17 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/06/2012, 00.00

    VATICANO

    Papa: l'eucaristia, il Signore rimane al di là del tempo della celebrazione, per stare sempre con noi



    All'Angelus Benedetto XVI ricorda la celebrazione del Corpus Domini. "Commozione" per quanti nelle zone terremotate debbono celebrare la domenica fuori dalle chiese. "Vivo apprezzamento" per i donatori di sangue.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - La festa del Corpus Domini, che oggi viene celebrata in numerosi Paesi, "è un grande atto di culto pubblico dell'Eucaristia, Sacramento nel quale il Signore rimane presente anche al di là del tempo della celebrazione" e rinnova la tradizione dell'adorazione eucaristica,  l'importanza della quale Benedetto XVI ha ricordato giovedì scorso, ceblerando a Roma, la festa.

    Oggi, all'Angelus, il Papa ha ricordato quella pratica religiosa, ma ha soprattutto rivolto il suo pensiero alle celebrazioni domenicali in Emilia-Romagna, nelle zone colpite dal terremoto e, dopo la recita della preghiera marana, ricordando che oggi si celebra la Giornata mondiale del donatore di sangue, promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità ha espresso "vivo apprezzamento" per i donatori di sangue, definito "forma di solidarietà, indispensabile per la vita di tanti malati".

    "La festa del Corpus Domini - ha detto prima della preghiera mariana - è un grande atto di culto pubblico dell'Eucaristia, Sacramento nel quale il Signore rimane presente anche al di là del tempo della celebrazione, per stare sempre con noi, lungo il trascorrere delle ore e delle giornate. Già san Giustino, che ci ha lasciato una comunione ai presenti, il pane consacrato veniva portato dai diaconi anche agli assenti".

    Per questo, ha detto ancora, "nelle chiese il luogo più sacro è proprio quello in cui si custodisce l'Eucaristia. Non posso a questo proposito - ha aggiunto - non pensare con commozione alle numerose chiese che sono state gravemente danneggiate dal recente terremoto in Emilia Romagna, al fatto che anche il Corpo eucaristico di Cristo, nel tabernacolo, è rimasto in alcuni casi sotto le macerie.  Con affetto prego per le comunità, che con i loro sacerdoti devono riunirsi per la Santa Messa all'aperto o in grandi tende; le ringrazio per la loro testimonianza e per quanto stanno facendo a favore dell'intera popolazione. E' una situazione che fa risaltare ancora di più l'importanza di essere uniti nel nome del Signore, e la forza che viene dal Pane eucaristico, chiamato anche «pane dei pellegrini». Dalla condivisione di questo Pane nasce e si rinnova la capacità di condividere anche la vita e i beni, di portare i pesi gli uni degli altri, di essere ospitali e accoglienti".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/06/2015 VATICANO
    Papa: enciclica sul creato faccia crescere “responsabilità verso la casa comune che Dio ci ha affidato”
    Per entrare a far parte del Regno di Dio “bisogna essere poveri nel cuore; non confidare nelle proprie capacità, ma nella potenza dell’amore di Dio; non agire per essere importanti agli occhi del mondo, ma preziosi agli occhi di Dio, che predilige i semplici e gli umili”. “Specialmente i giovani” seguano l’esempio dei donatori di sangue.

    26/06/2012 VATICANO - ITALIA
    Il Papa ai terremotati dell'Emilia Romagna: Non siete e non sarete soli
    Benedetto XVI abbraccia i rappresentanti delle famiglie sfollate che vivono nelle tendopoli da diverse settimane. Elogio alla "socievolezza" e "laboriosità" della popolazione emiliana. Si può ricostruire con la solidarietà e con la forza della "Roccia del Dio Amore". Il papa dona 500mila euro per le famiglie terremotate.

    09/04/2009 VATICANO
    Papa: nell’eucaristia Gesù ha trasformato il pane, l’uomo, il mondo
    Benedetto XVI con la celebrazione della messa che rievoca l’Ultima cena ha aperto il triduo pasquale. Il Papa ha deciso che i funerali delle vittime del terremoto in Abruzzo saranno celebrate dal cardinal Bertone e che, a sottolineare la sua personale partecipazione, ci sarà anche il suo segretario particolare, mons. Gänswein.

    24/06/2012 VATICANO
    La carità del Papa: Accompagnatemi con la preghiera fra i terremotati dell'Emilia
    All'Angelus, Benedetto XVI ricorda che il 26 giugno si recherà sui luoghi del terremoto in Emilia Romagna. Il papa ha donato 100 mila euro alle popolazioni colpite, che vanno ad aggiungersi ai due milioni di euro stanziati dalla Conferenza episcopale italiana. Il ringraziamento per le offerte nella Giornata della carità del papa. La figura di Giovanni Battista, il precursore di Gesù.

    15/08/2012 VATICANO
    Papa: L'Assunzione al cielo di Maria, il mistero della Pasqua di Cristo realizzato in lei
    All'Angelus, Benedetto XVI ricorda il valore della solennità dell'Assunzione di Maria al cielo, festeggiata dalle Chiese in Oriente e in Occidente fin dai primi secoli del cristianesimo. Maria "si colloca tra i «poveri» e gli «umili», che non fanno affidamento sulle proprie forze, ma che si fidano di Dio, che fanno spazio alla sua azione capace di operare cose grandi proprio nella debolezza".



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®