pensare alla paternità di Dio".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Anche Dio piange, come un padre che ama i figli e non li rinnega mai anche se sono ribelli, ma sempre li aspetta o che non ha paura di far ridere di sé, pur di salvarli. E' la riflessione offerta oggi da papa Francesco commentando, durante la messa celebrata a Casa santa Marta, le figure bibliche di re Davide, che piange la morte del figlio ribelle Assalonne, e di Giàiro, capo della Sinagoga, che prega Gesù di guarire la figlia.

    Come riferisce la Radio Vaticana, il Papa ha evidenziato che la vittoria del suo esercito non interessa a Davide: "aspettava il figlio! Gli interessava soltanto il figlio! Era re, era capo del Paese, ma era padre! E così quando è arrivata la notizia della fine di suo figlio, fu scosso da un tremito: salì al piano di sopra ... e pianse". "Diceva andandosene: 'Figlio mio, Assalonne. Figlio mio! Figlio mio, Assalonne! Fossi morto io invece di te! Assalonne, Figlio mio! Figlio mio!'. Questo è il cuore di un padre, che non rinnega mai suo figlio. 'E' un brigante. E' un nemico. Ma è mio figlio!'. E non rinnega la paternità: pianse... Due volte Davide pianse per un figlio: questa e l'altra quando stava per morire il figlio dell'adulterio. Anche quella volta ha fatto digiuno, penitenza per salvare la vita del figlio. Era padre!".

    L'altro padre è il capo della Sinagoga, "una persona importante, ma davanti alla malattia della figlia non ha vergogna di gettarsi ai piedi di Gesù: 'La mia figlioletta sta morendo, vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva!'. Non ha vergogna", non pensa a quello che potranno dire gli altri, perché è padre. Davide e Giàiro sono due padri. "Per loro ciò che è più importante è il figlio, la figlia! Non c'è un'altra cosa. L'unica cosa importante! Ci fa pensare alla prima cosa che noi diciamo a Dio, nel Credo: 'Credo in Dio Padre...'. Ci fa pensare alla paternità di Dio. Ma Dio è così. Dio è così con noi! 'Ma, Padre, Dio non piange!'. Ma come no! Ricordiamo Gesù, quando ha pianto guardando Gerusalemme. 'Gerusalemme, Gerusalemme! Quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli, come la gallina raduna i suoi pulcini sotto le ali'. Dio piange! Gesù ha pianto per noi! E quel pianto di Gesù è proprio la figura del pianto del Padre, che ci vuole tutti con sé".

    "Nei momenti difficili il Padre risponde. Ricordiamo Isacco, quando va con Abramo a fare il sacrificio: Isacco non era sciocco, se ne era accorto che portavano il legno, il fuoco, ma non la pecorella per il sacrificio. Aveva angoscia nel cuore! E cosa dice? 'Padre!'. E subito: 'Eccomi figlio!'. Il Padre rispose". Così, Gesù, nell'Orto degli Ulivi, dice "con quell'angoscia nel cuore: 'Padre, se è possibile, allontana da me questo calice!'. E gli angeli sono venuti a dargli forza. Così è il nostro Dio: è Padre! E' un Padre così!". Un Padre come quello che aspetta il figlio prodigo che è andato via "con tutti i soldi, con tutta l'eredità. Ma il padre lo aspettava" tutti i giorni e "lo ha visto da lontano". "Quello è il nostro Dio!" e "la nostra paternità" - quella dei padri di famiglia come la paternità spirituale di vescovi e sacerdoti - "deve essere come questa. Il Padre ha come un'unzione che viene dal figlio: non può capire se stesso senza il figlio! E per questo ha bisogno del figlio: lo aspetta, lo ama, lo cerca, lo perdona, lo vuole vicino a sé, tanto vicino come la gallina vuole i suoi pulcini":

    "Andiamo oggi a casa con queste due icone: Davide che piange e l'altro, capo della Sinagoga, che si getta davanti a Gesù, senza paura di diventare una vergogna e far ridere gli altri. In gioco erano i loro figli: il figlio e la figlia. E con queste due icone diciamo: 'Credo in Dio Padre...'. E chiediamo allo Spirito Santo - perché soltanto è Lui, lo Spirito Santo - che ci insegni a dire 'Abbà, Padre!'. E' una grazia! Poter dire a Dio 'Padre!' col cuore è una grazia dello Spirito Santo. Chiederla a Lui!".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/06/2015 VATICANO
    Papa: Crediamo che Gesù ci può guarire e ci può risvegliare dalla morte?
    All’Angelus in piazza san Pietro, papa Francesco commenta il vangelo di oggi – una guarigione e una risurrezione - che “hanno un unico centro: la fede”. Una fede “appannata o incerta” tende a confondere “risurrezione con reincarnazione”. “La fede… promuove la vita in ogni situazione”.

    08/02/2018 11:23:00 VATICANO
    Papa: un peccatore può diventare santo, un corrotto no

    “E qui è il problema dell’indebolimento del cuore. Quando il cuore incomincia a indebolirsi, non è come una situazione di peccato: tu fai un peccato, te ne accorgi subito: ‘Io ho fatto questo peccato’, è chiaro. L’indebolimento del cuore è un cammino lento, che scivolo poco a poco, poco a poco, poco a poco…”.



    26/06/2013 VATICANO
    Papa: i sacerdoti sappiano vivere la grazia della paternità spirituale
    Alla messa di questa mattina Francesco dice che "anche noi celibi" dobbiamo sentire "la gioia della paternità", che è "dare vita agli altri". "La gente ci dice così: 'Padre, padre, padre...'. Ci vuole così, padri, con la grazia della paternità pastorale".

    07/06/2017 11:20:00 VATICANO
    Papa: il mondo ha bisogno delle preghiera per la pace di cristiani, ebrei e musulmani

    All’udienza generale Francesco ricorda l’incontro in Vaticano con Peres e Abbas. Dio non ci lascia mai soli. “Possiamo essere lontani, ostili, potremmo anche professarci ‘senza Dio’”, ma il Vangelo ci rivela che “Dio non può stare senza di noi: Lui non sarà mai un Dio ‘senza l’uomo’”.



    12/11/2015 VATICANO
    Papa: nel mondo di oggi “la più grande carestia è quella della carità”
    "In tanti può sorgere anche il dubbio che Dio, pur essendo Padre, sia anche padrone. Allora sembra meglio non affidarsi a Lui fino in fondo, perché potrebbe chiedere qualcosa di troppo impegnativo o persino mandare qualche prova. Ma questo è un grande inganno: è l’inganno antico del nemico di Dio e dell’uomo, che camuffa la realtà e traveste il bene da male".



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®