22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/02/2016, 11.21

    VATICANO

    Papa: l’umiltà è la strada della santità e “l’unica strada per l’umiltà è l’umiliazione”



    Commentando la vicenda di re David, Francesco osserva che egli era un peccatore, ma non un corrotto. “Il fine di Davide, che è la santità, viene tramite l’umiliazione. Il fine della santità che Dio regala ai suoi figli, regala alla Chiesa, viene tramite l’umiliazione del suo Figlio, che si lascia insultare, che si lascia portare sulla Croce – ingiustamente … E questo Figlio di Dio che si umilia, è la strada della santità”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – L’umiltà è la strada della santità e “l’unica strada per l’umiltà è l’umiliazione”. E’ quanto affermato da papa Francesco nella messa celebrata stamattina a Casa santa Marta, commentando la vicenda del re Davide che, consapevole del proprio peccato, accetta le umiliazioni con spirito di fiducia nel Signore. Perché David è un peccatore, ma non un corrotto e Dio perdona il peccato, “ma le ferite di una corruzione difficilmente guariscono”.

    Re David, ha detto il Papa, “è a un passo dall’entrare nella corruzione”, ma il profeta Nathan, inviato da Dio, gli fa capire il male che aveva compiuto. David è dunque peccatore ma non corrotto, perché “un corrotto non se ne rende conto”. “Ci vuole una grazia speciale per cambiare il cuore di un corrotto. E David, che aveva il cuore nobile, ancora: ‘Ah, è vero: ho peccato!’, riconosce la sua colpa. E cosa dice Nathan? ‘Il Signore perdona il tuo peccato, ma la corruzione che tu hai seminato crescerà. Tu hai ucciso un innocente per coprire un adulterio. La spada non si allontanerà mai dalla tua Casa’. Dio perdona il peccato, Davide si converte ma le ferite di una corruzione difficilmente guariscono. Lo vediamo in tante parti del mondo”.

    David si trova a dover affrontare il figlio Assalonne, ormai corrotto, che gli fa guerra. Ma il re riunisce i suoi e decide di lasciare la città e lascia tornare indietro l’Arca, non usa Dio per difendersi. Se ne va “per salvare il suo popolo”. “E questa è la strada di santità che David, dopo quel momento in cui era entrato nella corruzione, incomincia a fare”.

    David dunque piangendo e con il capo coperto lascia la città e c’è chi lo insegue per insultarlo. Fra questi, Simei che gli dice “sanguinario”, lo maledice. David accetta questo perché “se maledice, è perché il Signore” glielo ha detto. “Poi David disse ai suoi servi: ‘Ecco, il figlio uscito dalle mie viscere cerca di togliermi la vita’. Assalonne. ‘E allora, questo beniaminita lasciatelo maledire, poiché glielo ha ordinato il Signore’. David sa vedere i segni: è il momento della sua umiliazione, è il momento nel quale lui sta pagando la sua colpa. ‘Forse il Signore guarderà alla mia afflizione e mi renderà il bene in cambio della maledizione di oggi’, e si affida nelle mani del Signore. Questo è il percorso di David, dal momento della corruzione a questo affidamento nelle mani del Signore. E questa è santità. Questa è umiltà”.

    “Io – ha proseguito Francesco – penso ognuno di noi, se qualcuno ci dice qualcosa, una cosa brutta“, “subito cerchiamo di dire che non è vero”. Oppure facciamo come Simei: “Diamo una risposta più brutta ancora”. “L’umiltà soltanto può arrivare a un cuore tramite le umiliazioni. Non c’è umiltà senza umiliazioni, e se tu non sei capace di portare alcune umiliazioni nella tua vita, non sei umile”. E’ semplice, è “matematico”.

    “L’unica strada per l’umiltà è l’umiliazione. Il fine di Davide, che è la santità, viene tramite l’umiliazione. Il fine della santità che Dio regala ai suoi figli, regala alla Chiesa, viene tramite l’umiliazione del suo Figlio, che si lascia insultare, che si lascia portare sulla Croce – ingiustamente … E questo Figlio di Dio che si umilia, è la strada della santità. E David, con il suo atteggiamento, profetizza questa umiliazione di Gesù. Chiediamo al Signore la grazia, per ognuno di noi, per tutta la Chiesa, la grazia dell’umiltà, ma anche la grazia di capire che non è possibile essere umili senza umiliazione”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/09/2015 VATICANO
    Papa: seguire la strada della Croce per resistere alle seduzioni del male
    Il serpente “è un incantatore”, ma è anche “un bugiardo”. “Ti promette tante cose ma all’ora di pagare paga male, è un cattivo pagatore”. “Se un cristiano vuole andare avanti sulla strada della vita cristiana deve abbassarsi, come si è abbassato Gesù. E’ la strada dell’umiltà, sì, ma anche di portare su di sé le umiliazioni come le ha portate Gesù”.

    06/10/2017 11:19:00 VATICANO
    Papa: la vergogna per i peccati 'è una grazia', perché apre la strada al perdono

    La vergogna “apre la porta alla guarigione”.  E “quando il Signore ci vede così, vergognati di quello che abbiamo fatto, e con umiltà chiedere perdono, Lui è l’onnipotente: cancella, ci abbraccia, ci accarezza e ci perdona.



    30/03/2016 10:57:00 VATICANO
    Papa: Dio è più grande di tutti i peccati che noi possiamo fare

    All’udienza generale Francesco illustra il Salmo “Miserere”. “L’unica cosa di cui abbiamo davvero bisogno nella nostra vita è quella di essere perdonati, liberati dal male e dalle sue conseguenze di morte”. L’amore di Dio “è un oceano in cui possiamo immergerci senza paura di essere sopraffatti: perdonare per Dio significa darci la certezza che Lui non ci abbandona mai”.



    19/01/2016 11:25:00 VATICANO
    Papa: “Non c’è alcun Santo senza passato, neppure alcun peccatore senza futuro”

    Commentando le vicende di re David, Francesco evidenzia che Dio sceglie un ragazzo, che a giudizio umano “non contava”. “Santo e peccatore. Un uomo che ha saputo unire il Regno, ha saputo portare avanti il popolo d’Israele”. Ma ha anche peccato, è stato anche un assassino. “Ma quando Dio ha inviato il profeta Natan per fargli vedere questa realtà, perché lui non si era accorto della barbarie che aveva ordinato, ha riconosciuto ‘ho peccato’ e ha chiesto perdono”.

     



    16/03/2017 12:30:00 VATICANO
    Papa: “Maledetto l’uomo che confida in se stesso”, nei beni e non nel Signore

    Chi confida nelle ricchezze, nei beni, “nella carne” è su una strada pericolosa che dal peccato, che Dio persona sempre, arriva alla corruzione, “dalla quale non si può tornare indietro”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®