21 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/06/2012
VATICANO - ORTODOSSI
Papa: cattolici e ortodossi proseguano il cammino verso la piena unità
Benedetto XVI riceve la delegazione del Patriarcato ecumenico a Roma per la festa degli apostoli Pietro e Paolo. Il Vaticano II, del quale quest'anno si celebra il 50mo dell'apertura aprì il cammino che ha permesso la riscoperta della "profonda fraternità" tra le due Chiese.

Città del Vaticano (AsiaNews) - A 50 anni dall'apertura del Vaticano II, Benedetto XVI ricorda che proprio il Concilio ha dato l'avvio a "una fase importante" nei rapporti tra la Chiesa cattolica e il Patriarcato ecumenico, con la "riscoperta della profonda fraternità" che le lega e con "il cammino" percorso dalla Commissione mista per il dialogo teologico.

Anche quest'anno la festa degli apostoli Pietro e Paolo, patroni della Chiesa di Roma, così come quella di Andrea, patrono della Chiesa di Costantinopoli, è occasione ormai tradizionale per uno scambio di visite di delegazioni delle due "Chiese sorelle", per riaffermare la comune volontà di proseguire la strada per "giungere presto a condividere la mensa eucaristica".  

Proprio i 50 anni dall'inizio del Vaticano II sono stati al centro del saluto che Benedetto XVI ha rivolto alla delegazione ortodossa, composta da Emmanuel Adamakis, metropolita di Francia, direttore dell'Ufficio della Chiesa ortodossa presso l'Unione Europea; Ilias Katre, vescovo di Philomelion (U.S.A.) e dal diacono Paisios Kokkinakis, codicografo del Santo Sinodo del Patriarcato ecumenico.

"Quest'anno - ha detto il Papa - segna il cinquantesimo anniversario dell'apertura del Concilio ecumenico Vaticano II; che sarà celebrato solennemente il prossimo 11 ottobre. Ed è in concomitanza con il Concilio, al quale, come sapete bene, erano presenti alcuni rappresentanti del Patriarcato ecumenico, in qualità di delegati fraterni, che è cominciata una nuova importante fase dei rapporti tra le nostre due Chiese".

"Ricordando l'anniversario del Concilio Vaticano II mi sembra giusto fare memoria della figura e dell'azione dell'indimenticabile patriarca ecumenico Atenagora, del quale ricorrerà, tra qualche giorno, il 40mo anniversario della scomparsa. Il patriarca Atenagora, insieme con il beato papa Giovanni XXIII e il servo di Dio papa Paolo VI, animati dalla passione per l'unità della Chiesa, che nasce dalla fede in Cristo Signore, si fecero promotori di iniziative coraggiose che hanno aperto la via a relazioni rinnovate tra il Patriarcato ecumenico e la Chiesa cattolica". Una strada, ha concluso il Papa, sulla quale cammina, "con rinnovata fedeltà e feconda creatività" anche l'attuale patriarca, Bartolomeo I.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/12/2006 VATICANO-TURCHIA
Il Papa e Bartolomeo insieme l’anno prossimo a Ravenna
29/05/2014 ORTODOSSI-VATICANO
Bartolomeo: Con Francesco invitiamo tutti i cristiani a celebrare il primo sinodo di Nicea nel 2025
di NAT da Polis
24/01/2007 VATICANO
Papa: ecumenismo, “strada lenta e in salita”, ma da percorrere
10/10/2007 VATICANO
Papa: pregate per la piena comunione tra cattolici ed ortodossi
28/06/2011 VATICANO
Papa: per l’unità dei cristiani servono studio, riflessione e apertura reciproca

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate