21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/10/2017, 10.41

    VATICANO

    Papa: avere il coraggio di seguire Gesù “paziente”, andato da solo verso la croce



    Gesù è “deciso e obbediente” alla volontà del Padre, ma davanti a questa decisione, davanti al cammino verso Gerusalemme e verso la croce, i discepoli non seguono il loro Maestro. Fare un colloquio con Gesù: "Quante volte io cerco di fare tante cose e non guardo Te, che hai fatto questo per me? Che sei entrato in pazienza – l’uomo paziente, Dio paziente -, che con tanta pazienza tolleri i miei peccati, i miei fallimenti?

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Avere il coraggio di seguire Gesù che accetta la volontà del Padre e va da solo verso la croce, non compreso o abbandonato dai discepoli. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, commentando il brano del Vangelo di Luca che racconta di Gesù in cammino coi discepoli verso Gerusalemme perché "si compivano i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto".

    E' l’avvicinarsi della Passione, dinanzi alla quale, ha evidenziato Francesco, Gesù compie due cose: "prese la ferma decisione di mettersi in cammino", quindi accetta la volontà del Padre e va avanti, e poi "annuncia questo ai suoi discepoli".

    "Soltanto una volta si è permesso di chiedere al Padre di allontanare un po’ questa croce: 'Padre –nell’Orto degli Ulivi – se possibile, allontana da me questo calice. Ma non sia fatta la mia, ma la tua volontà'. Obbediente; quello che il Padre vuole. Deciso e obbediente e niente di più. E così, fino alla fine. Il Signore entra in pazienza … Entra in pazienza. È un esempio di cammino, non solo morire soffrendo sulla croce, ma camminare in pazienza".

    Ma davanti a questa decisione, davanti al cammino verso Gerusalemme e verso la croce, i discepoli non seguono il loro Maestro. E' quanto raccontano diverse pagine dei Vangeli. A volte i discepoli "non capivano cosa volesse dire o non volevano capire, perché erano impauriti"; altre volte "nascondevano la verità" o si distraevano facendo "cose alienanti"; oppure, come si legge nel Vangelo odierno, "cercavano un alibi per non pensare" a quanto attendeva il Signore.

    "E Gesù solo. Non era accompagnato in questa decisione, perché nessuno capiva il mistero di Gesù. La solitudine di Gesù nel cammino verso Gerusalemme: solo. E questo, fino alla fine. Pensiamo poi all’abbandono dei discepoli, al tradimento di Pietro … Solo. Il Vangelo ci disse che gli apparve soltanto un angelo dal cielo per confortarlo nell’Orto degli Ulivi. Soltanto quella compagnia. Solo".

    Vale la pena, ed è stato questo il suggerimento finale del Papa oggi, di "prenderci un po’ di tempo per pensare" a Gesù che "tanto ci ha amato", "che ha camminato "solo verso la croce" nell'incomprensione dei suoi. "Pensare", "vedere",  "ringraziare" Gesù, obbediente e coraggioso, e "fare con lui un colloquio": "Quante volte io cerco di fare tante cose e non guardo Te, che hai fatto questo per me? Che sei entrato in pazienza – l’uomo paziente, Dio paziente -, che con tanta pazienza tolleri i miei peccati, i miei fallimenti? E parlare con Gesù così. Lui è deciso sempre andare avanti, a mettere la faccia, e ringraziarlo. Prendiamo oggi un po’ di tempo, pochi minuti – cinque, dieci, quindici – davanti al Crocifisso forse o con l’immaginazione vedere Gesù camminare decisamente verso Gerusalemme e chiedere la grazia di avere il coraggio di seguirlo da vicino".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/08/2017 12:10:00 VATICANO
    Papa: Trasfigurazione e vacanze, incontrare Gesù, per essere al servizio dei fratelli

    All’Angelus papa Francesco paragona il salire dei discepoli verso il Monte Tabor per contemplare Gesù trasfigurato, con il “periodo del riposo e del distacco dalle occupazioni quotidiane”, utili per “ritemprare le forze del corpo e dello spirito, approfondendo il cammino spirituale”. Il ricordo per quanti in estate “non possono fare le vacanze perché impediti dall’età, da motivi di salute o di lavoro, da ristrettezze economiche o da altri problemi”.



    23/06/2017 11:05:00 VATICANO
    Papa: Gesù “si è fatto piccolo” e per ascoltare la voce di Dio bisogna farsi piccoli

    Non siamo stati noi “a scegliere Lui”, ma è Dio che si è fatto “prigioniero di noi”. Mosè dice che il Signore ha scelto il popolo d’Israele perché è “il più piccolo di tutti i popoli”.



    10/01/2017 13:22:00 VATICANO
    Papa: Gesù aveva autorità perché serviva la gente, era vicino alle persone ed era coerente

    Chi, come gli scribi, si sente principe ha “un’atteggiamento clericalistico”, cioè ipocrita, dice una cosa e ne fa un’altra. “Dirà le verità, ma senza autorità. Invece Gesù, che è umile, che è al servizio, che è vicino, che non disprezza la gente e che è coerente, ha autorità. E questa è l’autorità che sente il popolo di Dio”.

     



    23/11/2015 VATICANO
    Papa: la Chiesa è “fedele” se ha il suo tesoro in Gesù e non nelle “sicurezze” del mondo
    “La Chiesa è sposa di Gesù, ma il suo Signore se ne è andato e il suo unico tesoro è il suo Signore. E la Chiesa, quando è fedele, lascia tutto in attesa del suo Signore”. E “le nostre anime cercano sicurezza soltanto nel Signore o cercano altre sicurezze che non piacciano al Signore?”.

    30/06/2015 VATICANO
    Papa: dalla Nostra Aetate “il ‘sì’ definitivo alle radici ebraiche del cristianesimo ed il ‘no’ irrevocabile all’antisemitismo”
    Ricevendo i partecipanti al convegno internazionale promosso dall’International Council of Christians and Jews, Francesco evidenzia come “entrambe le tradizioni di fede hanno per fondamento il Dio Unico, il Dio dell’Alleanza, che si rivela agli uomini attraverso la sua Parola. Nella ricerca di un giusto atteggiamento verso Dio, i cristiani si rivolgono a Cristo quale fonte di vita nuova, gli ebrei all’insegnamento della Torah”.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®