23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 09/09/2016, 12.32

    VATICANO

    Papa: divisioni e soldi sono le armi che il diavolo ha per distruggere la Chiesa



    Ricevendo i vescovi partecipanti al seminario di aggiornamento promosso dalla Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, Francesco raccomanda di vigilare perché tutto ciò che si mette in atto per l’evangelizzazione e le diverse attività pastorali “non venga danneggiato o vanificato da divisioni già presenti o che si possono creare”. “Il diavolo entra per le tasche e distrugge con la lingua, con le chiacchiere che dividono e l’abitudine a chiacchierare è un’abitudine di terrorismo”.

     

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Divisioni e soldi sono le armi che il diavolo ha per distruggere la Chiesa. Questo dà ai vescovi la responsabilità di lottare contro tali realtà e contro le “chiacchiere” che spesso alimentano i contrasti. L’ha raccomandato il Papa nelle parole che ha rivolto ai partecipanti al seminario di aggiornamento per vescovi dei territori di missione, promosso dalla Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, ricevuti nella Sala Clementina, in Vaticano.

    “Ognuno di voi – ha detto loro Francesco - è stato posto come Pastore nella sua diocesi per reggere la Chiesa di Dio nel nome del Padre, del quale rendete presente l’immagine; nel nome di Gesù Cristo suo Figlio, dal quale siete stati costituiti maestri, sacerdoti e guide; nel nome dello Spirito Santo, che dà vita alla Chiesa (cfr Esort. ap. postsin. Pastores gregis, 7). I luoghi da cui provenite sono diversi e distanti tra loro, e appartengono alla grande costellazione dei cosiddetti ‘territori di missione’. Pertanto ognuno di voi ha il grande privilegio e al tempo stesso la responsabilità di essere in prima fila nell’evangelizzazione. A immagine del Buon Pastore, siete inviati a curare il gregge e andare in cerca delle pecore, specialmente di quelle lontane o smarrite; a ricercare pure nuove modalità per l’annuncio, per andare incontro alle persone; ad aiutare chi ha ricevuto il dono del Battesimo a crescere nella fede, perché i credenti, anche quelli ‘tiepidi’ o non praticanti, scoprano nuovamente la gioia della fede e una fecondità evangelizzatrice (cfr Esort. ap. Evangelii gaudium, 11). Per questo vi incoraggio ad incontrare anche le pecore che non appartengono ancora all’ovile di Cristo: infatti «l’evangelizzazione è essenzialmente connessa con la proclamazione del Vangelo a coloro che non conoscono Gesù Cristo o lo hanno sempre rifiutato» (ibid., 14)”.

    “Nell’opera missionaria potete avvalervi di diversi collaboratori. Molti fedeli laici, immersi in un mondo segnato da contraddizioni e ingiustizie, sono disponibili a cercare il Signore e a rendergli testimonianza. Spetta prima di tutto al Vescovo incoraggiare, accompagnare e stimolare tutti i tentativi e gli sforzi che già si fanno per mantenere viva la speranza e la fede. Le Chiese giovani di cui siete i Pastori si caratterizzano per la presenza di un clero locale a volte numeroso, a volte scarso o addirittura esiguo. In ogni caso, vi invito a prestare attenzione alla preparazione dei presbiteri negli anni di Seminario, senza smettere di accompagnarli nella formazione permanente dopo l’Ordinazione. Sappiate offrire loro un esempio concreto e tangibile. Per quanto vi è possibile, cercate di partecipare con loro ai principali momenti formativi, avendo sempre cura anche della dimensione personale. Non dimenticatevi che il prossimo più prossimo del Vescovo è il presbitero. Ogni presbitero deve sentire la vicinanza del suo Vescovo. Quando un Vescovo sente una chiamata telefonica del presbitero o arriva una lettera, risponde subito! Subito! Lo stesso giorno, se è possibile. Ma quella vicinanza deve cominciare nel seminario, nella formazione e continuare. Il prossimo più prossimo del Vescovo è il presbitero”.

    “Il dinamismo del sacramento dell’Ordine, la vocazione stessa e la missione episcopale, come il dovere di seguire attentamente i problemi e le questioni concrete della società da evangelizzare, chiedono ad ogni Vescovo di tendere verso la pienezza della maturità di Cristo (cfr Ef 4,13). Anche attraverso la testimonianza della propria maturità umana, spirituale ed intellettuale, incentrata sulla carità pastorale, risplenda sempre più chiaramente in voi la carità di Cristo e la sollecitudine della Chiesa verso tutti gli uomini”.

    “Vigilate attentamente perché tutto ciò che si mette in atto per l’evangelizzazione e le diverse attività pastorali di cui siete promotori non venga danneggiato o vanificato da divisioni già presenti o che si possono creare. Le divisioni sono l’arma che il diavolo ha più alla mano per distruggere la Chiesa da dentro. Ha due armi, ma quella principale è la divisione; l’altra sono i soldi. Il diavolo entra per le tasche e distrugge con la lingua, con le chiacchiere che dividono e l’abitudine a chiacchierare è un’abitudine di terrorismo. Il chiacchierone è un terrorista che butta la bomba – la chiacchiera – per distruggere. Per favore, lottate contro le divisioni, perché è una delle armi che ha il diavolo per distruggere la Chiesa locale e la Chiesa universale. In particolare, le differenze dovute alle varie etnie presenti in uno stesso territorio non devono penetrare nelle comunità cristiane fino a prevalere sul loro bene. La Chiesa è chiamata a sapersi porre sempre al di sopra delle connotazioni tribali-culturali e il Vescovo, visibile principio di unità, ha il compito di edificare incessantemente la Chiesa particolare nella comunione di tutti i suoi membri”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/09/2016 11:25:00 VATICANO
    Papa: il diavolo vuole dividere la Chiesa e l’attacca alla radice dell’unità, la messa

    “Semina gelosie, ambizioni, idee, ma per dividere! O semina cupidigia”. E come avviene dopo una guerra “tutto è distrutto. E il diavolo se ne va contento. E noi - ingenui, stiamo al suo gioco”. “Le divisioni nella Chiesa non lasciano che il Regno di Dio cresca; non lasciano che il Signore si faccia vedere bene, come è Lui”.



    22/10/2014 VATICANO
    Papa: "divisioni", "invidie" e "incomprensioni" dividono la Chiesa "corpo di Cristo"
    "La guerra non incomincia nel campo di battaglia: la guerra, le guerre incominciano nel cuore". "La Chiesa è il corpo di Cristo! Un po' strano, ma è così, non si tratta semplicemente di un modo di dire: ma lo siamo davvero!". Il ricordo di Giovanni Paolo II, festeggiato oggi, per la prima volta, come santo.

    25/09/2013 VATICANO
    Papa: la Chiesa è unità, a farle male sono "privatizzazioni" e "chiacchiere"
    All'udienza generale Francesco dice che la Chiesa è "una" pur comprendendo culture e lingue diverse. "Io, come cattolico, vivo questa unità della Chiesa? Oppure non mi interessa, perché sono chiuso nel mio piccolo gruppo o in me stesso?". "Quando penso o sento dire che tanti cristiani sono perseguitati e anche danno la vita per la loro fede, tocca il mio cuore questo o non viene a me?".

    19/06/2013 VATICANO
    Papa: la Chiesa è il "corpo di Cristo", non facciamola soffrire con divisioni, personalismi e "chiacchiere"
    All'udienza generale appelli di Francesco per i migranti e le loro famiglie e per "testimoniare il Vangelo della vita". "Tutti uniti, tutti uniti con le nostre differenze, ma uniti, uniti sempre, che quella è la strada di Gesù! L'unità è superiore ai conflitti, l'unità è una grazia che dobbiamo chiedere al Signore". Cercare l'unità anche tra evangelici, ortodossi e cattolici.

    17/05/2016 10:50:00 VATICANO
    Papa: l’amore per il potere e il denaro “tentazione mondana” della Chiesa

    “Nella strada che Gesù ci indica per andare avanti, il servizio è la regola. Il più grande è quello che più serve, quello che più è al servizio degli altri, non quello che si vanta, che cerca il potere, i soldi… la vanità, l’orgoglio… No, questi non sono i grandi”.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®