23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/05/2016, 10.50

    VATICANO

    Papa: l’amore per il potere e il denaro “tentazione mondana” della Chiesa



    “Nella strada che Gesù ci indica per andare avanti, il servizio è la regola. Il più grande è quello che più serve, quello che più è al servizio degli altri, non quello che si vanta, che cerca il potere, i soldi… la vanità, l’orgoglio… No, questi non sono i grandi”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Gesù afferma di essere venuto al mondo “per servire”, non “per essere servito”, ma spesso anche nella Chiesa la “tentazione mondana” spinge a cercare potere e denaro. L’ha detto Papa Francesco, nella messa celebrata stamattina a casa Santa Marta, prendendo spunto dal passo del Vangelo odierno, nel quale i discepoli si domandano chi sia il più grande tra loro.

    “Gesù – ha sottolineato – parla un linguaggio di umiliazione, di morte, di redenzione e loro parlano un linguaggio da arrampicatori: chi andrà più in alto nel potere?”. Questa è “una tentazione che avevano loro”, erano “tentati dal modo di pensare del mondo mondano”. Si chiedono chi sia il più grande, mentre Gesù dice loro di essere l’ultimo, “il servitore di tutti”. “Nella strada che Gesù ci indica per andare avanti, il servizio è la regola. Il più grande è quello che più serve, quello che più è al servizio degli altri, non quello che si vanta, che cerca il potere, i soldi… la vanità, l’orgoglio… No, questi non sono i grandi. E quello che è accaduto qui con gli apostoli, anche con la mamma di Giovanni e Giacomo, è una storia che accade ogni giorno nella Chiesa, in ogni comunità. ‘Ma da noi, chi è il più grande? Chi comanda?’ Le ambizioni. In ogni comunità - nelle parrocchie o nelle istituzioni - sempre questa voglia di arrampicarsi, di avere il potere”.

    “La vanità, il potere… E come e quando ho questa voglia mondana di essere con il potere, non di servire, ma di essere servito, non si risparmia mai come arrivare: le chiacchiere, sporcare gli altri… L’invidia e le gelosie fanno questa strada e distruggono. E questo noi lo sappiamo, tutti. Questo accade oggi in ogni istituzione della Chiesa: parrocchie, collegi, altre istituzioni, anche nei vescovadi… tutti. La voglia dello spirito del mondo, che è spirito di ricchezza, vanità e orgoglio”. Sono, ha evidenziato Francesco, “due modi di parlare”: Gesù insegna il servizio e i discepoli discutono su chi sia il più grande fra loro. “Gesù è venuto per servire e ci ha insegnato la strada nella vita cristiana: il servizio, l’umiltà”.

    “Quando i grandi santi dicevano di sentirsi tanto peccatori è perché avevano capito questo spirito del mondo che era dentro di loro e avevano tante tentazioni mondane”. “Nessuno di noi può dire: no, io sono una persona santa, pulita”. "Tutti noi siamo tentati da queste cose, siamo tentati di distruggere l’altro per salire in su. E’ una tentazione mondana, ma che divide e distrugge la Chiesa, non è lo Spirito di Gesù. E’ bello, immaginiamo la scena: Gesù che dice queste parole e i discepoli che dicono ‘no, meglio non domandare troppo, andiamo avanti’, e i discepoli che preferiscono discutere fra loro sopra su chi di loro sarà il più grande. Ci farà bene pensare alle tante volte che noi abbiamo visto questo nella Chiesa e alle tante volte che noi abbiamo fatto questo, e chiedere al Signore che ci illumini, per capire che l’amore per il mondo, cioè per questo spirito mondano, è nemico di Dio”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/04/2014 VATICANO
    Papa: una comunità cristiana viva in pace, "senza chiacchiere", testimoni il Risorto e abbia cura dei poveri
    L'esempio della Chiesa primitiva che "aveva un solo cuore e un'anima sola". "Questa peculiarità è tanto importante, tanto importante, perché il demonio cerca di dividerci sempre". "Lo Spirito fa l'unità. Lo Spirito ti spinge verso la testimonianza. Lo Spirito ti fa povero, perché Lui è la ricchezza e fa che tu abbia cura dei poveri".

    08/11/2016 11:42:00 VATICANO
    Papa: servire Dio in quanto figli, rifuggendo potere e slealtà

    Sono molti gli ostacoli che impediscono di servire il Signore con libertà. “Uno è la voglia di potere”, ma “Gesù ci ha insegnato che colui che comanda diventi come colui che serve. O, se uno vuole essere il primo, sia il servitore di tutti”. L’altro ostacolo, presente “anche nella vita della Chiesa”, è “la slealtà”. Questo avviene “quando qualcuno vuol servire il Signore, ma anche serve altre cose che non sono il Signore”. “Il Signore ci ha detto che nessun servo può avere due padroni”.



    21/05/2013 VATICANO
    Papa: la lotta per il potere non deve esistere nella Chiesa, perché il vero potere, secondo Gesù, è servizio
    Alla messa celebrata questa mattina nella Casa santa Marta, Francesco evidenzia come già il Vangelo mostri una discussione tra i discepoli su chi sia più grande tra di loro. Ma nella Chiesa "il più grande è quello che più serve, che più è al servizio degli altri". Questa "è la regola". E tuttavia dalle origini fino ad adesso ci sono state "lotte di potere nella Chiesa".

    16/01/2014 VATICANO
    Papa: gli scandali "vergogna della Chiesa", sono sorti là dove mancava "un legame con Dio"
    "La Parola di Dio in quegli scandali era rara; in quegli uomini e in quelle donne la Parola di Dio era rara! Non avevano un legame con Dio! Avevano una posizione nella Chiesa, una posizione di potere, anche di comodità. Ma la Parola di Dio, no!".

    23/05/2017 13:20:00 VATICANO
    Papa: una Chiesa “tiepida” piace allo spirito cattivo, ma “dà sfiducia”

    “Una Chiesa senza martiri dà sfiducia; una Chiesa che non rischia dà sfiducia; una Chiesa che ha paura di annunciare Gesù Cristo e cacciare via i demoni, gli idoli, l’altro signore, che è il denaro, non è la Chiesa di Gesù”.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®