25 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/10/2013, 00.00

    VATICANO

    Papa: il cristiano che non prega perde la fede e cade nell'ideologia e nel moralismo



    Quando un cristiano non prega si ha l'atteggiamento della "chiave in tasca e porta chiusa". Quando una chiesa è chiusa "la gente che passa davanti non può entrare". E, ancora peggio, "il Signore che è dentro non può uscire".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - I cristiani che non pregano "abbandonano la fede e la trasformano in ideologia moralistica, casuistica, senza Gesù", e "l'ideologia non convoca", ma provoca un atteggiamento da "chiave in tasca e porta chiusa".

    E' l'insegnamento che papa Francesco ha dato nella messa celebrata a Casa santa Marta commentando il passo del Vangelo di oggi nel quale Gesù dice: "Guai a voi, dottori della legge, che avete portato via la chiave della conoscenza!".

    Come riferisce la Radio Vaticana, il Papa ha attualizzato questo monito. "Quando andiamo per strada e ci troviamo davanti una chiesa chiusa sentiamo qualcosa di strano", perché "una chiesa chiusa non si capisce". A volte "ci dicono spiegazioni" che non sono tali: "sono pretesti, sono giustificazioni, ma la realtà è che la chiesa è chiusa e la gente che passa davanti non può entrare". E, ancora peggio, "il Signore che è dentro non può uscire". Oggi Gesù ci parla di questa "immagine della chiusura", è "l'immagine di quei cristiani che hanno in mano la chiave, ma la portano via, non aprono la porta". Anzi peggio, "si fermano sulla porta" e "non lasciano entrare", e così facendo "neppure loro entrano". La "mancanza di testimonianza cristiana fa questo" e "quando quel cristiano è un prete, un vescovo o un papa è peggio".

    Ma come succede che un "cristiano cade in questo atteggiamento di chiave in tasca e porta chiusa?". "La fede passa, per così dire, per un alambicco e diventa ideologia. E l'ideologia non convoca. Nelle ideologie non c'è Gesù: la sua tenerezza, amore, mitezza. E le ideologie sono rigide, sempre. Di ogni segno: rigide. E quando un cristiano diventa discepolo dell'ideologia, ha perso la fede: non è più discepolo di Gesù, è discepolo di questo atteggiamento di pensiero, di questo... E per questo Gesù dice loro: 'Voi avete portato via la chiave della conoscenza'. La conoscenza di Gesù è trasformata in una conoscenza ideologica e anche moralistica, perché questi chiudevano la porta con tante prescrizioni".

    Gesù ce l'ha detto: "Voi caricate sulle spalle della gente tante cose; solo una è necessaria". Questo è, dunque, il processo "spirituale, mentale" di chi vuole la chiave in tasca e la porta chiusa. "La fede diventa ideologia e l'ideologia spaventa, l'ideologia caccia via la gente, allontana, allontana la gente e allontana la Chiesa dalla gente. Ma è una malattia grave, questa dei cristiani ideologici. E' una malattia, ma non è nuova, eh? Già l'Apostolo Giovanni, nella sua prima Lettera, parlava di questo. I cristiani che perdono la fede e preferiscono le ideologie. Il suo atteggiamento è: diventare rigidi, moralisti, eticisti, ma senza bontà. La domanda può essere questa, no? Ma perché un cristiano può diventare così? Cosa succede nel cuore di quel cristiano, di quel prete, di quel vescovo, di quel papa, che diventa così? Semplicemente una cosa: quel cristiano non prega. E se non c'è la preghiera, tu sempre chiudi la porta".

    "La chiave che apre la porta alla fede è la preghiera". "Quando un cristiano non prega, succede questo. E la sua testimonianza è una testimonianza superba". Chi non prega è "un superbo, è un orgoglioso, è un sicuro di se stesso. Non è umile. Cerca la propria promozione". Invece "quando un cristiano prega, non si allontana dalla fede, parla con Gesù". E  "dico pregare, non dico dire preghiere, perché questi dottori della legge dicevano tante preghiere" per farsi vedere. Gesù, invece, dice: "Quando tu preghi, va nella tua stanza e prega il Padre di nascosto, da cuore a cuore". "Una cosa è pregare e un'altra cosa è dire preghiere":

    "Questi non pregano, abbandonano la fede e la trasformano in ideologia moralistica, casuistica, senza Gesù. E quando un profeta o un buon cristiano li rimprovera, fanno lo stesso che hanno fatto con Gesù: 'Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile - questi ideologici sono ostili - e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie - sono insidiosi - per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca'. Non sono trasparenti. Eh, poverini, sono gente sporcata dalla superbia. Chiediamo al Signore la grazia, primo: non smettere di pregare, per non perdere la fede, rimanere umili. E così non diventeremo chiusi, che chiudono la strada al Signore".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/05/2017 12:03:00 VATICANO
    Papa: impariamo ad ascoltare quello che lo Spirito Santo dice a noi, alla nostra comunità, alla Chiesa

    Una persona che non si lascia “inquietare” dello Spirito “è una persona che ha una fede fredda, una fede ideologica. La sua fede è un’ideologia, tutto qui”. “Chiedo che mi dia la grazia di distinguere il buono dal meno buono? Perché il buono dal male subito si distingue. Ma c’è quel male nascosto che è il meno buono, ma ha nascosto il male”.



    23/11/2017 11:39:00 VATICANO
    Papa: le donne difendono dalle colonizzazioni ideologiche che indottrinano i giovani

    Le dittature vecchie e nuove tolgono la libertà e anche la memoria per imporre un sistema educativo. Sono loro, le mamme e le donne, le custodi della memoria, del dialetto, "capaci di difendere la storia di un popolo" e di "trasmettere la fede" che poi "i teologi spiegheranno".



    13/08/2017 12:09:00 VATICANO
    Papa: Sicuri sulla barca della Chiesa, non sui ‘battelli ammalianti’ di ideologie e mode, oroscopi e cartomanti

    All’Angelus, papa Francesco paragona la vita personale e della Chiesa a una barca, che deve affrontare difficoltà e prove. “La fede ci dà la sicurezza di una Presenza che ci spinge a superare le bufere esistenziali, la certezza di una mano che ci afferra per aiutarci ad affrontare le difficoltà, indicandoci la strada anche quando è buio”.



    17/10/2017 11:46:00 VATICANO
    Papa: è “stoltezza” e porta alla corruzione non ascoltare la Parola di Dio

    Tolti sono i dottori della Legge che si preoccupano solo dell’esterno delle cose, stolti coloro che seguono gli “idoli”, come il consumismo, stolti quei cristiani che sono divenuti “ideologi del cristianesimo”. “Lo stolto non ascolta, crede di ascoltare, ma non ascolta. Fa la sua, sempre. E per questo la Parola di Dio non può entrare nel cuore, e non c’è posto per l’amore”.



    01/06/2017 11:16:00 VATICANO
    Papa: le “dimensioni” del cristiano sono annunciare Gesù, resistere alla persecuzione, pregare

    La vita di san Paolo mostra i tre atteggiamenti che ogni cristiano dovrebbe condividere. L’Apostolo “ha dovuto lottare tanto”. La prima dimensione della sua vita “è l’annuncio, lo zelo apostolico: portare avanti Gesù Cristo”, “la seconda è: soffrire le persecuzioni, le lotte”. Infine, la terza è la preghiera. “Paolo  aveva questa intimità con il Signore”.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®