24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/03/2017, 13.03

    VATICANO-LIBANO

    Papa: andrò in Libano e lo ricorderò sempre nelle mie preghiere



    Francesco ha ricevuto il presidente libanese Michel Aoun, per il quale “Il Libano della convivenza occupa un posto particolare nel cuore di papa Francesco che risponderà all’invito di recarsi nel Paese dei cedri”. Apprezzamento vaticano per l’assistenza libanese ai profughi siriani.

    Beirut (AsiaNews) – Papa Francesco ha detto al presidente libanese Michel Aoun di avere l’intenzione di recarsi nel Paese dei cedri, che ricorda sempre nelle sue preghiere. Lo scrive su Twitter lo stesso presidente al termine della visita che ha compiuto oggi in Vaticano.

    La visita a papa Francesco è stata la prima del presidente libanese in Europa. Nell’occasione, il Papa ha detto: “visiterò il Libano e pregherò sempre per lui”. “Il Libano della convivenza – ha scritto da parte sua il presidente – occupa un posto particolare nel cuore di papa Francesco che risponderà all’invito di recarsi nel Paese dei cedri”.

    “Nel corso dei cordiali colloqui - riferisce da parte sua la Sala Stampa vaticana - ci si è soffermati sulle buone relazioni bilaterali tra la Santa Sede e il Libano, sottolineando il ruolo storico ed istituzionale della Chiesa nella vita del Paese. Si è quindi espressa soddisfazione per l’impegno delle varie forze politiche nel porre fine alla vacanza presidenziale, auspicando per il futuro una sempre più proficua collaborazione tra i membri delle diversità comunità etniche e religiose in favore del bene comune e dello sviluppo della Nazione”. Si è quindi fatto “riferimento alla Siria, con particolare attenzione agli sforzi internazionali per una soluzione politica al conflitto. È stato altresì ribadito l’apprezzamento per l’accoglienza che il Libano presta ai numerosi profughi siriani. Infine, si è avuto un più ampio scambio di vedute sul contesto regionale, facendo cenno agli altri conflitti in corso e alla situazione dei cristiani in Medio Oriente”.

    In Vaticano Aoun ha incontrato anche il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin. Col presidente c’erano il capo della diplomazia libanese, Gebran Bassil, l’incaricato di affari presso la Santa Sede, Albert Samaha, il consigliere del presidente per l’informazione, Jean Aziz, e il capo dell’ufficio informazioni della Presidenza, Rafic Chelala.

    Giunto a Roma ieri, il presidente Aoun ha sottolineato l’importanza del suo incontro con il Papa, alla luce della “solidità dei rapporti che legano il Libano, in tutte le sue componenti alla Chiesa e al papato”. “I cristiani d’Oriente che – ha aggiunto – vivono oggi delle difficili circostanze, in una regione culla del cristianesimo e dell’islam, vedono in questa visita un bagliore di speranza che conferma che il Libano resterà sempre l’esempio più forte del futuro dell’Oriente e del mondo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/12/2013 SIRIA - LIBANO
    Caritas Libano: "Migliaia di profughi siriani rischiano di morire per il gelo e la neve"
    Per mons. Simon Faddoul, presidente di Caritas Libano, la situazione dei rifugiati nella valle della Bekaa (est del Paese) è "terribile". Al freddo e alla fame si aggiunge il rischio di incendi causate da stufe improvvisate per sopportare il gelo. Ieri un bambino di un anno è morto in un rogo in un campo profughi nel sud del Libano. L'appello di Caritas per ricordare nel periodo natalizio gli oltre 1,3 milioni di rifugiati in fuga dalla guerra in Siria.

    29/04/2015 LIBANO-FRANCIA
    Incontro fra il patriarca Rai e Hollande per i cristiani e le minoranze del Medio Oriente
    Il capo della Chiesa libanese era in Francia per l’apertura dell’eparchia maronita di Meudon. Il presidente francese ribadisce il suo impegno per aiutare il Libano di fronte all’ondata di profughi siriani. Fermare le fonti di finanziamento dei gruppi jihadisti, che minacciano anche l’Europa.

    23/11/2017 11:45:00 BANGLADESH – VATICANO
    Card. D’Rozario: a Dhaka, il primo scopo di papa Francesco non è parlare dei Rohingya

    Il pontefice visiterà il Bangladesh dal 30 novembre al 2 dicembre. “Il papa ha espresso il desiderio di venire due anni fa, quando non era scoppiata la crisi dei profughi”. Oltre 620mila musulmani fuggiti dallo Stato del Rakhine in Myanmar.



    16/04/2016 11:46:00 GRECIA – VATICANO
    Papa ai profughi di Lesbo: Non siete soli, imploro il mondo per una soluzione

    Insieme al patriarca ortodosso Bartolomeo e all'arcivescovo di Atene Ieronimo, Francesco visita il grande campo di Moria sull'isola greca. Commozione, dolore ma anche tanta gioia soprattutto da parte dei più giovani. Moltissimi si gettano ai piedi del pontefice per raccontare storie di dolore e sofferenza. Il papa: "Non perdete la speranza". Un ringraziamento al popolo greco che "nonostante le sue proprie sofferenze" ha aperto cuori e case a chi fugge dal dolore.



    05/05/2014 LIBANO
    Patriarca Rai, "vergognosa" la campagna contro la sua visita in Terra Santa
    Due giornali vicini a Hezbollah hanno criticato la prevista presenza a Gerusalemme del patriarca accanto a papa Francesco, parlando di "peccato storico". Polemica "non in buona fede", è "impensabile" che non possa accogliere il Papa che arriva nella sua diocesi.



    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®