27/11/2018, 12.05
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: chiediamoci come vorrei che il Signore mi trovasse quando mi chiamerà

“Questa settimana chiediamo allo Spirito Santo la saggezza del tempo, la saggezza della fine, la saggezza della risurrezione, la saggezza dell’incontro eterno con Gesù; che ci faccia capire questa saggezza che è nella nostra fede. Sarà un giorno di gioia l’incontro con Gesù”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Prepararsi all’incontro con Gesù, che ci sarà, chiedendoci “come vorrei che il Signore mi trovasse quando mi chiamerà?”, e “Se il Signore mi chiamasse oggi, cosa farei?. Sono le domande ispirate a papa Francesco dal passo dell’Apocalisse (Ap 14,14-19) proposto dalla Prima lettura nella messa celebrata stamattina a Casa santa Marta.

Nel Libro dell’Apocalisse san Giovanni parla della fine del mondo “con la figura della mietitura”, con Cristo e un Angelo armati di falce. Quando sarà la nostra ora, ha evidenziato Francesco, dovremo “far vedere la qualità del nostro grano, la qualità della nostra vita”. E, ha proseguito: “Forse qualcuno di voi dice: ‘Padre, non sia così tetro, che queste cose non ci piacciono … ‘, ma è la verità”. “É la mietitura, dove ognuno di noi si incontrerà con il Signore. Sarà un incontro e ognuno di noi dirà al Signore: ‘Questa è la mia vita. Questo è il mio grano. Questa è la mia qualità di vita. Ho sbagliato?’ - tutti dovremmo dire questo, perché tutti sbagliamo –, ‘Ho fatto cose buone’- tutti facciamo cose buone; e un po’ far vedere al Signore il grano”.

Cosa direi, si è chiesto ancora il Papa “se oggi il Signore chiamasse? ‘Ah, non mi sono accorto, ero distratto … ‘. Noi non sappiamo né il giorno né l’ora. ‘Ma padre, non parli così che io sono giovane’ – ‘Ma, guarda quanti giovani se ne vanno, quanti giovani sono chiamati … ‘. Nessuno ha la propria vita assicurata”. Invece è sicuro che tutti avremo una fine. Quando? Solo Dio lo sa. “Ci farà bene in questa settimana pensare alla fine. Se il Signore mi chiamasse oggi, cosa farei? Cosa direi? Quale grano gli farò vedere? il pensiero della fine ci aiuta ad andare avanti; non è un pensiero statico: è un pensiero che va avanti perché è portato avanti dalla virtù, dalla speranza. Sì, ci sarà una fine, ma quella fine sarà un incontro: un incontro con il Signore. È vero, sarà un rendiconto di quello che ho fatto, ma anche, sarà un incontro di misericordia, di gioia, di felicità. Pensare alla fine, alla fine della creazione, alla fine della propria vita, è saggezza; i saggi lo fanno”.

Per questo la Chiesa questa settimana ci invita a chiederci “come sarà la mia fine? Come vorrei che il Signore mi trovasse quando mi chiamerà?”. Devo fare “un esame di coscienza” e valutare “Quali cose dovrei correggere, perché non vanno bene? Quali cose dovrei appoggiare e portare avanti perché sono buone? Ognuno di noi ha tante cose buone”. E in questo pensiero noi siamo soli: “c’è lo Spirito Santo che ci aiuta”. “Questa settimana – ha concluso Francesco - chiediamo allo Spirito Santo la saggezza del tempo, la saggezza della fine, la saggezza della risurrezione, la saggezza dell’incontro eterno con Gesù; che ci faccia capire questa saggezza che è nella nostra fede. Sarà un giorno di gioia l’incontro con Gesù. Preghiamo perché il Signore ci prepari. E ognuno di noi, questa settimana, finisca la settimana pensando alla fine: ‘Io finirò. Io non rimarrò eternamente. Come vorrei finire?’”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: fare ogni giorno l’esame di coscienza per ‘individuare le tentazioni’
04/09/2018 10:48
Papa: “essere vigilanti” per non cadere nella mondanità, che è “quello che vuole il diavolo”
13/10/2017 11:15
Papa: riconoscere il momento nel quale il Signore “passa” e ci visita
17/11/2016 11:29
Papa: “vigilanza e discernimento”, perché “il Maligno è nascosto” e “sempre cerca di ingannare”
09/10/2015
Papa: il nostro tempo ha avuto un inizio e avrà una fine, chiediamoci se viviamo da figli di Dio o da schiavi del diavolo
31/12/2014