18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/11/2017, 11.17

    VATICANO

    Papa: di fronte alla furbizia dei corrotti 'un cristiano non può permettersi di essere ingenuo'



    “Le cordate della corruzione sono potenti; persino arrivano anche ad atteggiamenti mafiosi”. Ma esiste una “scaltrezza cristiana”, fatta di “sana sfiducia”, riflessione e preghiera per avere “la grazia di essere furbi”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Di fronte alla furbizia dei corrotti “un cristiano non può permettersi di essere ingenuo”, ma esiste una “scaltrezza cristiana”, fatta di “sana sfiducia”, riflessione e preghiera. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, commentando il brano del Vangelo di Luca (16,1-8) che parla dell’amministratore che sperpera gli averi del padrone e che, una volta scoperto, invece di trovare un lavoro onesto continua a rubare con la complicità di altri: ”una vera cordata di corruzione”, l’ha definita il Papa.

    "Sono potenti questi, eh! Quando fanno le cordate della corruzione sono potenti; persino arrivano anche ad atteggiamenti mafiosi. Questa è la storia. Ma non è una favola questa, non è una storia che dobbiamo cercare nei libri di storia antica: la troviamo tutti i giorni sui giornali, tutti i giorni. Questo succede anche oggi, soprattutto con quelli che hanno la responsabilità di amministrare i beni del popolo, non i beni propri, perché questo era amministratore dei beni altrui, non dei propri. Con i propri beni nessuno è corrotto, li difende".

    La conseguenza che Gesù indica, ha evidenziato il Papa, è la maggiore scaltrezza dei “figli di questo mondo” rispetto ai figli della luce”: la loro maggiore corruzione, la loro furbizia portata avanti “anche con cortesia”, con “guanti di seta”. Ma esiste una” scaltrezza cristiana?”. "Ma se questi sono più scaltri dei cristiani – ma non dirò cristiani, perché anche tanti corrotti si dicono cristiani - se questi sono più scaltri di quelli fedeli a Gesù, io mi domando: ma c’è una scaltrezza cristiana? Esiste un atteggiamento per quelli che vogliono seguire Gesù, in modo che non finiscano male, che non finiscano mangiati vivi – come diceva mia mamma: 'Mangiati crudi' – dagli altri? Qual è la scaltrezza cristiana, una scaltrezza che non sia peccato, ma che serva per portarmi avanti al servizio del Signore e anche all’aiuto degli altri? C’è una furbizia cristiana?".

    Sì, c’è un “fiuto cristiano per andare avanti senza cadere nelle cordate della corruzione” e nel Vangelo Gesù lo indica con alcune contrapposizioni, quando parla per esempio dei cristiani che sono come “agnelli tra i lupi” o ”prudenti come i serpenti e semplici come la colomba”. E allora come fare ? Con tre atteggiamenti, indica Francesco: il primo è una “sana sfiducia”, lo stare attenti cioè, a chi “promette troppo” e “parla troppo” come “quelli che ti dicono ‘Fa l’investimento nella mia banca io ti darò un interesse doppio’”. Il secondo atteggiamento è la riflessione, davanti alle seduzioni del diavolo che conosce le nostre debolezze; e infine c’è la preghiera. "Preghiamo oggi il Signore che ci dia questa grazia di essere furbi, furbi cristiani, di avere questa scaltrezza cristiana. Se c’è una cosa che il cristiano non può permettersi è essere ingenuo. Come cristiani abbiamo un tesoro dentro: il tesoro che è Spirito Santo. Dobbiamo custodirlo. E un ingenuo lì, si lascia rubare lo Spirito. Un cristiano non può permettersi di essere ingenuo. Chiediamo questa grazia della scaltrezza cristiana e del fiuto cristiano. È anche una buona occasione per pregare per i corrotti. Si parla dello smog che causa inquinamento, ma anche c’è uno smog di corruzione nella società. Preghiamo per i corrotti: poveretti, che trovino l’uscita da quel carcere nel quale loro sono voluti entrare".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2017 13:19:00 VATICANO
    Papa: le mafie figlie di corruzione, disuguaglianze, povertà e politica deviata

    Fenomeni che si combattono a livello politico ed economico, rafforzato da una “finanza ormai sovrana sulle regole democratiche”. E con la costruzione di una “nuova coscienza civile”, “per un modo nuovo di essere cittadini, che comprenda la cura e la responsabilità per gli altri e per il bene comune”.

     



    15/06/2017 13:18:00 VATICANO
    Papa: la corruzione è “una forma di bestemmia” che “dà linfa alla cultura di morte”

    Francesco ha scritto la prefazione di un libro-intervista del card. Tukson intitolato “Corrosione”. Oggi che anche solo “immaginare il futuro” è un’impresa difficilissima, la corruzione arriva a minare la “speranza” che un miglioramento sia possibile.



    18/09/2016 12:46:00 VATICANO
    Papa: Abbiamo bisogno di pace. La guerra è diffusa dappertutto nel mondo

    Al termine della preghiera dell’Angelus, papa Francesco, invita a vivere l’incontro di Assisi del 20 settembre come “una Giornata di preghiera per la pace”. Nella vita occorre scegliere “tra due strade: tra onestà e disonestà, tra fedeltà e infedeltà, tra egoismo e altruismo, tra bene e male”. Il saluto ai partecipanti al Congresso eucaristico nazionale di Genova. La beatificazione di Elisabetta Sanna.



    21/06/2015 VATICANO – ITALIA
    Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!
    L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

    27/11/2015 VATICANO - KENYA
    Papa in Kenya: l’estremismo nasce dalla mancanza di istruzione e di lavoro
    La visita a una bidonville e l’incontro con i giovani nell’ultimo giorno di Francesco, partito per l’Uganda. La corruzione è “in tutte le istituzioni, incluso in Vaticano”. Gli emarginati “hanno un posto speciale nella mia vita e nelle mie scelte”. Essi sono “conseguenza di nuove forme di colonialismo



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®