28 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/01/2009, 00.00

    VATICANO

    Papa: il mondo è pieno di poteri pericolosi, ma uniti a Cristo non temiamo nulla



    Illustrando le lettere di San Paolo agli Efesini ed ai Colossesi, Benedetto XVI sottolinea che Gesù “è al di sopra di ogni potere ostile”. La Chiesa “sposa” per la quale ha dato la vita e della quale è “il capo”. Ed è anche signore del cosmo.
    Città del Vaticano (AsiaNews) – Oggi “il mondo è pieno di poteri pericolosi”, ma uniti a Gesù “non dobbiamo temere nulla”, perché Cristo “è superiore ad ogni potere”, è “il capo” della Chiesa, ma anche del cosmo “perché tutto l’universo in lui si sintetizza”. Proseguendo l'illustrazione del pensiero di San Paolo, ai quattromila fedeli presenti all’udienza generale, Benedetto XVI ha oggi parlato delle Lettere a Efesini e Colossesi, dette “gemelle”, perché “molto vicine nei modi di dire, per vocaboli ed esposizione”. Così, “più di un terzo delle parole della lettera ai Colossesi sono anche in quella agli Efesini”.
     
    “Solo qui – ha osservato - è usato il termine ‘cefa’, capo, per Cristo. In un primo senso Cristo come capo della Chiesa”: egli è “il dirigente”, che “guida la comunità cristiana come suo leader e signore. L’altro significato è che egli è come la testa che innerva e vivifica tutte le membra del corpo cui è preposta”. “Non solo comanda, ma organicamnete è connesso con noi”. “In entrambi i casi la Chiesa è considerata sottoposta a Cristo sia per raccoglierne le indicazioni che per seguire le forze vitali che da lui promanano”.
     
    “Nel secondo senso, Cristo non è solo il capo della Chiesa, ma delle potenze celesti e del cosmo intero. Paolo dice che Dio pose Cristo al di sopra di ogni principato e potestà. Le sua parole ci assicurano che Cristo è al di sopra di ogni potere ostile, così vicino a lui non abbiamo nulla da temere”. Le due lettere offrono “un messaggio altamente postivo e fecondo. Cristo non ha da temere alcun concorrente perché è superiore a qualsiasi altra forma di potere che presuma di umiliare l'uomo”, “se siamo uniti a Cristo non dobbiamo temere nessun nemico o avversità, chi è con Cristo non ha da temere nulla”. Anche oggi, il mondo è pieno di poteri pericolosi, ma Cristo è il vincitore e chi è unito a Cristo non deve temere nulla”. Per il mondo pagano che “credeva in un mondo pieno di spiriti pericolosi, dai quali difendersi, questo annuncio era una vera rivelazione. Questo vale anche per il paganesimo di oggi che crede che il mondo sia pieno di poteri pericolosi. Anche noi – ha aggiunto - in un mondo con tante paure dobbiamo imparare che Cristo, oltre ogni dominazione, è il vero Signore del mondo”. Per questo “dobbiamo restare stretti a lui”.
     
    Ma Gesù è anche il signore del cosmo e “con il sangue della croce ha riappacificato le cose che stanno nei cieli e sulla terra”. “Tutto è uno in Cristo”. “Se cominciamo a capire che il cosmo è l'impronta di Cristo, impariamo la retta relazione al cosmo, a tutti i problemi della conservazione del cosmo” e “ad agire in modo retto” verso di esso.
     
    Ultimo punto comune alle due lettere è quello della Chiesa “sposa” di Cristo, che “ha dato se stesso per lei, e quale dimostrazione d’amore puo essere piu grande”. La bellezza della Chiesa non è solo quella data dal battesimo, ma anche perché cresca ogni giorno “senza macchia né ruga, ma tutta santa e immacolata”. Propro il suo amore costruisce la Chiesa, alla quale dà conduzione, ispirazione e vitalizzazione organica..
     
    Benedetto XVI, infine, ha nuovamente esaltato “la bellezza e il valore della famiglia”, auspicando che il VI Incontro mondiale delle famiglie, che si apre oggi a Città del Messico, possa suscitare “in tutti nuove energie in favore di questa insostituibile cellula fondamentale della società e della Chiesa”.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/12/2013 VATICANO
    Papa: non bisogna avere paura del giudizio finale, perché l'abbraccio di Gesù non ci mancherà mai
    Dio "non ha mandato il Figlio per condannare, ma per salvare" e "chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato" e in questo senso "il giudizio è già cominciato". Nuovo appello contro la fame nel mondo. America, terra di accoglienza, "terra in grado di rispettare la vita umana in tutte le sue fasi".

    15/10/2008 VATICANO
    Papa: la Chiesa non è un’associazione, ma una comunità “convocata da Dio”
    Continuando ad illustrare la figura e l’opera di San Paolo, Benedetto XVI parla dell’idea di Chiesa nel pensiero dell’apostolo. “Le diverse Chiese locali tutte insieme sono la Chiesa di Dio, che precede le Chiese locali e si realizza in queste”.

    26/03/2008 VATICANO
    Papa: senza la fede nella Resurrezione, tutto si sfalda
    Il Papa mette in guardia i fedeli a non farsi colpire da chi, nonostante le prove storiche, mette in dubbio “o addirittura nega” la resurrezione di Cristo: senza questa consapevolezza, la testimonianza cristiana “diviene debole”. Subito dopo l’udienza generale, Benedetto XVI incontra alcuni bambini sopravvissuti alla strage di Beslan.

    11/04/2007 VATICANO
    Papa: Portando Gesù nel cuore, diffondere la grande notizia della Sua risurrezione
    Alla presenza di oltre 50 mila pellegrini, in maggioranza giovani, Benedetto XVI ha spiegato il mistero della resurrezione di Gesù e le sue apparizioni i discepoli. Anche oggi è possibile l’incontro con il Risorto, testimoniando ovunque la “gioia pasquale”.

    03/03/2010 VATICANO
    Papa: conformarsi a Cristo, obiettivo di ogni cristiano e programma della Chiesa del III millennio
    Benedetto XVI illustra all’udienza generale la figura di san Bonaventura da Bagnoregio, “uno dei teologi più importati della storia della Chiesa”, nella quale “come qualche volta accade anche tra persone sinceramente religiose” ci sono “motivi di debolezza umana, come l’invidia e la gelosia”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®