27 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/10/2013, 00.00

    VATICANO

    Papa: il cristiano che non prega perde la fede e cade nell'ideologia e nel moralismo



    Quando un cristiano non prega si ha l'atteggiamento della "chiave in tasca e porta chiusa". Quando una chiesa è chiusa "la gente che passa davanti non può entrare". E, ancora peggio, "il Signore che è dentro non può uscire".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - I cristiani che non pregano "abbandonano la fede e la trasformano in ideologia moralistica, casuistica, senza Gesù", e "l'ideologia non convoca", ma provoca un atteggiamento da "chiave in tasca e porta chiusa".

    E' l'insegnamento che papa Francesco ha dato nella messa celebrata a Casa santa Marta commentando il passo del Vangelo di oggi nel quale Gesù dice: "Guai a voi, dottori della legge, che avete portato via la chiave della conoscenza!".

    Come riferisce la Radio Vaticana, il Papa ha attualizzato questo monito. "Quando andiamo per strada e ci troviamo davanti una chiesa chiusa sentiamo qualcosa di strano", perché "una chiesa chiusa non si capisce". A volte "ci dicono spiegazioni" che non sono tali: "sono pretesti, sono giustificazioni, ma la realtà è che la chiesa è chiusa e la gente che passa davanti non può entrare". E, ancora peggio, "il Signore che è dentro non può uscire". Oggi Gesù ci parla di questa "immagine della chiusura", è "l'immagine di quei cristiani che hanno in mano la chiave, ma la portano via, non aprono la porta". Anzi peggio, "si fermano sulla porta" e "non lasciano entrare", e così facendo "neppure loro entrano". La "mancanza di testimonianza cristiana fa questo" e "quando quel cristiano è un prete, un vescovo o un papa è peggio".

    Ma come succede che un "cristiano cade in questo atteggiamento di chiave in tasca e porta chiusa?". "La fede passa, per così dire, per un alambicco e diventa ideologia. E l'ideologia non convoca. Nelle ideologie non c'è Gesù: la sua tenerezza, amore, mitezza. E le ideologie sono rigide, sempre. Di ogni segno: rigide. E quando un cristiano diventa discepolo dell'ideologia, ha perso la fede: non è più discepolo di Gesù, è discepolo di questo atteggiamento di pensiero, di questo... E per questo Gesù dice loro: 'Voi avete portato via la chiave della conoscenza'. La conoscenza di Gesù è trasformata in una conoscenza ideologica e anche moralistica, perché questi chiudevano la porta con tante prescrizioni".

    Gesù ce l'ha detto: "Voi caricate sulle spalle della gente tante cose; solo una è necessaria". Questo è, dunque, il processo "spirituale, mentale" di chi vuole la chiave in tasca e la porta chiusa. "La fede diventa ideologia e l'ideologia spaventa, l'ideologia caccia via la gente, allontana, allontana la gente e allontana la Chiesa dalla gente. Ma è una malattia grave, questa dei cristiani ideologici. E' una malattia, ma non è nuova, eh? Già l'Apostolo Giovanni, nella sua prima Lettera, parlava di questo. I cristiani che perdono la fede e preferiscono le ideologie. Il suo atteggiamento è: diventare rigidi, moralisti, eticisti, ma senza bontà. La domanda può essere questa, no? Ma perché un cristiano può diventare così? Cosa succede nel cuore di quel cristiano, di quel prete, di quel vescovo, di quel papa, che diventa così? Semplicemente una cosa: quel cristiano non prega. E se non c'è la preghiera, tu sempre chiudi la porta".

    "La chiave che apre la porta alla fede è la preghiera". "Quando un cristiano non prega, succede questo. E la sua testimonianza è una testimonianza superba". Chi non prega è "un superbo, è un orgoglioso, è un sicuro di se stesso. Non è umile. Cerca la propria promozione". Invece "quando un cristiano prega, non si allontana dalla fede, parla con Gesù". E  "dico pregare, non dico dire preghiere, perché questi dottori della legge dicevano tante preghiere" per farsi vedere. Gesù, invece, dice: "Quando tu preghi, va nella tua stanza e prega il Padre di nascosto, da cuore a cuore". "Una cosa è pregare e un'altra cosa è dire preghiere":

    "Questi non pregano, abbandonano la fede e la trasformano in ideologia moralistica, casuistica, senza Gesù. E quando un profeta o un buon cristiano li rimprovera, fanno lo stesso che hanno fatto con Gesù: 'Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile - questi ideologici sono ostili - e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie - sono insidiosi - per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca'. Non sono trasparenti. Eh, poverini, sono gente sporcata dalla superbia. Chiediamo al Signore la grazia, primo: non smettere di pregare, per non perdere la fede, rimanere umili. E così non diventeremo chiusi, che chiudono la strada al Signore".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/04/2013 VATICANO
    Papa: ogni interpretazione ideologica è una falsificazione del Vangelo
    All'omelia della messa di stamattina Francesco dice che la parola di Gesù "passa per la nostra mente e va al cuore. Perché Gesù cerca la nostra conversione", ma ci sono coloro che "pretendono realizzare del Vangelo solo quello che capiscono con la testa". "Sono i grandi ideologi". Ma "quando entra l'ideologia nell'intelligenza del Vangelo, non si capisce nulla".

    19/05/2017 11:45:00 VATICANO
    Papa: la vera dottrina unisce, ma quando diventa ideologia divide

    “Sempre c’è stata quella gente che senza alcun incarico va a turbare la comunità cristiana con discorsi che sconvolgono le anime: 'Eh, no. Questo che ha detto quello è eretico, quello non si può dire, quello no, la dottrina della Chiesa è questa…”.



    23/01/2015 VATICANO
    Mass media: imparare dalla famiglia a comunicare in modo più autentico e umano
    Nel Messaggio per la 49ma Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali, papa Francesco definisce la famiglia "il paradigma della comunicazione". In essa, come nel grembo della madre, si impara l'incontro, il linguaggio, la preghiera, la prossimità, il perdono. I media spesso trattano la famiglia come "un oggetto" su cui fare battaglie ideologiche e non come un luogo da cui imparare a comunicare. Occorre "reimparare a raccontare, non semplicemente a produrre e consumare informazione".

    18/08/2013 VATICANO
    Papa: Gesù è la nostra pace, ma senza neutralità o compromessi a tutti i costi
    All'Angelus, Francesco sottolinea che la "divisione" che Gesù porta significa che la fede non è "la panna" che "decora la torta", ma implica "rinunciare al male, all'egoismo e scegliere il bene, la verità, la giustizia, anche quando ciò richiede sacrificio e rinuncia ai propri interessi". E questo divide "anche fra i legami più stretti". Fede e violenza sono incompatibili. In questo Anno della Fede, tenere fisso lo sguardo su Gesù. Preghiera per le vittime del traghetto affondato nelle Filippine e per la pace in Egitto.

    25/05/2013 VATICANO
    Papa: chi cerca la Chiesa non deve mai trovare porte chiuse da "controllori della fede"
    Durante la messa di oggi, Francesco ricorda l'episodio di Gesù che dice "lasciate che i bambini vengano a me" per invitare all'accoglienza del "popolo". "La fede del Popolo di Dio è una fede semplice, è una fede forse senza tanta teologia, ma con una teologia dentro che non sbaglia, perché c'è lo Spirito dietro".



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®