25 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/02/2017, 12.20

    VATICANO

    Papa: il cristiano ha “il dovere” di praticare la giustizia, ma “è proibito” cercare la vendetta



    Gesù non chiede ai suoi discepoli di subire il male, anzi, chiede di reagire, però non con un altro male, ma con il bene. Una preghiera per le vittime della violenza nella regione del Kasai Centrale della Repubblica Democratica del Congo, in particolare i bambini-soldato e per quanti sono stati colpiti dagli attentati in Pakistan e Iraq.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Gesù ha insegnato che il cristiano ha “il dovere” di praticare la giustizia, “è invece proibito” cercare la vendetta, “in quanto espressione dell’odio e della violenza”. Violenza che papa Francesco è tornato a condannare, ricordando alle persone riunite in piazza san Pietro per la recita dell’Angelus, i bambini-soldato in Congo e gli attentati in Pakistan e in Iraq.

    Il comandamento dell’amore che Gesù vuole insegnare, “la via della vera giustizia”, ha detto Francesco prima della preghiera mariana, è espresso nel Vangelo di questa domenica,  (Mt 5,38-48), “una di quelle pagine che meglio esprimono la ‘rivoluzione’ cristiana”. Gesù dice che la legge dell’amore “supera quella del taglione, cioè «occhio per occhio e dente per dente». Questa antica regola imponeva di infliggere ai trasgressori pene equivalenti ai danni arrecati: la morte a chi aveva ucciso, l’amputazione a chi aveva ferito qualcuno, e così via. Gesù non chiede ai suoi discepoli di subire il male, anzi, chiede di reagire, però non con un altro male, ma con il bene. Solo così si spezza la catena del male, un male porta un altro male e così via, e cambiano veramente le cose. Il male infatti è un ‘vuoto’ di bene, e non si può riempire con un altro vuoto, ma solo con un ‘pieno’, cioè con il bene. La rappresaglia non porta mai alla risoluzione dei conflitti. Tu me l’hai fatto, io te lo faccio: questo mai risolve i conflitti e non è cristiano.

    Per Gesù il rifiuto della violenza può comportare anche la rinuncia ad un legittimo diritto; e ne dà alcuni esempi: porgere l’altra guancia, cedere il proprio vestito o il proprio denaro, accettare altri sacrifici (cfr vv. 39-42). Ma questa rinuncia non vuol dire che le esigenze della giustizia vengano ignorate o contraddette; no, al contrario, l’amore cristiano, che si manifesta in modo speciale nella misericordia, rappresenta una realizzazione superiore della giustizia. Quello che Gesù ci vuole insegnare è la netta distinzione che dobbiamo fare tra la giustizia e la vendetta. Distinguere tra giustizia e vendetta. La vendetta non è mai giusta. Ci è consentito di chiedere giustizia; è nostro dovere praticare la giustizia. Ci è invece proibito vendicarci o fomentare in qualunque modo la vendetta, in quanto espressione dell’odio e della violenza.

    Gesù non vuole proporre un nuovo ordinamento civile, ma piuttosto il comandamento dell’amore del prossimo, che comprende anche l’amore per i nemici: «Amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano» (v. 44). Questo non è facile. Questa parola non va intesa come approvazione del male compiuto dal nemico, ma come invito a una prospettiva superiore, magnanima, simile a quella del Padre celeste, il quale, dice Gesù, «fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti» (v. 45). Anche il nemico, infatti, è una persona umana, creata come tale a immagine di Dio, sebbene al presente questa immagine sia offuscata da una condotta indegna.

    Quando parliamo di ‘nemici’ non dobbiamo pensare a chissà quali persone diverse e lontane da noi; parliamo anche di noi stessi, che possiamo entrare in conflitto con il nostro prossimo, a volte con i nostri familiari. Quante inimicizie nelle famiglie! Nemici sono coloro che parlano male di noi, che ci calunniano e ci fanno dei torti. E non è facile digerire questo. A tutti costoro siamo chiamati a rispondere con il bene, che ha anch’esso le sue strategie, ispirate dall’amore.

    La Vergine Maria ci aiuti a seguire Gesù su questa strada esigente, che davvero esalta la dignità umana e ci fa vivere da figli del nostro Padre che è nei cieli. Ci aiuti a praticare la pazienza, il dialogo, il perdono, e ad essere così artigiani di comunione, artigiani di fraternità nella nostra vita quotidiana, soprattutto nella nostra famiglia”.

    Delle vittime della violenza e del terrorismo, il Papa ha parlato dopo la recita dell’Angelus. “Continuano – ha detto - purtroppo a giungere notizie di scontri violenti e brutali nella regione del Kasai Centrale della Repubblica Democratica del Congo. Sento forte il dolore per le vittime, specialmente per tanti bambini strappati alle famiglie e alla scuola per essere usati come soldati. Questa è una tragedia, i bambini-soldato, Assicuro la mia vicinanza e la mia preghiera, anche per il personale religioso e umanitario che opera in quella difficile regione; e rinnovo un accorato appello alla coscienza e alla responsabilità delle autorità nazionali e della comunità internazionale, affinché si prendano decisioni adeguate e tempestive per soccorrere questi nostri fratelli e sorelle”.

    “Preghiamo per loro e per tutte le popolazioni che anche in altre parti del Continente africano e del mondo soffrono a causa della violenza e della guerra. Penso, in particolare, al caro popolo del Pakistan e dell’Iraq, colpito da crudeli atti terroristici nei giorni scorsi. Preghiamo per le vittime, per i feriti e i familiari. Preghiamo ardentemente che ogni cuore indurito dall’odio si converta alla pace, secondo la volontà di Dio”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/12/2016 12:51:00 VATICANO
    Papa: il Natale porta la speranza nel mondo. Appello per la pace in Congo

    All’udienza generale il pontefice sottolinea che la nascita di Cristo rivela una “speranza affidabile, visibile, comprensibile, perché fondata in Dio”. Essa è un “cammino” accanto a Gesù “verso il Padre che ci attende”. Al termine dell’incontro Francesco ha rivolto un “accorato appello” per la pace e la riconciliazione nella Repubblica Democratica del Congo. 

     



    04/04/2010 VATICANO
    Papa: la Pasqua porti pace e giustizia in Terra Santa, Pakistan, Iraq e nel mondo intero
    Nel messaggio Urbi e orbi, Benedetto XVI chiede che tutta l’umanità superi le molteplici e tragiche espressioni di una ‘cultura di morte’ che tende a diffondersi, per edificare un futuro di amore e di verità. E che ai responsabili di tutte le nazioni, la Risurrezione rechi luce e forza, perché l’attività economica e finanziaria sia finalmente impostata secondo criteri di verità, di giustizia e di aiuto fraterno.

    15/08/2016 12:48:00 VATICANO
    Papa: L’assunzione di Maria, il Magnificat e le donne “schiave”. Appello per il Nord Kivu

    All’Angelus papa Francesco affida alla Madonna e a Cristo le “donne sopraffatte dal peso della vita e dal dramma della violenza”, le “donne schiave della prepotenza dei potenti”, le “bambine costrette a lavori disumani,” le “donne obbligate ad arrendersi nel corpo e nello spirito alla cupidigia degli uomini”. “Silenzio vergognoso” per i massacri di “tanti innocenti che non hanno peso nella politica e nell’opinione pubblica mondiale”.



    24/02/2017 11:27:00 VATICANO
    Papa: “In Dio, giustizia è misericordia e misericordia è giustizia”

    Non cedere alla “logica casistica”, quella che riduce la fede in termini di “si può” o “non si può”, ma seguire il cammino di Gesù, “il cammino dalla casistica alla verità e alla misericordia”. Gesù dice “Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei”, ma ha parlato “tante volte con un’adultera”. E alla fine le ha detto: “Io non ti condanno. Non peccare più”.



    11/09/2015 VATICANO
    Papa: “la questione del clima è una questione di giustizia; e anche di solidarietà”, “è in gioco la dignità di ognuno”
    Francesco chiede che “ai tavoli in cui si cerca il modo per risolvere l’unica e complessa crisi socio-ambientale possano far udire la propria voce i più poveri, tra i Paesi e tra gli esseri umani”. “L’umanità sappia finalmente dare ascolto al grido della terra, nostra madre e sorella, e dei più poveri tra coloro che la abitano, e prendersene cura”.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®