13/02/2007, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: l’amore che ha accettato la Croce chiede all’uomo di essere “accolto” e “diffuso”

Nel messaggio per la Quaresima 2007 Benedetto XVI invita a dare agli altri l’amore di Cristo, combattendo ogni forma di disprezzo della vita e di sfruttamento della persona e ad alleviare i drammi della solitudine e dell’abbandono di tante persone.

Città del Vaticano (AsiaNews) – L’amore di Dio verso l’umanità, che ha avuto la sua  massima manifestazione nella Croce,  chiede all’uomo di essere “accolto” e “diffuso”, riconoscendo le offese  alla dignità umana e combattendo tutte le forme di disprezzo per la vita e di sfruttamento delle persone. Il messaggio di Benedetto XVI per la Quaresima, reso noto oggi, si muove sulle orme dell’enciclica Deus caritas est per riflettere sul come e perché dell’amore di Dio verso l’uomo e sulla risposta della creatura verso il Creatore.

Centrato sul tema “Volgeranno lo sguardo a Colui che hanno trafitto (Gv 19,37)”, il documento torna a rilevare che nell’amore di Dio ci sono sia “agape” – “l’amore oblativo di chi ricerca esclusivamente il bene dell’altro” – sia l’”eros” – “l’amore di chi desidera possedere ciò che gli manca e anela l’unione con l’amato”. Il Papa teologo spiega che l’amore di Dio è certamente agape: “tutto ciò che l’umana creature è ed ha è dono divino”, ma anche eros: “il Creatore dell’universo mostra verso il popolo che si è scelto una predilezione che trascende ogni umana motivazione”. E “l’Onnipotente attende il ‘sì’ delle sue creature come un giovane sposo quello della sua sposa”. Ma “purtroppo fin dalle sue origini l’umanità, sedotta dalle menzogne del Maligno, si è chiusa all’amore di Dio, nell’illusione di un’impossibile autosufficienza”.

“Dio, però,  non si è dato per vinto, anzi, il ‘no’ dell’uomo è stato come la spinta decisiva che l’ha indotto a manifestare il suo amore in tutta la sua forza redentrice”. Ed è la Croce, nella quale si rivela “la pienezza dell’amore di Dio”.

La Quaresima, dunque, sia tempo di contemplazione e di riflessione sulla Croce. “La risposta che il Signore desidera da noi è innanzi tutto che noi accogliamo il suo amore e ci lasciamo attrarre da Lui. Accettare il suo amore, però, non basta. Occorre corrisponderlo e impegnarsi poi a comunicarlo agli altri: Cristo ‘mi attira a sé’ per unirsi a me, perché impari ad amare i fratelli con il suo stesso amore”.

La contemplazione della Croce, in questo suo carattere missionario, ci spingerà anche “ad aprire il cuore agli altri, riconoscendo le ferite inferte alla dignità dell’essere umano; ci spingerà in particolare, a combattere ogni forma di disprezzo della vita e di sfruttamento della persona e ad alleviare i drammi della solitudine e dell’abbandono di tante persone. La Quaresima - conclude Benedetto XVI – sia per ogni cristiano una rinnovata esperienza dell’amore di Dio donatoci in Cristo, amore che ogni giorno dobbiamo a nostra volta ‘ridonare’ al prossimo, soprattutto a chi più soffre ed è nel bisogno. Solo così potremo partecipare pienamente alla gioia della Pasqua”. (FP)

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
"Deus caritas est": l'eros e l'agape di Dio, medicina per il mondo
25/01/2006
Papa: nell'enciclica l'amore che si fa dono di sé all'altro
23/01/2006
Papa: enciclica "Deus Caritas Est", dedicata all'unica fonte dell'amore
18/01/2006
Dott. Carvalho: La Chiesa in India lavora per dare dignità alla vita umana di tutti
27/06/2018 13:25
Papa: La luce di Cristo, Principe della Pace, lungo l’intero 2007
01/01/2007