01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/09/2012, 00.00

    LIBANO - VATICANO

    Papa: i giovani libanesi mostrino al Medio oriente la convivenza possibile tra cristianesimo e islam



    Almeno trentamila i ragazzi che incontrano Benedetto XVI: cristiani di ogni denominazoine, ma anche musulmani. Libanesi, ma anche dei Paesi vicini, Siria compresa. A loro dice che "il Papa è triste a causa delle vostre sofferenze e dei vostri lutti. Egli non dimentica la Siria nelle sue preghiere e nelle sue preoccupazioni". A tutti raccomanda di non fuggire dalla realtà, di rifiutare droghe, consumismo e amore del denaro. "Il perdono e la riconciliazione sono vie di pace, ed aprono un futuro".

    Bkerké (AsiaNews) - Giovani cristiani e musulmani "costruite insieme" il futuro del Libano, perché "l'intero Medio Oriente, guardando voi, comprenda che i musulmani e i cristiani, l'Islam e il Cristianesimo, possono vivere insieme senza odio, nel rispetto del credo di ciascuno, per costruire insieme una società libera e umana". Incontro con i giovani, oggi pomeriggio, per Benedetto XVI che anche in queso suo viaggio in Libano non ha voluto saltare questo che è un appuntamento fondamentale in tutte le sue visite, ovunque nel mondo. E anche qui sono cori, grida, festa.

    Sono almeno trentamila i giovani accorsi a questo incontro. Davanti alla sede del Patriarcato maronita ci sono cristiani di ogni denominazione e anche musulmani. Sono libanesi, ma non solo. "Ho saputo - dice il Papa - che ci sono tra noi dei giovani venuti dalla Siria. Voglio dirvi quanto ammiro il vostro coraggio. Dite a casa vostra, ai familiari e agli amici, che il Papa non vi dimentica. Dite attorno a voi che il Papa è triste a causa delle vostre sofferenze e dei vostri lutti. Egli non dimentica la Siria nelle sue preghiere e nelle sue preoccupazioni. Non dimentica i mediorientali che soffrono. E' tempo che musulmani e cristiani si uniscano per mettere fine alla violenza e alle guerre".

    Nel saluto rivolto a Benedetto XVI, i giovani parlano dei loro problemi, che sono quelli dei loro coetanei di tutto il mondo, ma non solo. "Noi giovani del Medio Oriente - dicono una ragazza e un ragazzo - siamo immersi oggi in un mare di difficoltà, di apprensioni e di timori", parla di "scoraggiamento" e "corruzione". "Che siano legate alla situazine della sicurezza, alle crisi politiche ed economiche e all'inflazione - aggiunge - le difficoltà che affronta la famiglia cristiana sono immense e comprendono anche la perdita del significato sacramentale del matrimonio, l'atesimo contemporaneo, le discriminazioni religiose e sociali, i flagelli sociale che sono la tossicodipendenza e l'alcolismo".

     "Conosco - risponde Benedetto XVI - le vostre difficoltà nella vita quotidiana, a causa della mancanza di stabilità e di sicurezza, della difficoltà di trovare un lavoro o ancora del sentimento di solitudine e di emarginazione. In un mondo in continuo movimento, siete messi a confronto con numerose e gravi sfide. Anche la disoccupazione e la precarietà non devono spingervi ad assaggiare il «miele amaro» dell'emigrazione, con lo sradicamento e la separazione in cambio di un futuro incerto. Per voi si tratta di essere protagonisti del futuro del vostro Paese, e di occupare il vostro ruolo nella società e nella Chiesa".

    "Le frustrazioni presenti non devono condurvi a rifugiarvi in mondi paralleli come quelli, tra gli altri, delle droghe di ogni tipo, o quello della tristezza della pornografia. Quanto alle reti sociali, esse sono interessanti ma possono facilmente trascinarvi alla dipendenza e alla confusione tra il reale e il virtuale. Cercate e vivete relazioni ricche di amicizia vera e nobile. Abbiate iniziative che diano senso e radici alla vostra esistenza, contrastando la superficialità e il facile consumismo! Voi siete sottoposti ugualmente ad un'altra tentazione, quella del denaro, questo idolo tirannico che acceca al punto da soffocare la persona e il suo cuore. Gli esempi che vi circondano non sono sempre i migliori. Molti dimenticano l'affermazione di Cristo che dice che non si può servire Dio e il denaro (cfr Lc 16,13). Cercate dei buoni maestri, delle guide spirituali che sappiano indicarvi la strada della maturità, lasciando ciò che è illusorio, ciò che è apparenza e menzogna. Siate i portatori dell'amore di Cristo!".

     "La fraternità universale che Egli ha inaugurato sulla Croce riveste di una luce splendente ed esigente la rivoluzione dell'amore". "Cristo vi invita a fare come Lui, ad accogliere l'altro senza riserve, anche se appartiene ad una cultura, religione, nazione differente. Fargli posto, rispettarlo, essere buoni verso di lui, rende sempre più ricchi di umanità e forti della pace del Signore".

     "Siate - ripete - i messaggeri del Vangelo della vita e dei valori della vita. Resistete coraggiosamente a tutto ciò che la nega: l'aborto, la violenza, il rifiuto e il disprezzo dell'altro, l'ingiustizia, la guerra. Così facendo diffonderete la pace intorno a voi. Non sono forse gli «operatori di pace» coloro che alla fine ammiriamo di più? Non è forse la pace il bene prezioso che tutta l'umanità ricerca? Non è forse un mondo di pace che vogliamo nel più profondo per noi e per gli altri? «Salami ō-tīkum» ha detto Gesù. Egli ha vinto il male non mediante un altro male, ma prendendolo su di Sé ed annientandolo sulla croce mediante l'amore vissuto fino alla fine. Scoprire in verità il perdono e la misericordia di Dio, permette sempre di ripartire verso una vita nuova. Non è facile perdonare. Ma il perdono di Dio dà la forza della conversione, e la gioia di perdonare a propria volta. Il perdono e la riconciliazione sono vie di pace, ed aprono un futuro".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/02/2006 vaticano-libano
    Il premier Siniora illustra al Papa la difficile situazione libanese

    In udienza stamattina in Vaticano, il primo ministro di Beirut parla col Papa dell' incontro che ha avuto con i capi delle diverse religioni presenti in Libano, delle vignette su Maometto, degli incidenti nel quartiere cristiano di Beirut, delle violenze tra i vari gruppi religiosi. Il Vaticano riafferma la sua vicinanza "a quella nobile Nazione".



    13/12/2012 VATICANO-SRI LANKA-THAILANDIA
    Papa: i governi abbiano il coraggio di educare i giovani "ai giusti valori"
    Ricevendo un gruppo di ambasciatori, Benedetto XVI parla della necessità della formazione dei giovani in un mondo che vede "fratture umane, culturali, sociali e spirituali inedite nella storia dell'umanità" e nel quale le reti sociali tendono a divenire "l'unico punto di riferimento dell'informazione e della conoscenza".

    03/09/2013 SIRIA - LIBANO - VATICANO
    Intellettuale musulmano: Pregheremo con il Papa per la pace in Siria
    Ridwan Al-Sayyd, professore di islamistica a Beirut, invita la comunità internazionale ad ascoltare le parole del Papa. La Giornata di preghiera per la pace in Siria "un'occasione per aprire le porte a una soluzione pacifica del conflitto. Un'azione armata in Siria farà esplodere una guerra in tutto il Medio Oriente".

    03/03/2005 Libano - Siria
    Il Libano torna ad essere modello per il Medio Oriente

    Drusi che chiedono perdono ai cristiani; cristiani che pregano per i sunniti: la rivoluzione pacifica in Libano fa sperare per la democrazia in tutto il Medio Oriente. E il paese dei cedri rimane il miglior modello di convivenza per la regione. Ma c'è bisogno della comunità internazionale. P. Samir, gesuita egiziano, è docente di storia della cultura araba e di islamologia presso l'Università Saint-Joseph di Beirut.



    16/09/2012 LIBANO - VATICANO
    Papa: per la pace in Medio oriente "soluzioni praticabili" che rispettino dignità e diritti di tutti
    Appello di Benedetto XVI alla comunità internazionale e agli arabi perché "cessi il fragore delle armi" in Siria e nei "Paesi vicini". Centinaia di migliaia di persone alla messa a Beirut al termine della quale Benedetto XVI consegna ai vescovi del Medio oriente l'esortazione apostolica Ecclesia in Medio Oriente. I cristiani siano "servitori di pace".



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®