21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/06/2012
VATICANO - ORTODOSSI
Papa: cattolici e ortodossi proseguano il cammino verso la piena unità
Benedetto XVI riceve la delegazione del Patriarcato ecumenico a Roma per la festa degli apostoli Pietro e Paolo. Il Vaticano II, del quale quest'anno si celebra il 50mo dell'apertura aprì il cammino che ha permesso la riscoperta della "profonda fraternità" tra le due Chiese.

Città del Vaticano (AsiaNews) - A 50 anni dall'apertura del Vaticano II, Benedetto XVI ricorda che proprio il Concilio ha dato l'avvio a "una fase importante" nei rapporti tra la Chiesa cattolica e il Patriarcato ecumenico, con la "riscoperta della profonda fraternità" che le lega e con "il cammino" percorso dalla Commissione mista per il dialogo teologico.

Anche quest'anno la festa degli apostoli Pietro e Paolo, patroni della Chiesa di Roma, così come quella di Andrea, patrono della Chiesa di Costantinopoli, è occasione ormai tradizionale per uno scambio di visite di delegazioni delle due "Chiese sorelle", per riaffermare la comune volontà di proseguire la strada per "giungere presto a condividere la mensa eucaristica".  

Proprio i 50 anni dall'inizio del Vaticano II sono stati al centro del saluto che Benedetto XVI ha rivolto alla delegazione ortodossa, composta da Emmanuel Adamakis, metropolita di Francia, direttore dell'Ufficio della Chiesa ortodossa presso l'Unione Europea; Ilias Katre, vescovo di Philomelion (U.S.A.) e dal diacono Paisios Kokkinakis, codicografo del Santo Sinodo del Patriarcato ecumenico.

"Quest'anno - ha detto il Papa - segna il cinquantesimo anniversario dell'apertura del Concilio ecumenico Vaticano II; che sarà celebrato solennemente il prossimo 11 ottobre. Ed è in concomitanza con il Concilio, al quale, come sapete bene, erano presenti alcuni rappresentanti del Patriarcato ecumenico, in qualità di delegati fraterni, che è cominciata una nuova importante fase dei rapporti tra le nostre due Chiese".

"Ricordando l'anniversario del Concilio Vaticano II mi sembra giusto fare memoria della figura e dell'azione dell'indimenticabile patriarca ecumenico Atenagora, del quale ricorrerà, tra qualche giorno, il 40mo anniversario della scomparsa. Il patriarca Atenagora, insieme con il beato papa Giovanni XXIII e il servo di Dio papa Paolo VI, animati dalla passione per l'unità della Chiesa, che nasce dalla fede in Cristo Signore, si fecero promotori di iniziative coraggiose che hanno aperto la via a relazioni rinnovate tra il Patriarcato ecumenico e la Chiesa cattolica". Una strada, ha concluso il Papa, sulla quale cammina, "con rinnovata fedeltà e feconda creatività" anche l'attuale patriarca, Bartolomeo I.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/12/2006 VATICANO-TURCHIA
Il Papa e Bartolomeo insieme l’anno prossimo a Ravenna
29/05/2014 ORTODOSSI-VATICANO
Bartolomeo: Con Francesco invitiamo tutti i cristiani a celebrare il primo sinodo di Nicea nel 2025
di NAT da Polis
24/01/2007 VATICANO
Papa: ecumenismo, “strada lenta e in salita”, ma da percorrere
10/10/2007 VATICANO
Papa: pregate per la piena comunione tra cattolici ed ortodossi
28/06/2011 VATICANO
Papa: per l’unità dei cristiani servono studio, riflessione e apertura reciproca

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate