20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2013, 00.00

    VATICANO

    Papa: l'Incarnazione indica che la fede deve coinvolgere tutta la vita



    All'udienza generale Benedetto XVI evidenzia come al centro del Natale c'è il "dono di sé" fatto da Dio. "Anche nel nostro donare non è importante che un regalo sia costoso o meno; chi non riesce a donare un po' di se stesso, dona sempre troppo poco".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Il mistero dell'Incarnazione, "la verità che esprimiamo col Natale", indica che Dio per aprire la strada che porta alla comunione piena con lui "non si è limitato a parlare", ma gratuitamente "ha dato se stesso": è il mistero su cui meditare per "lasciare che il Signore ci illumini e ci trasformi sempre più a immagine del suo Figlio fatto uomo per noi".

    Ancora il "grande mistero" del "Dio eterno e infinito che si è immerso nella finitezza umana per ricondurre l'uomo a Lui" nella catechesi di Benedetto XVI per l'udienza generale, con la sottolineature della "gratuità" e dell'amore espressi nel dono di sé.

    A volte, ha osservato il Papa, di fronte alla grandezza dell'evento si è più attenti agli aspetti esteriori della festa, ai "colori" della festa, che "al cuore della grande novità cristiana che celebriamo: qualcosa di assolutamente impensabile, che solo Dio poteva operare e in cui possiamo entrare solamente con la fede. Il Logos, che è presso Dio, il Logos che è Dio, per il quale furono create tutte le cose", diventa carne e "prende dimora in mezzo a noi, diventa uno di noi". "Il Figlio di Dio ha lavorato con mani d'uomo, ha pensato con mente d'uomo, ha agito con volontà d'uomo, ha amato con cuore d'uomo".

    "E' importante allora recuperare lo stupore di fronte al mistero, lasciarci avvolgere dalla grandezza di questo evento". Dio "ha percorso come uomo le nostre strade, entrando nel tempo dell'uomo, per comunicarci la sua stessa vita. E lo ha fatto non con lo splendore di un sovrano, che assoggetta con il suo potere il mondo, ma con l'umiltà di un bambino".

    A Natale, ha osservato poi il Papa, di solito si scambia qualche dono con le persone più vicine. Talvolta può essere un gesto fatto per convenzione, ma generalmente esprime affetto, è un segno di amore e di stima". E la liturgia, nella messa dell'aurora a Natale parla di "misterioso scambio di doni". "Il pensiero della donazione, quindi è al centro della liturgia e richiama alla nostra coscienza l'originario dono del Natale: in quella notte santa Dio, facendosi carne, ha voluto farsi dono per gli uomini, ha dato se stesso per noi; Dio ha assunto la nostra umanità per donarci la sua divinità. Questo è il grande dono. Anche nel nostro donare non è importante che un regalo sia costoso o meno; chi non riesce a donare un po' di se stesso, dona sempre troppo poco; anzi, a volte si cerca proprio di sostituire il cuore e l'impegno di donazione di sé con il denaro, con cose materiali. Il mistero dell'Incarnazione sta ad indicare che Dio non ha fatto così: non ha donato qualcosa, ma ha donato se stesso nel suo Figlio Unigenito. E troviamo qui il modello del nostro donare, perché le nostre relazioni, specialmente quelle più importanti, siano guidate dalla gratuità e dall'amore".

    "Il fatto dell'Incarnazione, di Dio che si fa uomo come noi, ci mostra l'inaudito realismo dell'amore divino. L'agire di Dio, infatti, non si limita alle parole, anzi potremmo dire che Egli non si accontenta di parlare, ma si immerge nella nostra storia e assume su di sé la fatica e il peso della vita umana".

    "Questo modo di agire di Dio - la conclusione del Papa - è un forte stimolo ad interrogarci sul realismo della nostra fede, che non deve essere limitata alla sfera del sentimento, delle emozioni, ma deve entrare nel concreto della nostra esistenza, deve toccare cioè la nostra vita di ogni giorno e orientarla anche in modo pratico. Dio non si è fermato alle parole, ma ci ha indicato come vivere, condividendo la nostra stessa esperienza, fuorché nel peccato".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/12/2006 VATICANO
    Papa: nella notte in cui Dio si è fatto bambino, pensiamo ai bimbi che soffrono
    Nella notte di Natale, Benedetto XVI sottolinea come la nascita di un piccolo indifeso e bisognoso di aiuto avvicina Dio all’uomo. Il dono di Dio insegni che vero dono è quello di “qualcosa di sé”.

    07/10/2012 VATICANO
    Papa: Gesù il Cristo, punto centrale e terminale dell'evangelizzazione
    Benedetto XVI presiede l'eucaristia che dà inizio al Sinodo sulla nuova evangelizzazione. Esso è dedicato soprattutto alle persone che si sono allontanate dalla Chiesa. Ma completa e feconda anche la missione ad gentes. Il matrimonio cristiano "soggetto" della nuova evangelizzazione, davanti alla "dolorosa realtà di tanti matrimoni che purtroppo finiscono male". Il sacerdote Giovanni d'Avila - missionario e predicatore - e la benedettina Ildegarda di Bingen - musicista, scrittrice, scienziata, mistica - proclamati dottori della Chiesa universale. Per la buona riuscita del Sinodo, chiesta l'intercessione del beato Giovanni Paolo II, "esempio di nuova evangelizzazione". Il vero programma dell'Assemblea sinodale è la conversione e la riconciliazione "con Dio e con il prossimo". Il Rosario in famiglia e nelle comunità sia la preghiera per l'Anno della fede.

    05/01/2011 VATICANO
    Papa: “annunciamo con gioia al mondo” l’Epifania, la “manifestazione” di Gesù
    All’udienza generale Benedetto XVI dice che Il Natale “non è solo un ricodo del passato, ma un fatto che si svolge sotto i nostri occhi”. Occorre riscattare questo Tempo da “un rivestimento troppo moralistico e sentimentale”, esso “non ci propone solo degli esempi da imitare, quali l’umiltà e la povertà del Signore, la sua benevolenza e amore verso gli uomini; ma è piuttosto l’invito a lasciarci trasformare totalmente da Colui che è entrato nella nostra carne”.

    01/04/2012 VATICANO
    Papa: Inizia la Settimana Santa. Domandiamoci chi è per noi Gesù di Nazaret
    Benedetto XVI celebra il rito della Domenica delle Palme, che dà inizio alla Settimana Santa, che coincide con la 27ma Giornata mondiale della gioventù. Ricevere da Cristo "lo sguardo della benedizione: uno sguardo sapiente e amorevole, capace di cogliere la bellezza del mondo e di compatirne la fragilità", perché Dio non prova "disgusto" per nessuna delle cose che ha creato. Ai giovani: la Domenica delle Palme è "il giorno della decisione, la decisione di accogliere il Signore e di seguirlo fino in fondo", come ha fatto S. Chiara, della quale si celebra gli 800 anni della sua conversione e consacrazione. "Lode", "ringraziamento" e "preghiera" per "stare in comunione profonda d'amore con Cristo che soffre, muore e risorge per noi". Un “saluto speciale” ai Comitati per la GMG di Madrid e di Rio de Janeiro.

    21/12/2011 VATICANO
    Papa: vivere il Natale nel suo vero senso, quello sacro e cristiano
    Udienza generale dedicata all’approssimarsi dell’Incarnazione. Gli aspetti esteriori, pure belli e importanti, non assorbano il significato di una festa che celebra “il mistero che ha segnato e continua a segnare la storia dell’uomo: Dio si è fatto uomo ed è venuto in mezzo a noi”. E c’è ancora oggi. In questi giorni non ci si dimentichi dei più bisognosi.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®