13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/12/2017, 12.09

    VATICANO - LUTERANI

    Papa: cattolici e luterani non potranno mai più permettersi di essere avversari o rivali



    Francesco ricevendo la presidenza della Federazione luterana mondiale ha detto che le divisioni, “anche molto dolorose”, che hanno visto cattolici e luterani “distanti e contrapposti” per secoli negli ultimi decenni sono confluite in un cammino di comunione.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Cattolici e luterani non potranno mai più permettersi di essere avversari o rivali, e le divisioni, “anche molto dolorose”, che hanno visto cattolici e luterani “distanti e contrapposti” per secoli negli ultimi decenni sono confluite in un cammino di comunione, il “cammino ecumenico” suscitato dallo Spirito Santo. E’ quanto sostenuto da papa Francesco nel saluto rivolto alla presidenza della Federazione luterana mondiale, guidata dall’arcivescovo nigeriano Musa Panti Filibus, ricevuta oggi in Vaticano.

    Francesco, ricordando l’anno - da poco concluso - della Commemorazione dei 500 anni della Riforma e il suo viaggio a Lund, il 31 ottobre 2016 (nella foto), ha sottolineato che “non da progetti umani, ma dalla grazia di Dio germoglia e fiorisce il dono dell’unità tra i credenti”. “La preghiera purifica, fortifica, illumina il cammino, fa andare avanti. La preghiera è come il carburante del nostro viaggio verso la piena unità. Infatti l’amore del Signore, che attingiamo pregando, mette in moto la carità che ci avvicina: da qui la pazienza del nostro attenderci, il motivo del nostro riconciliarci, la forza per andare avanti insieme”.

    La prospettiva “giusta” attraverso la preghiera è, ha detto ancora, quella del Padre, il cui sguardo non ha “preferenze o distinzioni”. Proprio nello Spirito di Gesù, “ci riconosciamo fratelli”: da qui bisogna “partire e ripartire sempre”. D’altra parte le divisioni, “anche molto dolorose”, che hanno visto cattolici e luterani “distanti e contrapposti” per secoli negli ultimi decenni sono confluite in un cammino di comunione, il “cammino ecumenico” suscitato dallo Spirito Santo. “Esso ci ha portato ad abbandonare gli antichi pregiudizi, come quelli su Martin Lutero e sulla situazione della Chiesa cattolica in quel periodo”.

    A ciò, ha sottolineato il Papa, ha contribuito “notevolmente” il dialogo tra la Federazione luterana mondiale e il Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, condotto da ormai cinquant’anni, a partire dal 1967. Francesco ha indicato alcuni testi “particolarmente importanti”, come la “Dichiarazione congiunta sulla dottrina della giustificazione”, firmata nel 1999, e il più recente documento “Dal conflitto alla comunione”.

    La memoria “purificata” permette oggi di “guardare fiduciosamente a un avvenire non gravato dai contrasti e dai preconcetti del passato; un avvenire su cui pesa il solo debito dell’amore vicendevole; un avvenire nel quale siamo chiamati a discernere i doni che provengono dalle diverse tradizioni confessionali e ad accoglierli come patrimonio comune”. Prima delle “opposizioni”, delle “differenze” e delle “ferite del passato”, c’è, ha affermato il Papa, la realtà “presente, comune, fondativa e permanente” del nostro Battesimo. “Esso infatti ci ha resi figli di Dio e fratelli tra noi. Perciò non potremo mai più permetterci di essere avversari o rivali. E se il passato non si può cambiare, il futuro ci interpella: non possiamo sottrarci, ora, dal ricercare e promuovere una maggiore comunione nella carità e nella fede”. E’ per questo che, aggiunge, è necessario “vigilare” di fronte alla “tentazione” di fermarci lungo il cammino.

    “Nella vita spirituale, come nella vita ecclesiale, quando si sta fermi sempre si torna indietro: accontentarsi, arrestarsi per timore, pigrizia, stanchezza o convenienza mentre si cammina verso il Signore coi fratelli, è declinare il suo stesso invito”. Quindi occorrono non solo “buone idee”, ma “passi concreti” che portino a “tendere la mano” nella carità, “guardando ai poveri, ai fratelli più piccoli del Signore”, che sono “indicatori preziosi lungo il cammino”, toccando le loro ferite. È dunque uno “stile semplice, esemplare e radicale” quello evocato da Francesco per annunciare il Vangelo, “priorità” dell’essere cristiani nel mondo, attraverso un’unità “riconciliata”. “Nel cammino, siamo spronati dagli esempi di quanti hanno patito per il nome di Gesù e sono già pienamente riconciliati nella vittoria pasquale. Sono ancora tanti, ai giorni nostri, a soffrire per la testimonianza di Gesù: il loro eroismo mite e pacifico è per noi una chiamata urgente a una fraternità sempre più reale”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/10/2017 13:03:00 VATICANO – LUTERANI
    Cattolici e luterani, a 500 anni dalla Riforma avanti verso l’unità

    Un comunicato congiunto ripercorre le tappe dell’anno, segnato da “eventi ecumenici di incisiva importanza”. “Riconosciamo che, se è vero che il passato non può essere cambiato, è altrettanto vero che il suo impatto odierno su di noi può essere trasformato in modo che diventi un impulso per la crescita della comunione ed un segno di speranza per il mondo”.



    29/10/2016 12:18:00 VATICANO
    Papa: viaggio in Svezia, un passo di riavvicinamento coi luterani

    In una intervista, Francesco dice che “non si può essere cattolici e settari, bisogna tendere a stare insieme agli altri”. L'importanza di “camminare insieme” per “non restare chiusi in prospettive rigide, perché in queste non c'è possibilità di riforma”.



    13/10/2016 14:49:00 VATICANO
    Papa: luterani e cattolici, stiamo camminando sulla via che va dal conflitto alla comunione

    Parlando a un pellegrinaggio ecumenico tedesco Francesco ha parlato del viaggio che compirà a Lund, in Svezia, “e insieme alla Federazione Luterana Mondiale faremo memoria, dopo cinque secoli, dell’inizio della riforma di Lutero e ringrazieremo il Signore per cinquant’anni di dialogo ufficiale tra luterani e cattolici”.



    25/01/2017 18:09:00 VATICANO
    Papa: “la riconciliazione in Cristo non può avvenire senza sacrificio”

    Concludendo la 50ma Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani Francesco dice che “un’autentica riconciliazione tra i cristiani potrà realizzarsi quando sapremo riconoscere i doni gli uni degli altri e saremo capaci, con umiltà e docilità, di imparare gli uni dagli altri, senza attendere che siano gli altri a imparare prima da noi”. “Ricordiamo in modo particolare il quinto centenario della Riforma protestante”.



    21/10/2013 VATICANO
    Papa: coscienti del male fatto in passato, cattolici e luterani proseguono nel cammino ecumenico
    Udienza a una delegazione della Federazione luterana mondiale e ai membri della Commissione luterano-cattolica per l'unità. "Sapremo portare avanti il nostro cammino di dialogo e di comunione", anche se "le difficoltà non mancano e non mancheranno".



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®