27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/12/2009, 00.00

    VATICANO

    Papa: la Chiesa promuove lo sviluppo integrale dell’uomo in risposta all’amore di Dio



    Celebrando il Te Deum di ringraziamento di fine anno Benedetto XVI sotttolinea come con l’Incarnazione “l’eternità è entrata nel tempo”. Una scelta compiuta per amore. “La Parola, creduta, annunciata e vissuta ci spinge a comportamenti di solidarietà e di condivisione”.
    Città del Vaticano (AsiaNews) –La Chiesa è impegnata a promuovere lo sviluppo integrale della persona in risposta all’amore donatoci da Dio con l’Incarnazione. Il solenne Te Deum di ringraziamento di fine anno, celebrato da Benedetto XVI questa sera nella basilica di San Pietro, è stato dedicato dal Papa a una rifessione sul significato che il tempo e la vita hanno dopo quell’evento. Momento che egli ha in certo modo “rivisto”, al termine della celebrazione, quando si è recato a visitare il grande presepe allestito in piazza San Pietro.
     
    Al’omelia, Benedetto XVI ha dunque detto che con la venuta di Gesù nel mondo “l’eternità è entrata nel tempo, e la storia dell’uomo si è aperta al compimento nell’assoluto di Dio. Il tempo è stato - per così dire – ‘toccato’ da Cristo, il Figlio di Dio e di Maria, e da lui ha ricevuto significati nuovi e sorprendenti: è diventato tempo di salvezza e di grazia. Proprio in questa prospettiva dobbiamo considerare il tempo dell’anno che si chiude e di quello che inizia, per porre le più diverse vicende della nostra vita - importanti o piccole, semplici o indecifrabili, gioiose o tristi - sotto il segno della salvezza ed accogliere la chiamata che Dio ci rivolge per condurci verso una meta che è oltre il tempo stesso: l’eternità”.
     
    “Solo contemplando il mistero del Verbo incarnato, l’uomo può trovare la risposta ai grandi interrogativi dell’esistenza umana e scoprire così la verità sulla propria identità. Per questo la Chiesa, in tutto il mondo e anche qui, nell’Urbe, è impegnata a promuovere lo sviluppo integrale della persona umana”.
     
    In tale prospettva il Papa, vescovo di Roma, ha parlato anche di alcune iniziative della diocesi, in particolare della programmazione di una serie di incontri culturali, che avranno come tema la sua recente Enciclica Caritas in veritate. “Da diversi anni – ha proseguito - tante famiglie, numerosi insegnanti e le comunità parrocchiali si dedicano ad aiutare i giovani a costruire il loro futuro su solide fondamenta, in particolare sulla roccia che è Gesù Cristo”.
     
    “La Parola, creduta, annunciata e vissuta ci spinge a comportamenti di solidarietà e di condivisione. Nel lodare il Signore per l’aiuto che le comunità cristiane hanno saputo offrire con generosità a quanti hanno bussato alle loro porte, desidero incoraggiare tutti a proseguire nell’impegno di alleviare le difficoltà in cui versano ancora oggi tante famiglie provate dalla crisi economica e dalla disoccupazione. Il Natale del Signore, che ci ricorda la gratuità con la quale Dio è venuto a salvarci, facendosi carico della nostra umanità e donandoci la sua vita divina, possa aiutare ogni uomo di buona volontà a comprendere che solo aprendosi all’amore di Dio l’agire umano cambia, si trasforma, diventando lievito di un futuro migliore per tutti”.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/12/2010 VATICANO
    Papa: pur carico di mali, con la venuta di Gesù il tempo dell’uomo è tempo di salvezza
    Nel Te Deum di ringraziamento per l’anno trascorso, Benedetto XVI sottolinea come il tempo “scandito nei suoi ritmi annuali, mensili, settimanali e quotidiani, è abitato dall’amore di Dio, dai suoi doni di grazia”.

    31/12/2014 VATICANO
    Papa: il nostro tempo ha avuto un inizio e avrà una fine, chiediamoci se viviamo da figli di Dio o da schiavi del diavolo
    "Occorre difendere i poveri, e non difendersi dai poveri", "occorre servire i deboli e non servirsi dei deboli!". La fine dell'anno è momento per un esame di coscienza. "Da questo esame di coscienza dipende anche, per noi cristiani, la qualità del nostro operare, del nostro vivere, della nostra presenza nella città, del nostro servizio al bene comune, della nostra partecipazione alle istituzioni pubbliche ed ecclesiali".

    31/12/2013 VATICANO
    Papa: un anno che finisce è un passo verso la speranza dell'incontro con Dio
    Al Te Deum di ringraziamento la riflessione di papa Francesco sul trascorrere del tempo nella visione cristiana. "Domandiamoci: come abbiamo vissuto il tempo che Lui ci ha donato? Lo abbiamo usato soprattutto per noi stessi, per i nostri interessi, o abbiamo saputo spenderlo anche per gli altri? E Dio?". I "contrasti" che esistono nella città di Roma.

    03/06/2009 VATICANO
    Papa: durante il lavoro o la vacanza riserviamo sempre un tempo per Dio
    All’udienza generale Benedetto XVI illustra la figura di Rabano Mauro, personaggio “straordinario” dell’Alto Medioevo, detto “praeceptor Germaniae”. Egli insegna che “chi non dedica al Signore uno spazio della sua vita si priva da se stesso della luce di Dio, e permette ai suoi pensieri di essere travolti dalle cose del mondo".

    16/01/2013 VATICANO
    Papa: tutti, anche gli atei, vogliono vedere il volto di Dio
    All'udienza generale Benedetto XVI definisce l'Incarnazione "qualcosa di inimmaginabile, il volto di Dio si può vedere, trova compimento il cammino iniziato con Abramo". Nella Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani chiedere "con insistenza il grande dono" di "annunciare insieme che Gesù è il salvatore del mondo".



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®