25/03/2007, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: l’Annunciazione, il “sì” di Maria e quello dei martiri

Benedetto XVI ha mostrato la profonda unità fra il dono della vita dei missionari martiri e quello di Cristo e della Vergine, come supremi atti d’amore “a Dio e ai fratelli”. I giovani invitati alla Giornata mondiale della gioventù e alla liturgia penitenziale presieduta dal pontefice.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Il “sì” di Maria all’annuncio dell’angelo, il “sì” di Cristo nel compiere la volontà del Padre si rinnova nella storia con il “sì” dei santi e soprattutto dei martiri “che vengono uccisi a causa del Vangelo”: in un unico sguardo Benedetto XVI ha legato oggi all’Angelus due celebrazioni di questi giorni: la solennità dell’Annunciazione, che si celebra il 25 marzo, e la Giornata di preghiera per i missionari martiri, ricordata ieri.

L’Annunciazione, una festa molto antica a 9 mesi dal Natale, quest’anno – a causa della coincidenza con la domenica di Quaresima - viene celebrata il 26 marzo. Il papa ha però voluto ricordare “questo stupendo mistero della fede, che contempliamo ogni giorno nella recita dell’Angelus”.

“L’Annunciazione – ha continuato il papa - … è un avvenimento umile, nascosto – nessuno lo vide, nessuno lo conobbe, se non Maria –, ma al tempo stesso decisivo per la storia dell’umanità. Quando la Vergine disse il suo “sì” all’annuncio dell’Angelo, Gesù fu concepito e con Lui incominciò la nuova era della storia, che sarebbe stata poi sancita nella Pasqua come “nuova ed eterna Alleanza”.

“In realtà – ha precisato il pontefice -  il “sì” di Maria è il riflesso perfetto di quello di Cristo stesso quando entrò nel mondo, come scrive la Lettera agli Ebrei interpretando il Salmo 39: “Ecco, io vengo – poiché di me sta scritto nel rotolo del libro – per compiere, o Dio, la tua volontà” (Eb 10,7). L’obbedienza del Figlio si rispecchia nell’obbedienza della Madre e così, per l’incontro di questi due “sì”, Dio ha potuto assumere un volto di uomo. Ecco perché l’Annunciazione è anche una festa cristologica, perché celebra un mistero centrale di Cristo: la sua Incarnazione”.

“La risposta di Maria all’Angelo si prolunga nella Chiesa, chiamata a rendere presente Cristo nella storia, offrendo la propria disponibilità perché Dio possa continuare a visitare l’umanità con la sua Misericordia”. Proprio per sottolineare il “sì” dei santi e dei martiri, il papa ha ricordato la Giornata di preghiera e digiuno per i missionari martiri, celebrata ieri nell’anniversario dell’assassinio di Mons. Oscar Romero, Arcivescovo di San Salvador

Ricordando i “vescovi, sacerdoti, religiosi, religiose e laici stroncati nel compimento della loro missione di evangelizzazione e promozione umana”, il pontefice ha sottolineato che “i missionari martiri …. sono ‘speranza per il mondo’, perché testimoniano che l’amore di Cristo è più forte della violenza e dell’odio. Non hanno cercato il martirio, ma sono stati pronti a dare la vita per rimanere fedeli al Vangelo. Il martirio cristiano si giustifica soltanto come supremo atto d’amore a Dio ed ai fratelli”

E ha concluso: “In questo tempo quaresimale più frequentemente contempliamo la Madonna che sul Calvario sigilla il “sì” pronunziato a Nazaret. Unita a Gesù, il Testimone dell’amore del Padre, Maria ha vissuto il martirio dell’anima. Invochiamo con fiducia la sua intercessione, perché la Chiesa, fedele alla sua missione, dia al mondo intero testimonianza coraggiosa dell’amore di Dio”.

Dopo la preghiera dell’Angelus, prima dei saluti nelle diverse lingue, Benedetto XVI ha invitato i giovani a partecipare ai riti della Settimana Santa, a partire dalla Domenica delle Palme, il 1° aprile, in cui si celebrerà la Giornata Mondiale della Gioventù, dal tema ““Come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri” (Gv 13,34).

Il papa ha anche invitato i giovani alla Liturgia penitenziale che egli presiederà il pomeriggio di giovedì 29 marzo, nella basilica di San Pietro. “Coloro che lo desidereranno – ha spiegato Benedetto XVI - avranno la possibilità di accostarsi al Sacramento della Confessione, vero incontro con l’amore di Dio, di cui ogni uomo ha bisogno per vivere nella gioia e nella pace”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: La luce di Cristo, Principe della Pace, lungo l’intero 2007
01/01/2007
Papa: Giovani, cerchiamo il Volto di Dio; seguiamo Cristo con mani innocenti e cuore puro
01/04/2007
Benedetto XVI: Giovani di tutto il mondo venite a Colonia!
31/07/2005
Papa: il dono e l’impegno della pace anche per Betlemme e la Terrasanta
01/01/2007
Bloccati in Giordania, 2 ragazzi iracheni aspettano di raggiungere Colonia
12/08/2005