20/04/2018, 10.15
VATICANO – ITALIA
Invia ad un amico

Papa: don Tonino Bello, ‘dono e profezia per i nostri tempi’

Francesco oggi ad Alessano e Molfetta a 25 anni dalla morte del vescovo che fu anche presidente di Pax Christi. “Capire i poveri era per lui vera ricchezza. Aveva ragione, perché i poveri sono realmente ricchezza della Chiesa. Ricordacelo ancora, don Tonino, di fronte alla tentazione ricorrente di accodarci dietro ai potenti di turno, di ricercare privilegi, di adagiarci in una vita comoda”.

Alesano (AsiaNews) – “Dono e profezia per i nostri tempi”. Papa Francesco ha definito così, oggi, mons. Antonio Bello, “don Tonino” (1935-1993) che fu vescovo di Molfetta e presidente di Pax Christi, del quale è venuto in Puglia, nel sud d’Italia, per commemorare i 25 anni dalla sua morte.

Una visita iniziata ad Alessano, ove è la tomba del vescovo, sulla quale il Papa si è fermato in preghiera (nella foto). Poi, nel piazzale antistante il cimitero, Francesco si è rivolto alle migliaia di persone lì raccolte. Tra la folla, alcune bandiere multicolori della pace.

Di don Tonino, "profeta della nonviolenza", del quale dal 2008 è in corso la causa di beatificazione, è stata sovente evidenziata una singolare vicinanza con papa Francesco, in particolare su questioni come gli “scartati” e la corruzione. “Don Tonino – ha detto oggi Francesco -ci richiama a non teorizzare la vicinanza ai poveri, ma a stare loro vicino, come ha fatto Gesù, che per noi, da ricco che era, si è fatto povero (cfr 2 Cor 8,9). Don Tonino sentiva il bisogno di imitarlo, coinvolgendosi in prima persona, fino a spossessarsi di sé. Non lo disturbavano le richieste, lo feriva l’indifferenza. Non temeva la mancanza di denaro, ma si preoccupava per l’incertezza del lavoro, problema oggi ancora tanto attuale. Non perdeva occasione per affermare che al primo posto sta il lavoratore con la sua dignità, non il profitto con la sua avidità”.

“Capire i poveri – ha detto ancora - era per lui vera ricchezza. Aveva ragione, perché i poveri sono realmente ricchezza della Chiesa. Ricordacelo ancora, don Tonino, di fronte alla tentazione ricorrente di accodarci dietro ai potenti di turno, di ricercare privilegi, di adagiarci in una vita comoda. Il Vangelo – eri solito ricordarlo a Natale e a Pasqua – chiama a una vita spesso scomoda, perché chi segue Gesù ama i poveri e gli umili”.

Del vescovo autore della “Lettera al fratello marocchino”, nella quale scriveva  “Perdonaci, se non abbiamo saputo levare coraggiosamente la voce per forzare la mano dei nostri legislatori”, Francesco ha ricordato la volontà di pace e accoglienza. “Non stava – ha detto - con le mani in mano: agiva localmente per seminare pace globalmente, nella convinzione che il miglior modo per prevenire la violenza e ogni genere di guerre è prendersi cura dei bisognosi e promuovere la giustizia. Infatti, se la guerra genera povertà, anche la povertà genera guerra. La pace, perciò, si costruisce a cominciare dalle case, dalle strade, dalle botteghe, là dove artigianalmente si plasma la comunione. Diceva, speranzoso, don Tonino: «Dall’officina, come un giorno dalla bottega di Nazareth, uscirà il verbo di pace che instraderà l’umanità, assetata di giustizia, per nuovi destini». Cari fratelli e sorelle, questa vocazione di pace appartiene alla vostra terra, a questa meravigliosa terra di frontiera – finis-terrae – che Don Tonino chiamava “terra-finestra”, perché dal Sud dell’Italia si spalanca ai tanti Sud del mondo, dove «i più poveri sono sempre più numerosi mentre i ricchi diventano sempre più ricchi e sempre di meno». Siete una «finestra aperta, da cui osservare tutte le povertà che incombono sulla storia», ma siete soprattutto una finestra di speranza perché il Mediterraneo, storico bacino di civiltà, non sia mai un arco di guerra teso, ma un’arca di pace accogliente”.

“Cari fratelli e sorelle - ha concluso il Papa - in ogni epoca il Signore mette sul cammino della Chiesa dei testimoni che incarnano il buon annuncio di Pasqua, profeti di speranza per l’avvenire di tutti. Dalla vostra terra Dio ne ha fatto sorgere uno, come dono e profezia per i nostri tempi. E Dio desidera che il suo dono sia accolto, che la sua profezia sia attuata. Non accontentiamoci di annotare bei ricordi, non lasciamoci imbrigliare da nostalgie passate e neanche da chiacchiere oziose del presente o da paure per il futuro. Imitiamo don Tonino, lasciamoci trasportare dal suo giovane ardore cristiano, sentiamo il suo invito pressante a vivere il Vangelo senza sconti. È un invito forte rivolto a ciascuno di noi e a noi come Chiesa. Ci aiuterà a spandere oggi la fragrante gioia del Vangelo”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: don Tonino Bello, ‘essere, sempre e dovunque, costruttori di pace’
20/04/2018 12:51
Pax Christi International 2016 alla Commissione Giustizia e pace del Pakistan
23/11/2016 11:34
A mons. Sako il premio Pax Christi 2010, per il suo impegno per la pace in Iraq
09/12/2010
Card. Montenegro: Pedagogia e accoglienza per risolvere la crisi dei migranti
19/10/2015
Papa: i rifugiati sono nostri fratelli, da accogliere
22/06/2016 11:03